Passaggio Obbligatorio al Mercato Libero: tutto quello che c'è da sapere

confronto luce e gasconfronto luce gas

Dall'1 gennaio 2022 sarà Obbligatorio il Mercato Libero!

Come fare? Chi è il migliore fornitore luce e gas? Ha un costo? Chiedilo ad un Esperto. Servizio gratuito e senza impegno.

Passaggio al mercato libero: la guida completa.
Mercato libero dell'energia: Come avverrà il passaggio? Quali sono i vantaggi? Cosa cambia? Ecco la guida completa.

A partire da gennaio 2022 scomparirà definitivamente il Servizio di Maggior Tutela, e tutti gli utenti del mercato tutelato saranno obbligati a scegliere un fornitore, sia per la luce che per il gas, tra quelli presenti nel mercato libero. Ma cosa significa e quali sono le implicazioni? Vediamo insieme tutte le news dal mercato libero dell'energia.


passaggio obbligatorio al mercato libero energia

Passare al mercato libero

Come avverrà il Passaggio Obbligatorio al Mercato Libero?


Al momento in Italia coesistono due tipi di mercati dell'energia: il mercato libero ed il mercato tutelato. Nel gennaio 2022 quest'ultimo scomparirà definitivamente, per cui sarà necessario che tutti i clienti del tutelato effettuino il passaggio al mercato libero. Il servizio di maggior tutela, garantito da apposite società di vendita (Servizio Elettrico Nazionale, Servizio Elettrico Roma, Il Servizio Elettrico, ecc.) o dalle imprese distributrici con meno di 100.000 utenti allacciati alla propria rete, è nato, in via transitoria, per supportare le famiglie e le piccole imprese che non erano ancora in grado di scegliere un fornitore nel mercato libero. Motivo per cui, una volta raggiunta la consapevolezza da parte dei clienti finali, il mercato tutelato scomparirà ed i suoi clienti dovranno gradualmente esaurirsi, anche grazie alle disposizioni di legge in materia.

Passaggio obbligatorio dal 2021 per le PMIAttenzione però: il decreto milleproroghe, nel posticipare a gennaio 2022 la chiusura del tutelato, ha anche confermato il passaggio definitivo al 2021 (gennaio 2021) per le PMI.

In tale ottica, il passaggio al mercato libero diventa obbligatorio per i clienti in Maggior Tutela: il lato positivo è che non bisognerà aspettare gennaio 2022, ma anzi è bene anticiparsi per non arrivare impreparati. Una domanda sorge frequente: rischio di ritrovarmi senza fornitore quando la fine del tutelato sarà effettiva? La risposta è no, perché chi perde il proprio fornitore, passa in automatico al mercato di Salvaguardia. Ma andiamo per ordine e analizziamo le mercato libero news per capire cosa succederà allo scattare di gennaio 2022. 

Vantaggi del Passaggio al Libero Mercato dell'Energia

  1. Il passaggio al mercato libero è gratuito, non prevede interruzioni del servizio né interventi tecnici al contatore luce o al contatore gas;
  2. Le tariffe del mercato libero sono più convenienti rispetto a quelle del regolamentate. Inoltre le offerte luce e gas del libero mercato, includono servizi aggiuntivi, sconti, programmi fedeltà e offerte energia verde: prodotti e servizi inesistenti nel mercato di maggior tutela;
  3. Le tariffe del tutelato cambiano ogni tre mesi perchè influenzate dall'incontro tra domanda ed offerta nel mercato all'ingrosso. Ciò significa che il prezzo a cui i clienti del tutelato pagano l'energia aumenta o diminuisce ogni tre mesi, rendendo la spesa in bolletta meno prevedibile;
  4. A differenza del prezzo regolamentato, le tariffe luce e gas Enel Energia, Eni, Acea Energia, Sorgenia, ecc. (ovvero dei fornitori del mercato libero) sono a prezzo bloccato o indicizzato a seconda della volontà e delle esigenze del cliente.
  5. Confrontando la tariffa più competitiva del libero mercato con i prezzi del mercato tutelato, si calcola che un utente tipo (residente e con consumi energetici di 2700 KWh per la luce e di 1400 Smc per il gas) può risparmiare fino a 150 € all'anno passando dal mercato tutelato al libero mercato;
  6. I clienti del mercato tutelato non possono avere lo stesso fornitore per luce e gas. I clienti del libero mercato, invece, possono sottoscrivere un'offerta luce e gas dello stesso fornitore ed avere così un solo servizio clienti ed una sola app per la gestione delle utenze sia di luce che di gas, nonché sconti esclusivi per chi decide di attivare sia luce che gas.

Come passare al Mercato Libero di Luce e Gas?

Serve aiuto? Chiama lo 02 8295 8097 per conoscere le migliori offerte del mercato libero o fatti richiamare da un esperto luce e gas. Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 20 e il sabato dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18.

Lo scorso anno sono usciti dal mercato di maggior tutela 1,5 milioni di clienti domestici e 0,3 milioni di clienti altri usi. Stando alla relazione ARERA del 2018, nel 2017 il cambio fornitore dei clienti nel mercato elettrico è aumentato rispetto all'anno precedente: circa il 10,3% dei clienti hanno cambiato fornitore almeno una volta durante il corso dell'anno. Entrare nel mercato libero è semplice: l'operazione necessaria è appunto il cambio gestore.

Per lasciare il mercato tutelato dovrai semplicemente sottoscrivere un nuovo contratto di fornitura con un fornitore del mercato libero ed il gioco è fatto. Sarà il nuovo fornitore ad occuparsi di tutto (anche di comunicare all'attuale gestore del tutelato l'avvenuta disdetta del contratto in essere) e nel giro di un mese inizieranno ad arrivare le bollette a nome del nuovo gestore. Per passare al mercato libero dovrai semplicemente scegliere l'offerta più conveniente e fornire i seguenti dati in fase di sottoscrizione del nuovo contratto:

  • Dati anagrafici dell'intestatario della fornitura;
  • Codice POD per l'energia elettrica e codice PDR per il gas (codici identificativi dell'utenza). Puoi trovarli tra i dati di fornitura nell'ultima bolletta;
  • Indirizzo di fornitura e indirizzo di fatturazione se diverso dal primo;
  • Indirizzo email se scegli di ricevere le bollette tramite posta elettronica;
  • Se scegli un'offerta web (al momento le più conveniente del mercati libero) ti occorrerà l'IBAN per l'accredito automatico della bolletta su conto corrente.

Cosa cambia in Bolletta col Passaggio al mercato libero?

Anche la bolletta della luce e la bolletta del gas non subiranno dei cambiamenti. A cambiare sarà il nome del fornitore che emetterà le fatture ed ovviamente il costo al kWh ed il costo Smc, che determinano la spesa materia prima e la spesa materia energia. La struttura rimarrà la stessa, così come tutte le voci al suo interno: troverai i dati della tua fornitura, la sintesi degli importi fatturati con il famoso grafico a torta, il dettaglio dei consumi e le comunicazioni al cliente. Ma cosa accadrà nel caso i clienti del mercato tutelato non passassero al mercato libero entro gennaio 2022? Questo punto è ancora tutto da vedere.

Quali Offerte Luce e Gas convengono nel Mercato LiberoAbbiamo preparato per te la classifica delle migliori tariffe luce e delle migliori tariffe gas aggiornata mese per mese.

Cosa si intende per Mercato tutelato e Mercato libero?

Il mercato tutelato, o anche definito Servizio di Maggior Tutela, è il regime tariffario stabilito dall''Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente. Questo significa che le condizioni economiche della fornitura sono regolate dall'ARERA, la quale fissa il prezzo di luce e gas e lo cambia trimestralmente a seconda dell'andamento dei prezzi del mercato.

Il Servizio di Maggior Tutela per quanto riguarda l'energia elettrica è affidato ai fornitori il cui Gruppo possiede anche una società di distribuzione. Il principale distributore in Italia è e-Distribuzione (gruppo Enel), ma varia di zona in zona; a Roma, per esempio, è Areti (ex Acea Distribuzione).

Un esempio concreto: Enel vs Servizio Elettrico Nazionale

Il Servizio Elettrico Nazionale è la società del Gruppo Enel che vende energia elettrica ai clienti in maggior tutela. Enel Energia è la società dello stesso Gruppo che vende energia elettrica e gas nel libero mercato dell'energia. Ricapitolando, se la domanda a cui stai cercando di rispondere è "Il Servizio Elettrico Nazionale chiude?" la risposta è no, il Servizio Elettrico Nazionale non "chiude", ma sarà il Servizio di Maggior Tutela che sparirà (fine del Tutelato a gennaio 2022). Di conseguenza, non si può prevedere cosa accadrà al Servizio Elettrico Nazionale (SEN). Ecco perché è consigliato iniziare a guardare le offerte Enel Mercato Libero sin da subito, così puoi trovare quelle più convenienti per uscire dal mercato tutelato e attivarle.

Offerte Luce e Gas del mercato libero

È importante conoscere il mercato libero e i suoi fornitori, avere una panoramica di offerte tra le quali scegliere e confrontarle. Per chi è ancora cliente del mercato tutelato, esistono anche delle offerte create ad hoc, proposte dai principali fornitori del mercato libero. Spesso le tariffe più convenienti sono riservate ai nuovi clienti e prevedono la domiciliazione su conto corrente e la bolletta digitale.

Offerte per Passare al Mercato Libero
NOME OFFERTA SPESA MENSILE* VANTAGGI
Sorgenia Next Energy Luce e Gas
sorgenia
Luce 27,9 €/mese
Gas 44,5 €/mese
Prezzo basso fisso per 1 anno, Buono Amazon 100€ se attivi oggi luce e gas
Vai al sito 041 852 1269
Enel Sempre con Te Luce
enel
Luce 33,8 €/mese
Prezzo biorario bloccato 1 anno, pagamento RID
Vai al sito06 9480 8228
Eni Scelta Sicura Luce
eni
Luce 36,8 €/mese
Prezzo del tutelato scontato 20%, RID e bolletta web
Vai al sito 011 1962 1333
Green Network Tutela Home Luce (scaduta)
sorgenia
Luce 31,9 €/mese
Tariffa maggior tutela (monoraria e bioraria)
Parla con noi 010 848 0161

*La spesa mensile è calcolata con un consumo di 1800 kWh/anno per la luce e 800 Smc/anno per il gas ad uso riscaldamento di una famiglia di 3 persone.

Non hai trovato nessuna offerta per l'energia elettrica che ti soddisfa? Prova a leggere la pagina dell'Offerta Luce più conveniente.

Cosa significa Fine del Servizio di Maggior Tutela?

Il processo di liberalizzazione del mercato, in Italia cominciato in ritardo rispetto agli altri Paesi europei, ha avuto inizio nel 1999 col Dl. n. 79 del 16 marzo, meglio conosciuto come decreto Bersani, il quale creava un libero mercato che negli anni successivi ha gradualmente permesso la liberalizzazione delle attività di produzione, importazione, esportazione, acquisto e vendita di energia elettrica, fino ad arrivare, nel 2007, alla sua completa liberalizzazione. Oggi, dunque, l'utente può scegliere la tariffa, l'offerta e il fornitore che preferisce in base a ciò che gli conviene maggiormente, alle sue abitudini e alle sue esigenze. Grazie al Ddl Concorrenza, divenuto legge nell'agosto del 2017, il mercato tutelato verrà totalmente abolito, dando vita a un mercato libero più dinamico e ad una concorrenza più forte tra i vari fornitori, dalla quale conseguirà una diminuzione dei prezzi per gli utenti. Questo vuol dire che i clienti finali che si riferiscono ancora al mercato tutelato dovranno obbligatoriamente passare al mercato libero.  Per accompagnare i clienti verso il mercato tutelato a quello libero, l'Autorità ha predisposto delle offerte apposite, che rendono meno repentino il passaggio obbligatorio:

Leggi anche la guida definitiva "Come avverrà la fine del tutelato?", basata sulle disposizioni di ARERA e del MISE.

Cos'è il mercato della Tutela Simile?

L'offerta Tutela Simile, che riguarda solamente le forniture di energia elettrica, nasce con lo scopo di dare ai clienti del tutelato la possibilità di sperimentare un'offerta simile a quelle proposte dal mercato libero. La sua struttura è standard ma ha delle caratteristiche obbligatorie e ben definite dall'Autorità:

  1. Il contratto ha la durata di un anno e non è rinnovabile; il cliente, alla scadenza dell'accordo potrà decidere di cambiare fornitore o di rimanere con lo stesso, ma scegliendo un'offerta differente
  2. Le condizioni economiche sono le stesse del mercato tutelato
  3. Se il cliente rimane con lo stesso fornitore per un anno, può avere diritto a un bonus
  4. Il contratto è online e può essere sottoscritto sul portale web Tutela Simile

Può accedere alla Tutela Simile chi è già cliente del mercato tutelato e chiunque appartenga alla tipologia di clienti aventi diritto al mercato tutelato. Questi clienti corrispondono sia a utenze domestiche che ad aziende che rispettano alcuni parametri: connessione in bassa tensione, un numero di dipendenti inferiore a 50 e un fatturato inferiore a 10 milioni di euro.

Offerte PLACET: un ibrido tra Offerte Mercato Libero e Tutelato

Le PLACET (Prezzo Libero A Condizioni Equiparate di Tutela) sono delle offerte che da marzo 2018 devono essere obbligatoriamente presenti nei cataloghi di tutti i fornitori. Hanno delle caratteristiche standard che le rende definibili come ibride, poiché si trovano più o meno a metà strada tra il servizio di maggior tutela (le condizioni contrattuali sono definite dall'Autorità) e il mercato libero (il prezzo è stabilito dal fornitore). Non sono previsti servizi aggiuntivi (come manutenzione degli impianti, installazione di climatizzatori, ...). Possono accedere alle offerte PLACET, i clienti domestici e non domestici che sono connessi in bassa tensione (energia elettrica) o che sono titolari di PDR con consumi annui inferiori a 200.000 Smc (gas naturale). Ecco alcune peculiarità:

  1. Le condizioni generali di fornitura sono predisposte dall'Autorità tramite un modulo uguale per tutti i fornitori;
  2. Le strutture di prezzo sono differenziate in base al cliente rispetto ai costi di approvvigionamento e commercializzazione;
  3. Il cliente può scegliere tra due formule di prezzo: un prezzo fisso bloccato per un anno, negoziato tra venditore e cliente finale, oppure un prezzo variabile in base ad un'indicizzazione predeterminata dall'Autorità e al valore all'ingrosso della materia energia o gas.
aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche