Per info su attivazione luce e gas

010.848.01.61 Richiamata gratuita

Tu sei qui

Spesa Materia Energia in Bolletta Luce: cos'è?

confronto luce e gas

Confronta le offerte e risparmia fino a 250€ all'anno!

Servizio gratuito attivo  .

Confronta le offerte e risparmia fino a 250€ all'anno!

Siamo momentaneamente chiusi. Confronta le offerte sul comparatore o prendi un appuntamento per essere ricontattato.

La bolletta luce è composta da varie spese, alcune delle quali riferite a quote fisse ed altre a quote variabili. In poche parole il totale della bolletta dipende dai consumi di ciascun singolo cliente, ma anche dalle quote fisse e dagli oneri definiti dall'Autorità. La bolletta luce ha uguale struttura a prescindere dal fornitore.

prezzo energia

Cosa la Spesa Materia Energia?

Questa scelta è volta a rendere più comprensibile la bolletta luce e leggibile da tutti anche in caso di cambio fornitore. Le spese in bolletta sono ripartirte in quattro componenti principali:

Cos'è la spesa per la materia prima energia?

Nella spesa della materia prima energia si riversa anche il costo a cui paghi l'energia elettica, per questo tale spesa risulta essere uan discriminante perfetta per aiutarti nel confronto offerte. Le altre spese infatti, riguardano oneri e imposte che non dipendono dal fornitore ma sono decise dall'Autorità. La voce spesa materia energia comprende l'acquisto dell'energia, il dispacciamento e la commercializzazione al dettaglio nonché i costi relativi all’approvvigionamento.

Nel Servizio di Maggior Tutela, è l'Autorità a stabilire trimestralmente il prezzo della componente energia, tenendo conto dell'andamento del mercato energetico. Nel mercato libero, invece, alcuni costi relativi alla materia prima sono decisi dalla società di vendita e specificati nel contratto di fornitura. Proprio per questo motivo, questa è la spesa su cui i fornitori si fanno effettiva concorrenza.

Costi Energia Elettrica 2019: costo Kilowattora (kWh)
Fascia Oraria Prezzo Energia
F0   €/kWh
F1   €/kWh
F2 e F3   €/kWh

Il costo €/kWh si riferisce alla tariffa regolamentata ARERA del I Trimestre 2019 (gennaio-marzo)

Cosa sono gli Oneri di Attualizzazione nella Spesa Materia Energia?Gli oneri di attualizzazione a volte sono indicati anche come oneri di indicizzazione. Questa componente può essere presente quando scegliamo una tariffa a prezzo variabile.

Dove trovo le spese per la materia prima?

Le voci che compongono il prezzo dell'energia elettrica sono facilmente identificabili in bolletta, grazie all'ormai famoso grafico a torta che evidenzia la quantità delle differenti spese che compongono il totale da pagare. Il prezzo della fattura viene presentato anche suddiviso tra le varie componenti che cotituiscono il costo totale, così da poterne identificare più facilmente il prezzo della materia prima energia. Il prezzo della materia energia è costituito da:

  • Quota fissa (€/anno), comprende gli importi da pagare in misura fissa, cioè che non dipendono dai consumi. In tale quota confluiscono:
    • Prezzo di commercializzazione (PCV) per coprire i costi fissi di gestione commerciale;
    • Prezzo del dispacciamento (parte fissa) tecnicamente denominata DISP bt si applica sia ai clienti del mercato tutelato che libero. La parte fissa di questa quota viene addebitata al cliente indipendentemente dai consumi. 
  • Quota energia (€/kWh): comprende i costi d'acquisto dell'energia, di dispacciamento e di perequazione sostenuti dal fornitore:
    • Prezzo dell'energia (PE) per la copertura dei costi sostenuti per l'acquisto dell'energia elettrica. Nel mercato tutelato viene fissata ed aggiornata ogni tre mesi dall'Autorità, nel mercato libero viene liberamente decisa dai fornitori in base alle regole di concorrenza all'interno del mercato.
    • Prezzo del dispacciamento (PD): gestisce l'equilibrio tra la domanda e l'offerta di energia elettrica, ovvero l'equilibrio tra l'energia immessa nelle reti e quella prelevata. Il prezzo dispacciamento viene fissato ed aggiornato ogni tre mesi dall'Autorità.
    • Componente di dispacciamento (parte variabile), tecnicamente denominata DISPbt si applica sia ai clienti che hanno diritto al Servizio di Maggior Tutela, ovvero i clienti domestici e le PMI anche qualora siano passati al mercato libero. La parte variabile, viene addebitata al cliente in proporzione al consumo annuo (parte variabile solo per i clienti residenti con potenza fino a 3 kW).
    • Prezzo della perequazione (PPE): garantisce che i costi pagati per energia e dispacciamento siano gli effettivi costi sostenuti dal fornitore. Non si applica ai clienti con contratto nel mercato libero.

Cosa sono le Perdite di Rete?

Sono tutte quelle perdite naturali di energia che si verificano durante il trasporto dell'energia elettrica dalla centrale ai luoghi di fornitura. L'ammontare di tale perdite è fissato dall'ARERA: oggi tali perdite sono fissate per le utenze in bassa tensione al 10,4% dell'energia prelevata. Anche queste ultime confluiscono nella Spesa Materia Energia, essendo legate al PE. Quando si sottoscrive una tariffa luce, spesso il prezzo al kWh non include le perdite di rete: nel mercato tutelato il prezzo delle perdite è compreso nel prezzo dell'energia stabilito dall'ARERA; viceversa nel mercato libero il prezzo delle perdite è fatturato separatamente dal prezzo dell'energia.

Aggiornato il