Aumento Potenza Contatore Enel: come fare? Costi e Tempi

Info contatori luce gasInfo contatori luce gas

Migliore offerta Allaccio o Voltura luce e gas?

Visita il comparatore per confrontare le tariffe luce e gas o compila il form per essere ricontattato da un esperto. Servizio Gratuito.

Ecco come aumentare la potenza del contatore Enel e quanto costa. Scopri la guida completa.
La guida completa per aumentare la potenza del contatore Enel. Scopri quanto costa e i tempi previsti.

Il tuo contatore salta spesso? Utilizzi una cucina o un riscaldamento elettrico? Allora forse è meglio richiedere un aumento della potenza disponibile ad Enel Energia. Ecco come fare.


Aumento Potenza Contatore Enel: come fare? Accedi a MyEnel o chiama il servizio clienti 

Attento a non fare confusione! Molto spesso si sente parlare di "aumento potenza enel", "enel aumento potenza contatore""aumento potenza contatore enel" oppure "enel aumento potenza". In realtà, si tiene a precisare che il fornitore di luce e gas nel mercato libero è Enel Energia, mentre il proprietario dei contatori è il distributore locale. Il distributore del gruppo Enel è E-distribuzione.

Se sei un cliente Enel Energia e la corrente in casa salta spesso (ad esempio quando ci sono più elettrodomestici accesi insieme, come lavatrice, phon e microonde) oppure se possiedi un riscaldamento/cucina elettrica o apparecchi energivori allora potresti necessitare di un aumento di potenza (procedura c.d. "Enel Energia aumento potenza"). Ecco una tabella di sintesi che ti spiega come procedere e tutte le info utili:

Aumento potenza Enel 2020: info utili
AUMENTO POTENZA DESCRIZIONE
COME FARE  Accedi all'Area Clienti My Enel e compila il modulo di richiesta oppure chiama il Numero Verde di Enel Energia.
QUANTO COSTA Nel mercato libero i costi dipendono dalle singole condizioni contrattuali. In ogni caso, bisogna considerare:
  • Contributo in quota fissa, 25,81€ (eliminato per le utenze domestiche fino al 31 dicembre 2023);
  • Contributo in quota potenza, ridotto a 55,66 € (fino al 31 dicembre 2023 per le utenze domestiche entro i 6 kW).
TEMPISTICHE Le tempistiche variano a seconda della complessità dei lavori. In generale, se non è necessario il sopralluogo del tecnico del distributore, l'operazione dovrà essere effettuata dal distributore locale entro 5 giorni dalla ricezione della richiesta.

Vuoi risparmiare in bolletta?L'aumento di potenza non comporta necessariamente un'opportunità di risparmio. Prenota un appuntamento gratuito per conoscere le migliori tariffe di novembre 2020. Un esperto energia ti aiuterà ad attivare un'offerta in linea con le tue esigenze di consumo.

Perché scatta il contatore? Scopri tutti i motivi nella guida: "Perché salta la luce in casa: Cosa fare? Chi chiamare?".

Come aumentare la potenza del contatore con Enel?

Se vuoi aumentare la potenza disponibile del tuo contatore della luce, puoi procedere in due modi:

  • In autonomia, accedendo alla tua Area Personale (dal sito enel.it o dall'App ufficiale) e compilando il modulo dati per richiedere la variazione della potenza (chiamato anche "Modulo per aumento potenza contatore enel");
  • Tramite l'assistenza del servizio clienti Enel, chiamando il numero verde gratuito 800.900.860 (attivo lun-dom dalle 7 alle 22, escluse festività nazionali) oppure utilizzando gli altri canali di contatto, come la Live chat presente sul sito ufficiale.

In entrambi i casi, ricordati sempre di tenere una bolletta a portata di mano, in quanto ti potrebbero venir richieste informazioni come il codice POD e/o il codice cliente, nonché alcuni dati anagrafici dell'intestatario dell'utenza (es: codice fiscale, ecc.). Al termine della richiesta riceverai un preventivo di spesa, che sarai libero di accettare o meno (non è vincolante).

Quanto costa l'aumento di potenza?

Nel mercato libero, secondo le regole definite da ARERA, il costo dell'aumento di potenza dipende da quanto previsto nei singoli contratti di fornitura. In ogni caso però, bisogna considerare:

  • Contributo in quota fissa, destinato al distributore locale a copertura dei costi amministrativi pari a 25,81€, che viene però azzerato per le utenze domestiche fino al 31 dicembre 2023;
  • Contributo in quota potenza, ridotto a 55,66€ per ogni kW aggiuntivo richiesto fino ad un livello di potenza disponibile non superiore ai 6 kW. La riduzione di costo è valida per le utenze domestiche fino al 31 dicembre 2023.

Tuttavia, l'importo esatto da pagare (chiamato "enel aumento potenza costi") sarà reso noto solamente nel preventivo ufficiale del proprio fornitore, da richiedere secondo le modalità indicate nel paragrafo precedente. Il costo può infatti variare in base alle necessità del cliente alla complessità dei lavori e non è possibile effettuare una stima ex-ante.

Altre voci di costo da considerare

Bisogna specificare che la variazione della potenza comporta anche un adeguamento del deposito cauzionale (ove previsto), in quanto quest'ultimo varia in proporzione ai kW di potenza impegnata. Infine bisogna considerare che nelle bollette successive alla variazione, la quota potenza verrà calcolata sulla base del nuovo livello di potenza del contatore.

Quanto tempo ci vuole per l'aumento di potenza?

Anche le tempistiche dipendono dalla complessità dei lavori. In generale, per gli interventi più semplici (che avvengono esclusivamente sul contatore ed in telegestione) il distributore locale deve aumentare la potenza entro 5 giorni lavorativi dalla data in cui ha ricevuto, tramite il fornitore, la richiesta del cliente.

Se invece l'intervento non è limitato al contatore già posato (es: vuoi passare da un contatore monofase ad un contatore trifase), sarà necessario il sopralluogo di un tecnico del distributore che stabilirà la facilità/difficoltà dei lavori. Dopo il sopralluogo, il cliente riceverà tramite il proprio fornitore un preventivo ad-hoc del distributore, inviato entro 15 giorni lavorativi dalla data di ricezione della richiesta (inoltrata dal venditore al distributore entro max 2 giorni lavorativi). All'interno del preventivo verranno indicati i tempi di esecuzione della prestazione, che possono variare dai 10 ai 50 giorni lavorativi. Quindi, nella peggiore delle ipotesi, i tempi massimi di attesa sono di circa 2 mesi.

Aumento potenza Enel Servizio Elettrico: cambia qualcosa?

Il gruppo Enel spa opera nel mercato tutelato attraverso la società denominata Servizio Elettrico Nazionale. Nonostante spesso si tenda a parlare di "Enel Servizio Elettrico" o "aumento potenza contatore Enel Servizio Elettrico", bisogna far attenzione a non confondere le due aziende, operanti in mercati diversi e con un diverso servizio clienti.

Se hai una fornitura luce attiva con il Servizio Elettrico Nazionale, le modalità per aumentare la potenza del contatore sono simili a quelle di Enel Energia. Le principali differenze sono:

  • L'Area clienti è disponibile sul sito www.servizioelettriconazionale.it e puoi richiedere l'aumento di potenza accedendo dalla sezione "Il tuo contratto" e poi cliccando sulla voce "Aumenta potenza/Diminuisci potenza/Modifica tensione"; Segui quindi la procedura guidata e compila le informazioni per completare la richiesta di preventivo;
  • Il numero verde del servizio clienti è 800.900.800, gratuito attivo da lunedì a domenica dalle 7 alle 22 escluse le festività natalizie;
  • Tra le voci di costo bisogna aggiungere anche un contributo fisso destinato al venditore pari a 23€.

Infine, per quanto riguarda le tempistiche (dette "aumento potenza Servizio Elettrico Nazionale tempi"  o "aumento potenza enel tempi") non è prevista alcuna differenza rispetto alle disposizioni già esaminate nel paragrafo precedente.

Aumento potenza Enel Distribuzione: approfondimenti

Quando si parla dell'aumento della potenza del contatore si intende un aumento della c.d. potenza disponibile, che rappresenta la potenza massima prelevabile dal proprio impianto. Questa va distinta dalla potenza potenza contrattuale (detta anche impegnata o richiesta), che è invece il livello di potenza indicato nel contratto di fornitura. Per le utenze domestiche, la potenza disponibile è calcolata come il 10% di tolleranza in più della potenza contrattuale (quindi ad esempio se la potenza contrattuale è pari a 3 kW, quella disponibile sarà pari 3 + 10% = 3,3 kW).

Dal 1 gennaio 2017 è possibile aumentare la potenza del proprio contatore con passaggi di 0,5 kW alla volta fino a 6 kW (es: da 3 kW a 3,5 kW / da 3,5 kW a 4 kW / ... / da 5,5 kW a 6 kW). Questi "scatti" aumentano poi ad 1 kW per i passaggi da 6 kW a 10 kW (es: da 6 kW a 7 kW / da 7 kW a 8 kW / ecc.) e per tutti i valori superiori si aumenta di 5 kW alla volta (es: da 10 kW a 15 kW / da 15 kW a 20 kW / ecc.). Quindi sia per l'operazione di aumento di potenza Enel da 1.5 a 3 kW che per l'aumento di potenza del contatore Enel da 3 a 6 kW, le modalità di richiesta, i tempi e i costi sono gli stessi (e sono quelli che che abbiamo già analizzato).

aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche