Per info su attivazione luce e gas

010.848.01.61 Richiamata gratuita

Tu sei qui

Gestione Bollette in Condominio Senza Amministratore

confronto luce e gas

Confronta le offerte e risparmia fino a 250€ all'anno!

Servizio gratuito attivo  .

Confronta le offerte e risparmia fino a 250€ all'anno!

Siamo momentaneamente chiusi. Confronta le offerte sul comparatore o prendi un appuntamento per essere ricontattato.

Ecco le informazioni e i nostri consigli su come attivare e gestire le utenze di luce e gas in un piccolo condominio che non ha l'amministratore.

bolletta luce condominio

Come gestire la bolletta del condominio?

La legge permette ai condomini piccoli di non avere un amministratore che gestisce il palazzo.
Sono i cosiddetti condomini minimi, con un numero non superiore a 8 condomini (8 unità immobiliari).
In questi casi di solito è uno dei condomini che gestisce le pratiche e le utenze dell'energia elettrica e del gas. In realtà anche questi condomini hanno l'obbligo di avere il codice fiscale, come i soggetti diversi dalle persone fisiche.
Ecco quali sono gli obblighi e come gestire le utenze di luce e gas del condominio se non è presente l'amministratore e se non c'è un apposito conto corrente.


Il codice fiscale del condominio senza amministratore è obbligatorio?

Tutti i condomini, anche se non hanno un amministratore, dovrebbero avere un codice fiscale.

La richiesta di attribuzione di un codice fiscale va fatta all'Agenzia delle Entrate, l'unico ente autorizzato a tale compito. Il codice fiscale del condominio è un codice numerico composto da 11 caratteri.

Il codice fiscale del condominio è indispensabile per poter intestare le utenze di luce e gas condominiali.
Inoltre il codice fiscale è necessario anche per altre pratiche di vario genere. Ad esempio il codice fiscale è un obbligo di legge per effettuare ritenute d'acconto per pagare eventuali lavori, per versare all'erario ritenute con il modello F24 e per presentare la dichiarazione dei sostituti, con il modello 770.

Info Offerte Luce

010 848 01 61

Il codice fiscale del condominio per le detrazioni fiscali

Inizialmente il codice fiscale del condominio era necessario anche per richiedere il bonus per le ristrutturazioni o l'ecobonus. Una circolare dell'Agenzia delle Entrate ha poi eliminato l'obbligo del codice fiscale. Con questa semplificazione anche i condomini che non hanno provveduto alla richiesta del codice possono usufruire delle detrazioni fiscali.
In assenza del codice fiscale, per le detrazioni è possibile indicare il codice fiscale del condomino che ha effettuato i bonifici dei pagamenti. Il codice fiscale del condomino dovrà essere indicato sulla dichiarazione dei redditi dagli altri beneficiari della detrazione.

A chi intestare la bolletta di luce e gas del condominio senza amministratore?

La bolletta di luce e gas condominiale deve essere intestata al codice fiscale del condominio.

La fornitura elettrica è quasi sempre presente, poiché è necessaria per l'illuminazione di scale e cortili, per l'ascensore se presente e per eventuali apparecchiature elettriche. L'utenza dell'energia elettrica sarà con la tariffa altri usi BTA (anche chiamata UDA, utenze diverse da abitazioni). Gli oneri fissi di questa tariffa dipendono dalla potenza impegnata del contatore della luce. L'utenza del gas metano sarà presente solamente nel caso di impianto di riscaldamento centralizzato, quando c'è un'unica caldaia che serve i vari appartamenti.

Gli obblighi del condominio minimo

La riforma del condominio negli edifici, con la legge n. 220 del 2012, ha aumentato il numero minimo dei condomini necessari alla nomina obbligatoria dell'amministratore. Prima di tale riforma il numero minimo era di 4 condomini e successivamente è stato innalzato a 8 condomini.
Per questo tipo di condomini non è obbligatorio:

  • nominare un amministratore;
  • aprire un apposito conto corrente intestato al condominio;
  • avere il regolamento di condominio.

Tuttavia, anche se non è un soggetto giuridico, il condominio deve essere comunque munito di titolarità fiscale. Questo significa che in ogni caso c'è l'obbligo di avere un codice fiscale, anche se il condominio è minimo. Nonostante ciò al giorno d'oggi ci sono molte situazioni, in palazzi o villette multifamiliari con pochi condomini, che non hanno il codice fiscale. In questi casi la bolletta delle utenze di luce o gas è intestata ad uno dei condomini, che se ne assume la completa responsabilità per conto di tutti gli altri. In caso di bollette non pagate il solo responsabile della morosità è l'inquilino intestatario che non può rifarsi sugli altri condomini.

Le offerte di luce e gas per il condominio con amministratore

Nella maggior parte dei casi il contratto della luce e del gas che riguarda un immobile viene gestito direttamente dall'amministratore del condominio. I fornitori propongono in genere offerte luce e gas dedicate esclusivamente per i proprietari di interi stabili o per gli amministratori di condominio. A seconda delle esigenze, come per le normali utenze domestiche, è possibile scegliere l'offerta in base a:

  • il prezzo dell'energia elettrica e del gas: bloccato o flessibile;
  • le modalità di pagamento: domiciliazione bancaria, bonifico o bollettino;
  • la fatturazione: cartacea oppure online, periodicità;
  • il deposito cauzionale;
  • energia verde da fonti rinnovabili;
  • l'assistenza clienti: canali a disposizione, orari di apertura;
  • servizi aggiuntivi: assistenza dedicata, software per la gestione, ecc.
Aggiornato il