CCV Bolletta Luce: Cos’è il Costo di Commercializzazione e Vendita?

aggiornato il
min di lettura
confronto luce e gasconfronto luce gas

Quali sono le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi?

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

confronto luce e gasconfronto luce gas

Quali sono le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi?

Confronta ora le migliori tariffe o parla con un esperto prendendo un appuntamento telefonico gratuito.

CCV Luce.
Dove si trova e a quanto ammonta il Costo di Commercializzazione e Vendita.

Che cos'è il prezzo CCV luce? Si tratta della quota fissa delle offerte dell’energia elettrica, componente fondamentale nella formazione delle tariffe delle varie compagnie. Andiamo allora a vedere cosa significa la sigla CCV Luce (utilizzata da Enel), quanto costa, dove trovare il suo valore e quali sono le altre voci da valutare con attenzione in bolletta.

Il costo che vedi segnalato in bolletta luce e gas non dipende mai da un solo fattore. Esistono molti parametri da tenere in considerazione, e il CCV è uno di questi.

Seppure indicato con differenti nomi a seconda del mercato (libero o tutelato) e dei fornitori, questo elemento è sempre presente, e determina in modo fondamentale il prezzo delle offerte. Per prima cosa, allora, andiamo a scoprire il significato di questa sigla.

Cosa significa CCV?

CCV, ovvero Corrispettivo di Commercializzazione e Vendita. Con questa formula, espressa normalmente in €/mese, si indica quindi quella voce di spesa che va a coprire i costi per la gestione commerciale delle forniture. Si tratta di un parametro fisso mensile che rientra nella Spesa per la materia energia, voce che a sua volta include altri parametri (come il fattore DISPbt e il costo al kWh).

Potrebbe nascere un po’ di confusione a causa della nomenclatura. La componente CCV, infatti, è una formula legata al mercato libero utilizzata da Enel Energia, che può essere declinata in almeno altri due modi:

  • PCV, ovvero Prezzo Commercializzazione Vendita, espresso in €/mese e presente sulle bollette luce della maggior tutela;
  • QVD: ovvero Quota Vendita al Dettaglio, è una voce relativa invece alle bollette gas della maggior tutela.

A rendere ancora più intricata la nomenclatura intervengono poi le scelte dei fornitori del mercato libero. Pur mantenendo inalterata la sigla CCV, infatti, alcuni operatori interpretano in modo diverso la sigla in questione. Due esempi:

  • Per Enel Energia, il CCV corrisponde al Corrispettivo di Commercializzazione e Vendita;
  • Per Eni Plenitude, il CCV sintetizza i Costi di commercializzazione vendita.

Attento a non confondere CCV con CVV! Ricercando informazioni sul Costo di Commercializzazione e Vendita potresti ritrovarti con domande un po’ fuorvianti, ad esempio “Cosa è CVV luce?”. In questi casi devi fare attenzione: la sigla CVV (Card Verification Value) non è legata allle bollette luce e gas, ma all’ambito finanziario. Si tratta infatti del codice di sicurezza delle carte di credito o debito, di norma posto sul retro delle tessere e lungo tre cifre. Spesso è noto pure come CVC (Codice Verifica Carta), a seconda del circuito utilizzato.

L'indicazione del CCV Luce viene chiaramente segnalata nelle offerte Enel, come puoi vedere dall'immagine seguente (relativa all'offerta Enel Energia Ore Free):

Il CCV Luce viene segnalato nelle condizioni delle offerte luce di Enel Energia.
L'indicazione del CCV Luce nelle offerte luce di Enel Energia.

Quanto Costa il CCV Luce?

Come anticipato, il CCV è uno dei fattori che va a formare il prezzo che vedi in bolletta periodicamente. Il suo costo cambia a seconda del contesto di riferimento:

  • Nel mercato libero questa voce di spesa viene definita in modo autonomo, oscillando generalmente tra i 6€/mese (72€/anno) e i 12€/mese (144€/anno);
  • Nel regime di maggior tutela, invece, il costo è uguale per tutti i fornitori e viene deciso da ARERA. Nel quarto trimestre 2022, ad esempio, la spesa per i clienti domestici ammontava a 5,82 €/mese (69,88 €/anno), mentre quella per gli utenti business arrivava a 9,42 €/mese (113,09 €/anno).

Il mercato tutelato sta per finire! Sai che il regime tutelato terminerà a gennaio 2024? Se vuoi anticipare i tempi e passare subito al mercato libero, chiama lo 02 8295 809702 8295 8097prendi un appuntamento per una consulenza gratuita e senza alcun impegno.

Mettendo il tutto in proporzione, è possibile dire che questa componente arriva a formare circa il 25% dell’importo totale della bolletta luce. Questo, almeno, prima dello scoppio della guerra tra Russia e Ucraina, che ha portato a un innalzamento spesso drammatico del costo dell'energia al kWh. Una conseguenza, questa, delle grandi oscillazioni fatte registrare dal prezzo del gas, direttamente collegato a quello dell’energia elettrica. Per saperne di più, a questo proposito, ti rimandiamo al nostro speciale su come è cambiato il prezzo gas dopo un anno di guerra in Ucraina.

Dove trovo il valore del CCV in Bolletta?

Per trovare il valore del CCV è necessario rifarsi alla bolletta, ma potrebbe non essere così semplice.  In molti casi, infatti, questo parametro viene incluso all’interno della voce “Spesa per la materia energia”, oppure in categorie come Quota Fissa, Commercializzazione Vendita o Altri Importi materia Energia. L’unità di misura, a sua volta, può essere espressa in €/mese, €/cliente/mese o €/POD/mese.

Questo, ad esempio, è il dettaglio della bolletta Enel Energia che mostra dove si trova la voce in questione, riassunta nella tabella "Sintesi degli importi fatturati" alla voce "Altri Importi materia Energia", e mostrata nella prima pagina della fattura:

La voce "Spesa per la materia energia" della bolletta Enel Energia.
Nelle bollette Enel Energia il CCV è incluso nella tabella "Sintesi degli importi fatturati".

Abbiamo dedicato diversi speciali alle bollette dei fornitori più importanti di mercato libero e tutelato. Se vuoi maggiori informazioni, allora, puoi rifarti a questi articoli:

Quali sono le altre voci importanti riportate nelle fatture luce e gas?

Volendo far rientrare il CCV in un quadro di analisi ancora più grande, è necessario analizzare le varie componenti che vanno a formare il costo complessivo delle bollette. Si inizia dalla spesa per la materia energia, nella quale rientra proprio il CCV, che è formata da:

  • Quota fissa (espressa in €/anno), che comprende le spese fisse, invariabili rispetto ai consumi, come:
    • CCV, a copertura dei costi fissi di gestione commerciale;
    • DISPbt, ovvero il prezzo del dispacciamento;
  • Quota energia (espressa in €/kWh), che comprende vari costi sostenuti dal fornitore:
    • Prezzo dell’energia (PE), per la copertura dei costi sostenuti per l'acquisto dell'energia elettrica; nel regime tutelato viene deciso da ARERA, nel mercato libero viene determinato dai vari fornitori;
    • Prezzo del dispacciamento (PD), introdotto per gestire l’equilibrio tra l’energia immessa in rete e quella prelevata;
    • Prezzo della perequazione (PPE), applicato solo nel mercato tutelato.

La spesa per la componente energia, a sua volta, viene affiancata da altre voci di costo, ovvero la spesa per trasporto e gestione del contatore, spesa per oneri di sistema, imposte e IVA. Sommando tutte le voci appena elencate, quindi, si giunge al prezzo da pagare in bolletta.

Scegli l’offerta più giusta per le tue esigenze e inizia a risparmiare

L'importo da pagare che vedi in bolletta è il risultato di tante componenti differenti. Il Prezzo di Commercializzazione e Vendita, tra gli altri, contribuisce a formare il costo mensile, ma non è certo l’unico parametro importante. Devi sempre tenere conto anche del prezzo dell’energia, così come degli eventuali sconti e bonus proposti dai fornitori, oltre che della struttura di costo (con le alternative a prezzo fisso o variabile).

Per risparmiare il più possibile, allora, è necessario scegliere la tariffa che più si avvicina alle tue esigenze di consumo. Il mercato libero dispone di tante alternative adatte a ogni necessità. Queste, ad esempio, sono le tre offerte di energia elettrica più convenienti di questo mese:

Offerte Luce: la classifica delle tariffe energia più convenienti di Aprile 2024
POSIZIONENOME OFFERTAPREZZO e Spesa Mensile *
primo


Prima Posizione

Octopus Energy Fissa 12

octopus
Tariffa fissa
0,111 €/kWh
LUCE: 44,5 €/mese

06 9450 0304 Attiva online Attiva online
secondo


Seconda Posizione

NeN Special 48 Luce

a2a
Tariffa prezzo fisso
Esclusiva online
0,139 €/kWh
LUCE: 45,8 €/mese  

Attiva online Sconto 48€ Attiva online (Sconto 48€)
terzo


Terza Posizione

Sorgenia Next Energy Sunlight

logo-sorgenia
Tariffa indicizzata
PUN + 0,030 €/kWh
LUCE: 49,1 €/mese

02 8295 8095 Attiva online Sconto 40€ Attiva online (Sconto 40€)
Parla con noi

*La spesa mensile è calcolata su un consumo di 1800 kWh/anno per la luce e 800 Smc/anno per il gas ad uso riscaldamento di una famiglia di 3 persone.

Curiosità sul podio:NeN ti offre un prezzo bloccato per 1 anno e uno sconto di 48€ a utenza, mentre attivando con Sorgenia lo sconto è di 50€ a utenza se attivi tre forniture (luce, gas e fibra) o di 20€ se ne attivi solo due.

Ti potrebbe interessare anche