Per info su attivazione luce e gas

010.848.01.61 Richiamata gratuita

Tu sei qui

3 buoni motivi per cambiare fornitore del gas

Info cambio fornitore

010 848 01 61

Capita in tutte le famiglie, almeno una volta nella vita, di sentirsi insoddisfatti delle proprie utenze di luce e gas. I motivi possono essere diversi: le bollette sono troppo alte, i servizi offerti dal fornitore sono limitati e inefficienti, oppure stai pensando di cambiare casa e vorresti trovare un’offerta più conveniente.

passaggio nuovo fornitore

3 buoni motivi per cambiare fornitore

Cambiare fornitore del gas è semplice e offre tante possibilità:

  1. Mantieni lo stesso contatore, non ci sono costi e non subisci distacchi momentanei di fornitura;
  2. Non ci sono spese di annullamento e il passaggio è semplice e gratuito
  3. Potrai confrontare le migliori offerte gas del mese o chiedere l'aiuto gratuito di un nostro consulente contattando lo 010.848.01.61  attivo   o utilizzare il servizio di richiamata gratuita

Se hai ancora dubbi, ecco 3 motivi che ti aiuteranno a fare chiarezza e scegliere il fornitore giusto per te.

1. Analizza i tuoi consumi e scopri se la tua offerta è la più conveniente

Le offerte sul mercato sono tante e in continuo cambiamento. Periodicamente infatti, i fornitori realizzano promozioni di luce e gas sempre più convenienti. Inoltre, con la nascita del mercato libero, la possibilità di scelta è sempre più ampia. La liberalizzazione del mercato del gas infatti, ha portato ad un alto livello di competitività tra più di 200 fornitori, che ampliano periodicamente le loro tariffe, per renderle sempre più affini alle tue esigenze. Cambiare fornitore del gas quindi, non è mai stato così semplice.

Se la tua bolletta è troppo alta, forse dipende dal fatto che hai lo stesso contratto da molto tempo e intanto, le promozioni sul mercato diventano sempre più convenienti. È diverso invece per chi, ha deciso di cambiare fornitore e seguire il flusso delle nuove promozioni sul mercato. Il primo passo da fare quindi, è analizzare la propria bolletta e capire se è ancora conveniente rispetto alle attuali tariffe. Questo percorso è facile e gratuito e ti aiuterà a scegliere l’offerta migliore sul mercato.

2. Sfrutta le nuove tecnologie: app e servizi aggiuntivi

Cambiare fornitore del gas significa anche approfittare dell’evoluzione tecnologica che caratterizza molti fornitori. Al giorno d’oggi infatti, oltre il classicoe per molti versi scomodo numero verde, esistono un’infinità di servizi aggiuntivi che rendono più facile e veloce il pagamento delle bollette e la consultazione del proprio piano tariffario:

Al passo con la vita frenetica di molte famiglie, i servizi online, le app per smartphone e i siti web permettono di rimanere sempre aggiornati sia da casa che in ufficio. Inoltre, la stessa procedura di attivazione può avvenire comodamente tramite i portali web, che rendono ancora più pratico e veloce l’invio dei documenti, rispetto alle tradizionali modalità di invio cartaceo.

Per conoscere meglio queste tecnologie e scoprire quali fornitori le utilizzano, potrai contattare esperti nel settore che ti aiuteranno a fare chiarezza e scegliere il servizio più utile per te.

Cambiare fornitore del gas quindi, significa anche, migliorare la qualità della propria vita, velocizzare le pratiche di attivazione, avere sempre a portata di mano il piano tariffario e le informazioni sulle bollette da pagare.

3. Non ci sono costi aggiuntivi e spese di annullamento

Passare ad un altro fornitore, è un percorso semplice ed immediato:

  1. Come fare: Una volta sottoscritto il nuovo contratto, la richiesta di chiusura del vecchio verrà inoltrata direttamente dal nuovo operatore. 
  2. Quanto aspettare: Appena attivato il nuovo contratto, bisognerà aspettare generalmente, 1 mesi. Inoltre per semplicità il cambio gestore avviene sempre il 1° giorno del mese.
  3. Quanto costa: Il passaggio verso un nuovo fornitore è totalmente gratuito. L’unico importo che il nuovo fornitore potrebbe chiederci è un deposito cauzionale. Quest’ultimo verrà restituito entro trenta giorni dalla cessazione del contratto.

L’assenza di costi aggiuntivi, i tempi ridotti tra un fornitore e l’altro e le poche cose da fare per cambiare, sono motivi validi per esplorare nuove tariffe, promozioni e fornitori presenti sul mercato.

Aggiornato il