Bonus mobilità 2020: riaperte le richieste dal 9 Novembre!

cambio fornitore luce gascambio fornitore luce gas

Vuoi cambiare fornitore?

Confronta le offerte sul comparatore o compila il form per essere ricontattato. Servizio gratuito.

Bonus Mobilità, le ultime notizie al riguardo
Sarà possibile richiedere nuovamente il bonus e coprire il 60% delle spese dedicate ai mezzi ecosostenibili acquistati da maggio a novembre.

Giorno 9 novembre, chi non è riuscito ad accedere ai fondi per il bonus mobilità, avrà una seconda occasione per poter effettuare nuovamente la richiesta. Addio click day e benvenuti nuovi fondi.


Vuoi sapere tutte le novità del settore energia? Inizia a seguirci! Clicca qui per unirti al nostro canale Telegram e non perderti nessuna notizia del settore! Devi, ovviamente, prima aver scaricato l'applicazione Telegram sul tuo smartphone.

Il 3 novembre è stata la data fatidica in cui, nella piattaforma adibita per il bonus mobilità, si poteva richiedere il bonus che avrebbe coperto il 60% delle spese investite, con un tetto massimo di 500 euro, in un mezzo di trasporto ecosostenibile come bicicletta e monopattino.

Nonostante le 600 mila richieste che sono state soddisfatte, sono più di 300 mila le persone che ne sono rimaste escluse. Per ovviare a questo problema, da lunedì 9 novembre a mercoledì 9 dicembre 2020 sarà possibile riformulare la domanda e ottenere il bonus.

Riapre la piattaforma dedicata al bonus fino a dicembre

Dal 9 novembre al 9 dicembre potranno fare richiesta sul portale.

Sergio Costa Ministro dell'ambiente

In sole 24 ore, il 3 novembre, sono stati esauriti i fondi messi a disposizione per il Bonus Mobilità.

Infatti, nonostante la lunga fila e i problemi tecnici, sono state tantissime le richieste evase, ma altrettanto numerose quelle che non sono andate a buon fine.

Questo ha messo in luce l'esigenza di erogare nuovi fondi e gestirli in modo diverso: non più tramite un Click Day, ma permettendo alle persone di effettuare la richiesta in un lasso di tempo di 30 giorni. In questo modo sperano che si eviterà un numero sproporzionato di accessi simultanei durante le prime ore della riapertura, avendo così anche il tempo di conoscere con esattezza le cifre necessarie per soddisfare le nuove domande in tempi utili.

Questo è stato possibile grazie al Ministero dell'Economia che ha garantito che, con la nuova Legge Bilancio, verranno recuperati ulteriori fondi che saranno erogati entro la prima metà del 2021. Con questa strategia promettono che riusciranno a fornire il rimborso a chi è risultato idoneo già all'alba del prossimo anno.

Come richiedere il Bonus Bici

Per poter accedere al bonus, verrà riaperta la stessa piattaforma utilizzata il 3 novembre e chi interessato ai fondi, potrà richiederli tramite SPID fornendo la fattura del mezzo ecosostenibile acquistato e alcuni dati personali.

Questa volta sarà diverso rispetto alla prima, perché ci saranno abbastanza fondi per tutti i richiedenti e ci sarà molto più tempo per procedere con la domanda: per questo è sconsigliato collegarsi in massa il giorno dell'inaugurazione.

Vuoi sapere quali sono gli esercenti che hanno aderito al Bonus Mobilità 2020? Leggi la nostra guida per trovare il più vicino a te. 

L'elemento decisivo della richiesta è proprio la fattura: solo chi ha acquistato una bici dal 4 maggio al 3 novembre, e vive in una delle zone stabilite, potrà procedere con il rimborso. Infine, il 10 dicembre chi ha inoltrato la richiesta saprà se è andata a buon fine.

Quali sono le città in cui è possibile richiedere il bonus? Per accedere ai fondi, il richiedente deve avere la residenza in una città o in un capoluogo di regione o provincia in cui vivono oltre 50 mila abitanti. Tra questi: Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma, Torino e Venezia.

Per ottenere maggiori informazioni, ti consigliamo di leggere il decreto. Qui puoi trovare il PDF completo.

Nei prossimi giorni sapremo come la piattaforma risponderà alle richieste e se, effettivamente, il Ministero dell'ambiente e dell'Economia riusciranno a coprire e a soddisfare il numero di richieste come hanno promesso.
Intanto, l'impegno per supportare le persone in questo periodo di crisi, favorendo allo stesso tempo soluzioni sostenibili, può contribuire a ridurre gli assembramenti oggi e l'inquinamento domani.

aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche