Perdite di rete: cosa sono e come incidono nella Bolletta della Luce?

confronto luce e gasconfronto luce gas

Quali sono le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi?

Risparmia oltre 96 € l'anno. Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

confronto luce e gasconfronto luce gas

Quali sono le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi?

Confronta ora e Risparmia oltre 96 € all'anno o parla con un esperto prendendo un appuntamento telefonico.

Perdite di rete: cosa sono?
Perdite di rete sul trasporto dell'energia elettrica: quanto costano in bolletta?

Definizione

Alle perdite di rete appartengono tutte quelle perdite naturali di energia che si verificano durante il trasporto dell'energia elettrica dalla centrale di produzione fino al contatore del cliente finale.


Le perdite di rete sono un fenomeno che accompagna tutto il percorso della distribuzione dell'energia durante il trasporto e la distribuzione dell’elettricità dalla centrale elettrica al luogo di fornitura. Vediamo insieme tutto ciò che c'è da sapere in merito.


Quanto incidono le perdite di rete nella bolletta?

L'ammontare delle perdite di rete è fissato periodicamente da ARERA, l'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente. Queste perdite vengono addebitate in bolletta ai clienti finali dai fornitori di energia elettrica, tramite i distributori che gestiscono la rete elettrica. Il costo in bolletta viene inserito nella voce spesa materia energia, poiché questa voce conteggia tutti i costi di approvvigionamento e dispacciamento dell’energia, corrispondenti al prezzo dell'energia (PE).

Tali perdite sono fissate in quota diversa a seconda della tensione dell'utenza finale:

  • Le utenze in bassa tensione (BT), generalmente utenze domestiche o altri usi, hanno un costo del 10,2% dell'energia prelevata (fino a dicembre 2020 era pari al 10,4%);
  • Le utenze in media tensione (MT), come negozi, aziende, ristoranti, hanno perdite calcolate del 3,8%;
  • Le utenze in alta tensione (AT), fabbriche e affini, hanno perdite attorno al 2%.

Quando si sottoscrive una tariffa elettrica nel mercato libero, il prezzo al kWh, se non espressamente definito dal contratto, non include le perdite di rete. Viceversa, nel mercato tutelato il prezzo delle perdite è compreso nel prezzo dell'energia stabilito da ARERA.

È obbligatorio il passaggio al mercato libero? Da gennaio 2024, il mercato tutelato con prezzi stabiliti dall'Autorità, smetterà di esistere e tutti i clienti del tutelato dovranno passare al mercato libero.

Da luglio 2021 tutti i gestori del mercato libero sono stati obbligati dall'Autorità ARERA a pubblicare il prezzo dell'energia elettrica delle offerte con le perdite di rete incluse. Anche il prezzo luce del mercato tutelato include le perdite di rete e così questi valori possono essere più facilmente comparabili.

In alcuni casi però, le perdite di rete si aggiungono al prezzo e aumentano il costo in bolletta, ma quando accade? Questo avviene quando scegliamo un'offerta luce a prezzo indicizzato al PUN - Prezzo Unico Nazionale, perché questo è un prezzo all'ingrosso.

È possibile evitare le perdite di rete?

Le perdite di rete sono un fenomeno legato alla limitazione dell'attuale tecnologia con cui viene distribuita l'energia elettrica, per tanto attualmente non è possibile evitarle, ma grazie a molte innovazioni è possibile contenerle.

L'Autorità, a supporto della qualità del servizio e in ottica ambientale, offre degli incentivi per tutte quelle compagnie che mettono in atto strategie volte a contenere ulteriormente le perdite: ogni triennio vengono fissati nuovi obiettivi che le imprese distributrici dovranno raggiungere per rendere più efficienti le reti e diminuirne le perdite.

aggiornato il