Nessun Aumento nelle Bollette 2020: luce a -5,4% e gas a +0,8%

confronto luce e gas

Risparmia sulle Bollette Luce e Gas con SicurInsieme!

Unisciti al Gruppo d'Acquisto SicurInsieme per risparmiare in bolletta e farti tutelare da Unione Nazionale Consumatori: più siamo, più risparmiamo!

confronto luce e gas

Risparmia sulle Bollette Luce e Gas con SicurInsieme!

Unisciti al Gruppo d'Acquisto SicurInsieme per risparmiare in bolletta e farti tutelare da Unione Nazionale Consumatori: più siamo, più risparmiamo!

bollette 2020

Crollo Luce e Gas nel secondo trimestre 2020!Luce a -18,3% e gas a -13,5%. Questi i dati comunicati da Arera. Leggi tutta la news qui.

Il 2020 porta buone notizie per le bollette dell'energia elettrica e del gas: un ribasso del 5,4% per la luce e un leggero aumento del gas pari allo 0,8%. Il nuovo anno inizia bene per le famiglie grazie al calo del prezzo all'ingrosso e soprattutto degli oneri generali.
Le altre novità riguardano la conclusione della riforma della tariffa domestica, la proroga delle agevolazioni per il cambio di potenza e l'applicazione automatica del bonus energia alle famiglie più bisognose a partire dal 2021.

Nel primo trimestre del 2020 si inverte il trend rispetto agli ultimi mesi del 2018, per i quali si era registrato un aumento della spesa sia di luce sia di gas, che subisce solo un piccolo aggiustamento.
Per quanto riguarda la tariffa luce domestica, viene abolito l'ultimo gradino nella struttura degli oneri di sistema, eliminando completamente la progressività anche in questa voce.
Ecco quali sono gli effetti sulla bolletta di coloro che sono ancora nel mercato tutelato e per i clienti del mercato libero.

Rimani aggiornato!Se questo genere di notizie ti interessano non perdetene una! Unisciti al nostro canale Telegram per ricevere news, offerte e consigli degli esperti del mercato luce e gas.

I Trimestre 2020: diminuisce la Bolletta Luce del cliente tipo

Tra le motivazioni che hanno portato alla riduzione della bolletta, c'è in primo luogo il forte calo degli oneri generali di sistema (-11% rispetto all'ultimo trimestre) e anche la diminuzione delle tariffe per il trasporto e distribuzione e della quotazione del prezzo dei mercati all'ingrosso.

Gli oneri di sistema sono diminuiti grazie al minor fabbisogno della copertura degli incentivi alle rinnovabili, che hanno sempre generato polemiche per via del loro consistente peso nella bolletta luce, e anche grazie ad una buona gestione dei conti della cassa. Questo beneficio sarà per tutti, sia per i clienti nel mercato tutelato sia nel libero.
La spesa media della famiglia tipo, considerato l'anno scorrevole (1° aprile 2019 - 31 marzo 2020), è di ca 544 €/anno.

Riepilogando, a partire da gennaio 2020, il prezzo della luce per il cliente domestico tipo, ossia con consumo annuo di 2700 kWh e potenza contatore 3 kW, sarà di 0,197 €/kWh, imposte incluse.
Nel dettaglio le varie voci presenti nella bolletta:

  • Spesa per la materia energia
    0,071 €/kWh (36% del totale della bolletta luce) per l'approvvigionamento dell’energia con una diminuzione di ca il -8% rispetto al quarto trimestre del 2019;
    0,019 €/kWh (9,6%) per la commercializzazione e vendita al dettaglio (quota PCV), con un aumento di +6,5% rispetto allo scorso trimestre;
  • Spesa per il trasporto e la gestione del contatore:  
    0,039 €/kWh (ca 20%) per i servizi di distribuzione, misura, trasporto, perequazione della trasmissione e distribuzione, qualità; quasi invariata;
  • Spesa per gli oneri di sistema: 
    0,042 €/kWh (21%) per gli oneri generali di sistema, con una riduzione del -11% rispetto all'ultimo trimestre 2019;
  • Imposte
    0,026 €/kWh  (13%) per le imposte che comprendono l’IVA e le accise.

Bollette più semplici: via gli scaglioni di consumo per gli oneri

Con il 2020 la bolletta della luce sarà più semplice poiché gli scaglioni di consumo degli oneri di sistema verranno aboliti. Arriva così a compimento la riforma della tariffa, iniziata già nel 2016, il cui obiettivo è stato quello di abbandonare la vecchia struttura progressiva (ossia il costo unitario del kWh che aumentava in base ai consumi secondo degli scaglioni).
Lo scopo finale è quello di superare un meccanismo ormai obsoleto e non adeguato ai tempi correnti e al contempo promuovere tecnologie elettriche più efficienti, come le pompe di calore, la cucina ad induzione e le auto elettriche.

Bolletta Gas I Trimestre 2020

Con l'entrata del 2020 c'è invece una sostanziale stabilità per la bolletta del gas, come risultato dell'incremento dei costi di approvvigionamento del gas, per via delle future quotazioni invernali che sono solite aumentare, e dei costi di commercializzazione QVD (questo lieve incremento interessa solo i clienti nel tutelato).
Dal comunicato dell'ARERA si evince che la crescita è stata attenuata da una leggera diminuzione delle tariffe di trasporto del gas e di distribuzione e misura e anche degli oneri di sistema (che riguardano tutti i clienti del tutelato e del mercato libero).

Dal primo gennaio 2020, il prezzo del gas per il cliente tipo sarà pari a 0,745 €/Smc, tasse incluse, ripartito in questo modo:

  • Spesa materia gas naturale:
    0,23 €/Smc (pari al 31% del totale della bolletta) per l’approvvigionamento del gas naturale e per le attività connesse, con un aumento di +2,6% rispetto al IV trimestre 2019;
    0,053 €/Smc (7%) per la vendita al dettaglio (QVD), +4,7% rispetto al trimestre scorso;
  • Spesa per il trasporto e la gestione del contatore:
    0,144 €/Smc (19%) per i servizi di distribuzione, misura, trasporto, perequazione della distribuzione, qualità; in diminuzione di -1,7%;
  • Spesa per oneri di sistema:
    0,032 €/Smc (4,2%) per gli oneri generali di sistema, anche questi in diminuzione -1,7%;
  • Imposte:
    0,28 €/Smc (39%) per le imposte che comprendono le accise (20,5%), l’addizionale regionale (2,7%) e l’IVA (15%).

Come cambia la bolletta Luce e Gas?

I cambiamenti sul prezzo dell'energia e del gas (quota spesa materia) avranno impatto solamente sugli utenti che hanno ancora un contratto di fornitura nel mercato di maggior tutela.
I clienti del mercato libero saranno influenzati invece dagli aggiornamenti delle altre voci, come le tariffe per il trasporto e la distribuzione e gli oneri generali.

Dal monitoraggio annuale dei mercati effettuato da ARERA, si osserva che la quota dei clienti che passano al mercato libero è in costante aumento. La concorrenzialità rimane comunque superiore nel settore dei clienti non domestici rispetto alle famiglie, che tendono ancora a restare nel tutelato.
Dal recente decreto Milleproroghe la fine del mercato tutelato è slittata al 2022. Tuttavia è bene iniziare a confrontare le offerte del mercato libero per iniziare a risparmiare sulla spesa e sfruttare i benefici della concorrenza.
Per un confronto diretto con la spesa del tutelato utilizza il comparatore delle offerte di luce e gas.

aggiornato il