Cos'è un Kilowatt (kW) per misurare la potenza? Che differenza c'è con il kWh?

aggiornato il
min di lettura
confronto luce e gasconfronto luce gas

Quali sono le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi?

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

confronto luce e gasconfronto luce gas

Quali sono le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi?

Confronta ora le migliori tariffe o parla con un esperto prendendo un appuntamento telefonico gratuito.

kW e kWh: che differenza c'è
kW e kWh: che differenza c'è? Scopri le definizioni in questo articolo.

In cosa il kW e il kWh sono differenti? Il kilowatt è l'unità di misura della potenza, ovvero della quantità di energia prelevabile al di sopra della quale l'erogazione si blocca. Il kWh invece è l'unità di misura dell'energia e serve per calcolare i consumi in bolletta luce. Corrisponde esattamente all'elettricità assorbita in 1 ora da un apparecchio con potenza di 1 kW.

Che cosa si intende per Kilowatt (kW)?

...

Un kW, pari a 1.000 Watt, identifica l'unità della potenza elettrica (W=J/s) e rappresenta la quantità di energia (Joule) nel tempo (secondi).
Relativamente alla fornitura di energia elettrica il kW esprime la potenza impegnata e disponibile del contatore della luce.

Quando richiedi l'attivazione di un contratto di fornitura, puoi scegliere tra diversi scaglioni di potenza in relazione ai tuoi consumi:

  • 1,5 kW - piccole abitazioni (un rustico ad esempio);
  • 3 kW - casa da 3-4 persone con elettrodomestici classici;
  • 4,5 kW - presenza di più condizionatori o scaldabagno;
  • 6 kW per elettrodomestici come il piano cottura elettrico, asciugatrice, pompa di calore;
  • 10 kW in rari casi per attrezzature elettriche particolarmente potenti. 

La scelta della potenza dipende quindi da quali e quanti elettrodomestici sono presenti in casa e dall'uso che se ne fa. Dal 2017 è possibile scegliere tra più livelli di scaglioni della potenza, a partire da 0,5 kW con scatti di 0,5 kW, e non più di 1,5 kW come in precedenza.
Le famiglie possono, quindi, scegliere un livello di potenza impegnata pari a 3,5 kW, 4 kW, 4,5 kW, 5 kW e così via.
Nella bolletta dell'energia elettrica è sempre indicata: 

  • la potenza impegnata, ossia quella contrattuale; 
  • la disponibile, che corrisponde alla potenza massima prelevabile dalla rete. 

Quando in casa teniamo accesi troppi elettrodomestici e superiamo la potenza massima, il contatore "scatta", staccando subito la corrente elettrica. Per riavere l'elettricità in casa, è necessario spegnere qualche dispositivo e andare ad alzare l'interruttore del contatore.

Cos'è un Kilowattora (kWh)? Come si calcola?

Il kilowattora è l'unità di misura dell'energia elettrica: viene utilizzata per calcolare e fatturare i consumi di energia elettrica dell'utente finale. L'unità rappresenta l'energia assorbita in 1 ora da un apparecchio che ha la potenza di 1 kW

La definizione di kilowattora può risultare un po' astratta e difficile da comprendere. Vi proponiamo quindi un semplice esempio attraverso il quale potete capire definitivamente il significato dell'unità di misura kWh. Immaginiamo un forno elettrico di media misura, presente nella grande maggioranza delle case italiane. Questo elettrodomestico utilizza mediamente una potenza elettrica di 1,4 kW, cioè per funzionare è necessario che sia connesso a una rete che garantisca un flusso costante di 1,4 kW. Supponiamo che avete invitato degli amici per cena e state quindi cucinando una bella torta da offrire come dessert. Il forno resta acceso per 1 ora, vediamo quindi che l'energia consumata dal nostro forno per l'intervallo di tempo in cui lo utilizziamo corrisponde a:

Formula Calcolo kWh

1,4 kW (potenza) x 1 h (tempo) = 1,4 kWh

L'ammontare dell'energia consumata per fare una torta è il risultato del prodotto delle due variabili potenza e tempo. In altre parole essa dipende dalla potenza di cui abbiamo bisogno e del tempo per cui la usiamo. 

Nel normale funzionamento degli apparecchi elettrici, la potenza assorbita non è però costante nel tempo. Quindi il calcolo preciso dell'energia consumata non è così semplice.

Che differenza c'è tra un kW e un kWh?

Le due unità di misura sono diverse, in quanto il kW è una misura della potenza mentre il kWh è l'unità di misura del consumo di energia elettrica. Per questo è necessario non fare confusione. 

Ti sarà capitato quindi vedere la sigla "kWh" in relazione alle tue tariffe luce. Le offerte di energia elettrica presentano infatti un prezzo in euro a kWh, che può essere fisso o indicizzato al mercato all'ingrosso. Consulta le migliori promozioni luce di Maggio 2024 e attiva la tua nuova tariffa. 

Gli esperti Selectra cercano di chiarire ogni dubbio sulla differenza tra kW e kWh con un altro esempio semplice ed efficace. Se avete in casa un elettrodomestico che ha una potenza di 3 kW, vuol dire che questo assorbe 3 kW nell'unità di tempo. Di conseguenza se utilizzate l'elettrodomestico per 1 ora, esso consumerà: 3 kW x 1h = 3 kWh.

In cosa il kW e il kWh differiscono dal watt e dal wattora?

In poche parole il kW è un multiplo del watt, così come il kWh lo è del wattora

  • Un kW corrisponde a 1000 watt.
  • Un kWh equivale a 1000 wattora

Qual è il costo di 1 kWh nel mercato libero?

Se vuoi conoscere il costo del kWh per i principali fornitori di energia elettrica puoi consultare le seguenti pagine:

Questo dato nel mercato libero, infatti, varia da fornitore a fornitore. Per effettuare un paragone tra le offerte luce del mercato vai su Confronto Offerte.