Eni Gas Autolettura: come leggere il Contatore di Eni Gas e Luce?

riduci i consumi in bollettaRiduci luce gas

Riduci i Consumi e Risparmia 150€ all'anno!

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

Eni Gas Autolettura
Area clienti Online, MyEni, Numero Verde: ecco come Comunicare l'autolettura dei consumi gas ad Eni Gas e Luce

Comunicare l'autolettura del gas ad Eni ti permetterà di mantenere la bolletta in linea con i tuoi consumi, evitando brutte sorprese e conguagli. Eni ti permette di inviare la lettura dei tuoi contatori una volta al mese e in diversi modi, dall'Area clienti online fino al numero verde, passando per l'App My Eni.


L'autolettura dei consumi di luce e gas ti permette di evitare la presenza in bolletta di consumi stimati, i quali porterebbero presto o tardi all'arrivo di un conguaglio inaspettato e probabilmente oneroso.

Come inviare l'autolettura del Gas a Eni?

Se preferisci evitare di aspettare l'autolettura semestrale effettuata dai tecnici del Distributore locale, puoi effettuare in autonomia l'autolettura dei tuoi consumi gas a Eni, e per farlo puoi scegliere il metodo più semplice per te tra quelli messi a disposizione dal fornitore, ovvero:

  1. Chiamare il numero verde Eni 800.999.800;
  2. Accedendo online alla tua personale Area Clienti Eni sul sito del fornitore;
  3. Inviando l'autolettura con il tuo smartphone dall'App MyEni.

Chiamando il numero verde di Eni potrai parlare direttamente con gli operatori del Servizio Clienti, oppure utilizzare il servizio automatico al medesimo numero, disponibile 7 giorni su 7 dalle 06:00 alle 24:00. Se chiami Eni dall'estero puoi digitare il numero +39.02.896.741.81, il quale ti permetterà la medesima operazione del numero verde.

Se invece preferisci utilizzare l'area clienti personale sul sito di Eni, per farlo sarà necessario aver precedentemente fatto la registrazione al sito, inserendo anche la fornitura gas di riferimento. Infine, puoi inviare la tua autolettura tramite l'App My Eni comodamente dal tuo smartphone: l'App è disponibile gratuitamente per telefoni iOS e Android.

Puoi trovare queste informazioni all'interno della tua bolletta di Eni, sia questa cartacea oppure una web bolletta. Le informazioni di riferimento si trovano a pagina 3, sotto la voce "Come comunico l'autolettura?":

Bolletta Eni Autolettura
Ecco dove reperire le informazioni di cui abbiamo parlato sulla tua bolletta Eni.

Ricorda, infine, che qualora tu disponga di un contatore gas di nuova generazione, o Smart Meter, il sistema di telegestione si sostituirà automaticamente all'autolettura, per cui non avrai bisogno di effettuare questa operazione.

Con lo Smart Meter è più facile!La sostituzione dei precedenti contatori meccanici con i nuovi modelli Smart Meter, o contatori intelligenti, continua su tutto il territorio italiano. Grazie al sistema automatico di telegestione non solo potrai conoscere i tuoi consumi aggiornati ogni 15 minuti direttamente dal tuo smartphone, ma non avrai neanche bisogno di comunicare l'autolettura a Eni, poiché il contatore invierà automaticamente i dati aggiornati al fornitore.

Se hai dubbi sul come effettuare l'autolettura puoi guardare il nostro video guida e ti sarà tutto più chiaro:

 

Quando inviare l'Autolettura gas a Eni?

Secondo la normativa stabilita da ARERA, L'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, è possibile inviare la lettura dei propri consumi una volta al mese. All'interno della tua bolletta troverai la fascia di tempo predisposta da Eni per effettuare correttamente l'invio della lettura dei tuoi consumi.

Fai in modo di andare a rilevare i tuoi consumi sul contatore solo il giorno stesso in cui vuoi inviare il dato al fornitore e non prima: questo farà in modo che i tuoi consumi reali siano il più aggiornati possibile.

Come fare la lettura del Gas?

Per effettuare la lettura del contatore gas e successivamente comunicarla a Eni dovrai leggere gli Smc (Standard Metro Cubo) rilevati dal tuo misuratore, e per farlo avrai necessità di capire quale modello di contatore si trova nell'immobile.

Distinguiamo i contatori in meccanici, ovvero i contatori di vecchia generazione quasi interamente sostituiti, ed elettronici.

Contatore del Gas
Contatori Meccanico ed Elettronico del gas a confronto.

Lettura Contatore Meccanico con Eni

Rilevare i dati da comunicare ad Eni tramite un contatore meccanico del gas è davvero semplice: appuntati le cifre numeriche delle caselle nere a sinistra della virgola e poi segui la procedura già indicata per inviare il dato a Eni.

Con questo modello di contatore il consumo rappresentato dal misuratore è approssimativo, quindi per avere un dato preciso di consumo puoi valutare l'installazione di un contascatti elettronico.

Segna i consumi prima di sostituire il contatore!Se nel tuo immobile è presente un contatore meccanico del gas è molto probabile che questi sia sostituito nel giro di poco tempo a partire dalla sua riattivazione con un modello elettronico. Appuntati i dati di consumo prima della sostituzione e comunicali a Eni, poiché il nuovo contatore partirà con un consumo di 0 Smc.

Lettura Contatore Elettronico con Eni

Sebbene l'autolettura dei consumi su un contatore elettronico gas possa sembrare meno intuitiva del vecchio modello, questa ti permette una stima esatta del gas consumato fino a oggi. Per leggere i tuoi consumi non dovrai fare altro che premere il pulsante di accensione del display e, quando sarà illuminato, premerlo ancora fino ad arrivare ai dati di consumo, espressi in Smc. Invia il dato segnato sul schermo a Eni, ed il gioco è fatto.

Ricorda che il contatore è impostato in modalità di risparmio energetico, per cui dopo pochi secondi il display si disattiverà nuovamente. Niente paura: basta premere di nuovo il pulsante di accensione e tornerà la schermata precedente!

Problemi con la lettura gas? Chiama il Distributore localeSe cercando di leggere i consumi sul tuo contatore del gas hai problemi a visualizzare il display del contatore elettronico oppure noti che non ci sono variazioni di consumo su quello meccanico, la strada giusta da percorrere non è di contattare Eni, bensì il tuo Distributore locale, proprietario dei contatori e unico soggetto autorizzato alla loro revisione, il quale provvederà a fissare un appuntamento con un tecnico specializzato per risolvere il problema.

Dove trovare il contatore del Gas?

Generalmente, per questioni di sicurezza, i contatori del gas vengono installati all'esterno dell'abitazione, in posizioni strategiche facilmente reperibili.

Se hai recentemente effettuato un trasloco in un nuovo immobile, è probabile tu non abbia avuto necessità di trovare fisicamente il contatore, fino ad oggi. Il metodo più veloce per ottenere questa informazione resta quello di chiedere la posizione del contatore al portiere dell'immobile, al proprietario oppure ad un precedente inquilino. Se non ti è possibile comunicare con queste persone oppure non sono in grado di darti la risposta che cerchi, sappi che potrai trovare il contatore del gas in una delle seguenti postazioni:

  • In un armadietto, sul pianerottolo delle scale;
  • Nell'apposito vano comune del condominio (locale tecnico, sottoscala);
  • Su uno dei tuoi balconi;
  • Al confine della tua proprietà (muretto o parete esterna).

Risparmiare in bolletta grazie all'AutoletturaComunicare la lettura dei tuoi consumi al fornitore è molto utile per risparmiare in bolletta: oltre a evitarti onerosi conguagli, ti permette di scoprire se la tariffa del tuo fornitore è davvero adeguata o meno rispetto alle tue abitudini di consumo. Se il costo reale della tua bolletta non ti convince puoi valutare anche un cambio fornitore con una tariffa più adeguata a te.

Che succede se non faccio l'Autolettura del Gas?

Non comunicare l'autolettura a Eni può portarti a ricevere un conguaglio oneroso in bolletta alla fine del tuo contratto con il fornitore oppure a fine anno, a seconda della prima data utile tra le due. Ricorda inoltre che la lettura del contatore da parte dei tecnici del distributore locale avviene solamente ogni 6 mesi, il ché vuol dire rischiare di dover saldare nella bolletta successiva sei mesi di eventuali esuberi nel consumo.

Non comunicando ad Eni Gas e Luce i tuoi consumi otterrai bollette con consumi stimati invece di reali, valutati rispetto alle precedenti abitudini di consumo registrate dal contatore gas dell'immobile. Prolungando la mancata lettura dei consumi, il rischio di un conguaglio oneroso è concreto.

Cosa fare se ho sbagliato a comunicare l'Autolettura?

Al momento della trascrizione dei dati sulle piattaforme di Eni per l'autolettura può capitare di sbagliare ad inserire i tuoi consumi, comunicando quindi consumi errati. Una volta inviata la lettura dei consumi gas non è infatti possibile correggere il dato, neanche contattando l'assistenza clienti Eni.

In casi del genere non è prevista una sanzione da parte del fornitore e, a seconda dei volumi rilevati dalle precedenti letture del distributore comunicate a Eni, si seguirà una procedura differente:

  • In caso di un consumo errato, ma non distante dal precedente consumo stimato, riceverai semplicemente un conguaglio proporzionato (in positivo o in negativo) sulla successiva bolletta Eni;
  • Se il consumo risulta palesemente troppo alto o troppo basso rispetto ai precedenti consumi rilevati, Eni applicherà autonomamente i dati dei precedenti consumi stimati, escludendo la tua lettura.

Ricorda in ogni caso che potrai inserire nuovamente il dato corretto il mese successivo.

Eni Autolettura luce: cosa cambia?

La comunicazione dei consumi del contatore di energia elettrica segue la stessa prassi di quello del gas, ma ovviamente dovrai controllare i dati sul contatore luce e appuntarti le cifre espresse in kilowattora (kWh). Se disponi ancora di un contatore meccanico purtroppo non ti sarà possibile comunicare una lettura per tariffe biorarie, a differenza dei nuovi contatori elettronici che, grazie alla nuova tecnologia, possono arrivare anche ad escludere alcune fasce orarie previste da determinati piani tariffari.

Così come per il gas, per comunicare l'autolettura della luce dovrai, in ordine:

  1. Trovare il contatore della luce;
  2. Scoprire se il contatore luce è meccanico o elettronico;
  3. Effettuare la lettura secondo le modalità indicate per il tuo modello di contatore, annotandoti i kWh consumati;
  4. Scegliere il canale per comunicare l'autolettura a Eni (telefono, Area Clienti Eni, App MyEni);
  5. Fornire i dati di consumo a Eni Gas e Luce.

Ricorda che, anche per la luce così come per il gas, nel caso tu disponga di uno Smart Meter (come ad esempio l'Open Meter di E-Distribuzione) non avrai bisogno di comunicare l'autolettura, poiché il tuo contatore lo farà automaticamente ogni 15 minuti, garantendoti i consumi reali in bolletta in maniera dettagliata e precisa. Lo Smart Meter ti permetterà anche di monitorare i tuoi consumi in autonomia senza bisogno di raggiungere fisicamente il contatore grazie al sistema di telegestione.

Autolettura e trasloco: cosa fare?

Se stai per lasciare la tua abitazione ad un nuovo inquilino che farà a sua volta la voltura delle forniture di luce e gas, è bene fare un'ultima autolettura e comunicarla al fornitore: questo eviterà spiacevoli disguidi sulla proprietà dei consumi degli ultimi giorni di permanenza nell'immobile.

In ugual misura, entrando in una nuova abitazione può essere utile verificare i consumi dei contatori prima di cambiare intestatario.

Ovviamente, se il contatore è stato disattivato non sarà necessaria una autolettura preventiva, poiché gli eventuali conguagli saranno verificati dal fornitore con la bolletta di chiusura del contratto al precedente intestatario.

Infine, abbiamo raccolto per te le domande più frequenti sull'Autolettura Gas con Eni:

Come fare l'Autolettura con Eni Gas e Luce?

Potrai inviare l'autolettura del gas a Eni attraverso la tua Area Clienti sul sito del fornitore, tramite l'App My Eni sul tuo smartphone oppure chiamando il numero verde 800.999.800.

Per i contatori meccanici devi annotare le cifre numeriche presenti nelle caselle nere a sinistra della virgola, seguite dal simbolo Smc. Sui contatori elettronici invece tieni premuto il pulsante di accensione del contatore e segna i dati riportati sul display, riportati sempre in Smc.

Una volta davanti al contatore, che sia questi meccanico o elettronico, dovrai comunicare le cifre numeriche a sinistra della virgola. I decimali, infatti, non sono presi in considerazione ai fini della lettura. Per essere sicuro che stai segnando i dati giusti, sappi che saranno accompagnati dal simbolo Smc (Standard Metro Cubo).

aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche