Tariffa BTA per Utenze Non Domestiche: quante spese fisse?

Info business luce gasInfo business luce gas

Confronta le Offerte di Energia Elettrica per Partita IVA

Gli uffici sono chiusi, compila il form per essere ricontattato quando preferisci. Servizio Gratuito e senza impegno.

tariffe bta
Tutte le informazioni sulla tariffa BTA, bassa tensione altri usi, per i clienti non domestici (piccoli consumatori e le piccole imprese)

Tutto quello che c'è da sapere sulla tariffa BTA, Bassa Tensione Altri usi, della bolletta dell'energia elettrica dei clienti non domestici, applicata alle utenze come negozi, uffici, garage e locali commerciali ma anche alle aziende.
Ecco quanto si paga per la luce: quali sono gli oneri di sistema e le spese fisse nella bolletta a seconda della potenza del contatore.

Nel mercato libero si trovano tante offerte dell'energia dei gestori che stabiliscono il prezzo della spesa energia. Nella bolletta, oltre a questa spesa, troviamo anche altri oneri che stabilisce l'Autorità e che si pagano indipendentemente dal consumo.
Tra qualche minuto saprai cosa significa la sigla BTA e quali sono gli oneri da pagare in bolletta , comprese le quote fisse che cambiano in base alla potenza impegnata, per questo tipo di utenze non domestiche.

Cos'è la tariffa BTA altri usi del Contatore Non Domestico?

energia elettrica aziende

Attiva l'energia per la tua azienda

Prima di tutto chiariamo che la tariffa BTA sta per Bassa Tensione Altri usi ed è destinata ai clienti non domestici connessi in bassa tensione. Si differenzia quindi dai contratti di energia ad uso domestico trattandosi di una tariffa che riguarda le utenze per Usi Diversi dalle Abitazioni, chiamata in gergo anche tariffa UDA.
Questo regime tariffario viene applicato a tutti i contatori luce dei negozi e dei locali commerciali, degli uffici e dei garage e anche per il contatore del palazzo, dedicato all'illuminazione del vano scale e all'ascensore.
Nella bolletta dell'energia elettrica in Tipologia Cliente troverai l'indicazione: Utenza Altri Usi, applicata alle seguenti utenze:

  • Secondo contatore in un'abitazione domestica (per le pertinenze);
  • Utenza del box o garage;
  • Negozi, uffici, locali commerciali, magazzini e capannoni;
  • Contatore del condominio, per la luce del vano scale del palazzo o per l'ascensore;
  • Piccole aziende connesse in bassa tensione.

Il Mercato Tutelato termina a gennaio 2021 per le imprese Scopri tutte le novità sulla fine della Maggior Tutela per le Aziende (PMI) e cosa accade a chi non sceglie un gestore nel mercato libero rimanendo nel tutelato.

Offerte di luce per Negozio, Ufficio e Aziende

Ecco alcune offerte per l'energia elettrica e gas metano dei principali fornitori del mercato, dedicate alle utenze non domestiche che devono attivare un contratto a partita IVA. Il prezzo al kWh indicato si riferisce alla componente energia e materia prima gas.

Offerte Luce e Gas per Negozi e Aziende - 2021
NOME OFFERTA PREZZO €/kWh - €/Smc VANTAGGI
Sorgenia Next E-Business Luce e Gas
sorgenia
Luce: 0,139
Gas: 0,63
Prezzo basso fisso per 24 mesi, Bonus 60€ se porti un Amico, Buono Amazon fino a 160€ se attivi luce e gas.
Vai al sito Parla con noi
Eni Link Business
eni
Luce
F0: 0,148
F12: 0,150
F3: 0,145
Gas: 0,63
Attivabile online, prezzo bloccato per 2 anni, RID bancario obbligatorio e bolletta web.
Vai al sito Parla con noi
Enel E-light Impresa Luce e Gas
enel
Luce
F0: 0,107
F1: 0,073
F23: 0,073
Gas: 0,23
Prezzo bloccato 1 anno con Sconto del 100% il 1° mese, Energia da fonti rinnovabili, Pagamento con domiciliazione bancaria e Bolletta Digitale.
Attiva ora
Iren 4 Business Luce e Gas
iren
Luce
F0: 0,127
F12: 0,131
F3: 0,118
Gas: 0,58
Prezzo fisso 1 anno, domiciliazione o bollettino postale.
Attiva ora

Queste offerte sono disponibili solo per le utenze non domestiche come ad esempio: negozi e botteghe, magazzini, centri sportivi, ristoranti, bar, pizzerie, laboratori come falegnamerie, forni, caseifici, autocarrozzerie, rimesse, ma anche piccole imprese, fabbricati per attività industriali e aziende agricole.
Tutti questi immobili rientrano nella categoria catastale C (C1, C2, C3...), ossia locali di uso terziario e commerciale, e hanno una tariffa BTA nella bolletta luce.

Come cambia la Tariffa Aziendale con la Potenza

Le tariffe BTA sono applicabili alle utenze intestate ad un'azienda a partita IVA con connessione permanente, oppure anche con connessione temporanea per forniture da cantiere. La tariffa altri usi è quindi di riferimento sia per un'azienda sia per il contratto luce di un piccolo negozio o locale commerciale.
Viene quindi differenziata in base alla potenza impegnata, alla tipologia del contatore presente sul punto di fornitura e del contratto.

Le tipologie di contratto previste dall'Autorità sono suddivise in diversi scaglioni di potenza impegnata. La prima è la tariffa BTA1, per potenze impegnate inferiori o uguali a 1,5 kW, la BTA2 per potenze tra 1,5 kW e 3 kW, la BTA3 per potenze da 3 a 6kW, la BTA4 da 6 fino a 10 kW, la BTA5 tra 10 e 15 kW fino ad arrivare alla BTA6 per utenze, connesse sempre in bassa tensione, con potenza superiore a 16,5 kW.

La spesa fissa nella Bolletta Luce dei locali commerciali

Nella bolletta delle utenze altri usi ci sono delle spese fisse, che si pagano anche se il consumo è nullo o basso.
Nel dettaglio ci sono le quote fisse sia nella spesa energia, sia nella spesa di trasporto e distribuzione e negli oneri di sistema, suddivise in € /anno e in quota potenza in €/kW.
Questi oneri sono presenti in tutte le bollette delle utenze non domestiche e non cambiano da un fornitore all'altro. Le quote fisse in euro all'anno erano pressoché invariate tra i diversi scaglioni di potenza fino a marzo 2021. Dal secondo trimestre del 2021 invece, grazie al Decreto Sostegni, sono state apportate delle modifiche che hanno azzerato la quota fissa per le piccole utenze fino a 3 kW inclusi e la quota potenza per le forniture oltre i 3 kW.

Quota fissa e Oneri di sistema - Tariffa altri usi BTA
Voce in bolletta Quota fissa €/anno Quota potenza €/kW
Spesa energia ca 123 € -
Trasporto e gestione contatore 0 €
fino a 3 kW
ca 28 €
fino a 3 kW
ca 93€
oltre 3 kW fino a 15 kW
0 €
oltre 3 kW fino a 15 kW
Oneri di Sistema 0 €
fino a 3 kW
ca 27 €
fino a 3 kW
ca 92€
oltre 3 kW fino a 15 kW
0 €
oltre 3 kW fino a 15 kW

Fonte: Tariffe clienti non domestici ARERA - Anno 2021

In un'abitazione è quindi necessario valutare bene l'installazione di un secondo contatore "altri usi", poiché ci sono gli oneri fissi da pagare comunque.
Leggi il nostro approfondimento: "Conviene attivare Luce e Gas con il Codice Fiscale o Partita IVA?".

Quant'è la bolletta luce senza consumo di energia elettrica? Con la tariffa BTA1 e 1,5 kW di potenza, si paga una spesa fissa totale (quota fissa + quota potenza) pari a ca 205 €/anno imposte escluse (17 € al mese). Ma se aumenti la potenza e passi alla tariffa BTA3 con 6 kW la quota fissa aumenta fino a ca 308 €/anno (26€ al mese).

Totale spesa fissa in bolletta in base alla potenza - Tariffa BTA
Potenza impegnata Spesa fissa €/anno
quota fissa + potenza
(imposte escluse)
BTA1  1,5 kW 205 €
BTA2  3 kW 288 €
BTA3  6 kW 308 €
BTA4  10 kW 308 €
BTA5  15 kW 308 €

Fonte: Tariffe clienti non domestici ARERA - Anno 2021

Inoltre il contatore può essere monorario, cioè non adeguato alla rilevazione dei consumi distinti per fasce orarie oppure multiorario, cioè idoneo a rilevare i consumi nelle diverse ore del giorno.

Solo nel caso di forniture con potenza impegnata maggiore di 16,5 kW e dotate di contatore elettronico, è previsto un corrispettivo, espresso in €/kvarh, per l'eventuale prelievo di energia reattiva.

Posso attivare il Contatore nel Mercato Tutelato?

Così come i clienti domestici, anche le utenze altri usi possono attivare un contratto nel Servizio di Maggior Tutela
Il prezzo dell'energia è definito dall'Autorità per quei clienti che si trovano nel mercato tutelato e cambia ogni 3 mesi in base all'andamento del mercato all'ingrosso. Non tutti i clienti però possono accedere al servizio tutelato, bensì solo le piccole aziende e i negozi e professionisti con partita iva.

Ricordiamo che, a meno di ulteriori proroghe, il mercato tutelato sarà abolito per tutti i consumatori a gennaio 2023.

  • Quali clienti non domestici hanno accesso alla Maggior Tutela?
  • I piccoli consumatori non domestici (ad esempio garage e condomini);
  • Tutte le piccole aziende con i seguenti requisiti:
    • meno di 50 dipendenti;
    • un fatturato annuo o un totale di bilancio non superiore a 10 milioni di euro;
    • punto di prelievo connesso in bassa tensione.

Al contrario dei negozi, per le abitazioni, o utenze domestiche, è presente attualmente un'unica tariffa, chiamata Tariffa TD, differenziata se l'intestatario ha la residenza o meno nella casa. 
In una casa è possibile avere solo un contatore domestico con la tariffa TD, la BTA viene applicata quindi al secondo contatore a volte presente nelle abitazioni domestiche, ad esempio per il garage o l'officina o ad uso delle pertinenze esterne, luci del giardino, elettricità del cancello o per la piscina.

aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche