Per info su attivazione luce e gas

010 848 01 61 Richiamata gratuita

Distacco luce e gas senza preavviso: come tutelarsi?

confronto luce e gas

Vuoi cambiare fornitore?

Contattaci per conoscere le migliori offerte luce e gas dei principali fornitori  .

Vuoi cambiare fornitore?

I nostri call center sono momentaneamente chiusi. Confronta le offerte sul comparatore o compila il form per essere ricontattato.

All’improvviso ti è stata sospesa la fornitura di luce o gas, ma senza previo avviso da parte del fornitore? Il cliente ha diritto ad un risarcimento, se si trova in una situazione di questo tipo? Dipende dai casi: vediamolo insieme.

Distacco improvviso di luce e gas?

Contatore chiuso senza preavviso?

A volte può capitare di dimenticarsi di pagare le fatture oppure che, per errore del servizio postale, arrivino già scadute. Se ti trovi in questo caso, il fornitore ti invierà un sollecito di pagamento in modo da informarti del mancato saldo delle fatture. A questo punto, dovrai provvedere il prima possibile a pagare le bollette arretrate e comunicare l’avvenuto pagamento, inviando la ricevuta al tuo gestore.

Ma come ci si deve comportare se il cliente non riceve nessuna comunicazione e il fornitore stacca le utenze senza preavviso? Prima di tutto bisogna capire se il distacco è consentito per legge oppure è illegittimo e il fornitore sta procedendo in maniera irregolare. Se il cliente non paga regolarmente le fatture, è diritto del fornitore sospendere il servizio erogato, sempre però che questo sia anticipato da una comunicazione scritta al cliente. Come specificato nelle condizioni generali del contratto di fornitura, se il gestore non invia un sollecito di pagamento né una diffida legale, non può staccare l’utenza al cliente, nonostante questo non abbia pagato le fatture. Si tratta quindi di un adempimento contrattuale da parte della società di vendita.

Il cliente ha diritto ad un risarcimento?

Se sei stato vittima di un distacco di luce e gas senza preavviso, potresti avere diritto ad un risarcimento da parte del fornitore. Qui però vanno distinti due casi:

  • Se il fornitore non ha inviato la raccomandata con il sollecito di pagamento, il cliente si può tutelare, ma deve comunque prima pagare la bolletta. Nel caso in cui l'importo da saldare sia molto elevato, il cliente può richiedere di rateizzare l'importo della bolletta e chiedere successivamente il risarcimento
  • Se il fornitore invia il sollecito, ma questo non arriva per errore del servizio postale, il fornitore non ha legalmente colpa e quindi il cliente non può chiedere il risarcimento

Secondo quanto stabilito dall'Autorità, secondo le deliberazioni ARG/elt 4/08 e ARG/gas 99/11, sono previsti degli obblighi da parte del cliente, che deve sempre saldare le fatture nei tempi stabiliti, e da parte del fornitore che non può sospendere la fornitura in caso di morosità, senza un preavviso scritto. Per tutelare il cliente, l'Autorità ha previsto che l'utenza può essere staccata per morosità, solamente nei seguenti casi:

  • Dopo avere provveduto alla costituzione in mora del cliente finale
  • Se l’importo del mancato pagamento è superiore all’ammontare del deposito cauzionale lasciato dal cliente
  • Se non c'è stato un malfunzionamento del contatore

Nel caso in cui il fornitore provveda al distacco di luce e gas, senza preavviso, il cliente ha diritto ad un indennizzo: nel documento per la consultazione 511/2012/R/eel è stato infatti proposto di introdurre un indennizzo automatico da corrispondere al cliente finale in caso di violazione delle previsioni in materia di costituzione in mora. L'Autorità ha previsto un rimborso di 20€ nel caso di:

  • mancato invio della costituzione in mora
  • mancato rispetto del termine ultimo di pagamento indicato nella raccomandata
  • mancato rispetto del termine massimo di 10 giorni tra la data di emissione della comunicazione e la data di effettivo invio

Quanto costa pagare in ritardo la fattura?

Utenze sospese per morosità?

Una volta ricevuto il sollecito di pagamento da parte del fornitore, il cliente dovrà non solo saldare l’intero importo della fattura, ma dovrà anche andare incontro agli interessi di mora e quelli legali. Nel caso si tratti di un cliente con un contratto attivo nel servizio tutelato, e che sia riconosciuto come buon pagatore, se paga entro i primi 10 giorni dalla data di scadenza della bolletta, si applicheranno solo gli interessi legali.

Se invece il cliente è stato definito come cattivo pagatore, se paga dopo la scadenza indicata, deve versare gli interessi di mora che si riferiscono al tasso fissato dalla Banca centrale europea, aumentato del 3,5%. Così nel caso di un tasso di riferimento al 3%, la mora applicata sarà del 6,5% annuo. Se invece sei un cliente con un contratto attivo nel mercato libero e paghi la bolletta dopo la scadenza indicata, il venditore può chiedere oltre agli interessi di mora anche le spese previste dal contratto: questo varia da fornitore a fornitore e viene specificato nel contratto di fornitura.

Info attivazione

010.848.01.61

Che cos’è la bolletta anomala?

Si parla di bolletta anomala quando sono addebitati dei conguagli basati su fatture stimate o con importi sbagliati, già contestati dal cliente tramite reclamo scritto al fornitore. La società dovrà quindi rispondere al reclamo, prima di staccare l’utenza; se non dovesse farlo, l’Autorità ha previsto una serie di casi in cui il distacco non è possibile. Se si tratta di bollette:

  1. Con ricalcoli previsti nella bolletta 2.0
  2. Basate su dati stimati che seguono altre bollette stimate
  3. Con importo superiore al 150% dell’addebito medio delle fatture degli ultimi 12 mesi per la luce e al doppio dell’addebito più alto negli ultimi 12 mesi per il gas
  4. Emesse dopo l’attivazione della fornitura e con valori anomali e diversi rispetto l’autolettura del cliente

Se il problema delle bollette è l'importo troppo elevato, puoi chiedere un cambio di fornitore aderendo magari ad un'offerta web, che prevede il pagamento tramite RID bancario e la ricezione delle fatture per email, contattando il numero 010.848.01.61.

Come fare per evitare che vengano staccate le utenze?

Come dicevamo, a volte la posta arriva in ritardo e le bollette ti vengono recapitate già scadute. Per evitare di incorrere nella morosità, per cause che spesso non sono legate ad una tua mancanza o errore, ti consigliamo di scegliere come metodo di ricezione delle fatture la bolletta web. In questo modo, la bolletta di luce e gas ti verrà inviata per email, così sarai sicuro di riceverla sempre prima della data di scadenza.

Un altro modo per evitare di dimenticarsi di pagare le fatture, è richiedere l'addebito delle stesse su conto corrente bancario, in modo che l’importo della bolletta ti venga scalato automaticamente dal conto, senza bisogno di dover stampare il bollettino e fare interminabili code agli sportelli postali o dal tabacchino.Con queste due semplici accortezze sarà più comodo gestire le bollette di luce e gas, senza correre il rischio di non pagarle.