Energia Reattiva: Cos'è il kvarh? Significato

Info contatori luce gasInfo contatori luce gas

Info Attivazione Contatore, Allaccio e Voltura luce e gas

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 20 e il sabato dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18.

L'energia reattiva in bolletta: cosa succede?
Cosa succede in bolletta con l'energia reattiva?

Definizione

Per energia reattiva si intende quell'energia che viene assorbita da parte di motori, trasformatori, lampade a fluorescenza e altri strumenti elettrici, senza che questa produca lavoro né venga consumata effettivamente. L'energia reattiva si misura in kvarh, ovvero Kilo Volt Amper Reattivi all'ora.


In questo articolo cercheremo di farti capire come avviene il fenomeno dell'energia reattiva, quali effetti implica sulla bolletta della luce e quali sono i metodi per diminuirne gli effetti.


Che differenza c'è tra energia attiva ed energia reattiva?L'energia reattiva si misura in kvarh, differentemente dell'energia attiva, espressa in kWh.
Il var rappresenta il voltampere reattivo, ovvero l'unità di misura propria della potenza reattiva. Il var è omogeneo al voltampere e al watt (J/s), differenziandosi da questi per sottolineare che non ha senso sommare queste grandezze: potenza reattiva (var), attiva (W) e apparente (VA).

Cos'è l'energia reattiva?

L'energia reattiva è quell'energia che viene assorbita da diversi macchinari elettrici ma che non viene effettivamente impiegata per produrre lavoro utile (calore, forza e movimento). Questa energia è collegata al campo elettromagnetico necessario alla macchina per poter funzionare e si scambia continuamente tra il carico e il generatore, scorrendo avanti e indietro sulla rete senza essere realmente consumata.

La formula del Cosfi
Per calcolare il Cosfi (Cos φ) è necessario essere in possesso dei valori di Potenza Attiva (kW) P e Potenza Reattiva Apparente (kVAR) A, con questi si ottiene il valore della tangente dell’angolo di sfasamento (φ) tra la tensione e la corrente come segue: Cos φ = P/A

Se questa energia non comporta un reale consumo, perché ha un peso in bolletta? Il flusso di energia reattiva dell’utenza provoca maggiori consumi e un impegno più alto sulla rete elettrica fino al contatore. Anche non consumata, quindi, questa energia viene trasportata sulla rete nazionale, producendo delle perdite sulle linee di distribuzione. A causa di ciò, l'intensità di questa variazione viene addebita all’utente tramite delle penali per basso fattore di potenza Cosfi. Il Cosfi è coseno dell’angolo di sfasamento tra corrente e tensione.

Valore del Cosfi e penale in bolletta

L'inserimento di una penale a causa di un eccesso di energia reattiva all'interno di una bolletta luce avviene solo quando il Cosfi ha un determinato valore:

  • Non sono previste penali se il cosfi ha un valore di 0,9, ovvero se i kvarh sono inferiori al 50% dei kWh consumati;
  • Se il cosfi è compreso tra 0,9 e 0,8, cioè se i kvarh sono compresi tra il 50% e il 75% dei kWh consumati, troverai delle penali per ogni kvarh registrato;
  • Se il cosfi è minore di 0,8, cioè se i kvarh sono superiori al 75% dei kWh consumati, le penali su ogni kvarh saranno maggiori del rapporto 1:1.

Le penali coinvolgono solo gli utenti non domestici, che hanno una potenza impegnata superiore a 16,5 kW. Le abitazioni hanno in genere una potenza più bassa, 3 kW, oppure fino a 6 kW.

Quant'è il valore in bolletta per il 2020?Per energia reattiva compresa tra 33% e 75% della attiva la penale è fissata a 0,744 centesimi di euro/kvarh, mentre nel caso in cui vada oltre il 75% il costo sarà di 0,959 centesimi di euro/kvarh.

Energia reattiva: come eliminarla?

Per diminuire l'energia reattiva assorbita dell'impianto e, quindi il suo peso in bolletta (fino ad azzerarlo), lo sfasamento tra tensione e corrente elettrica deve essere il minimo possibile. Per fare ciò, sarà necessario avere un fattore di potenza più elevato possibile. L'operazione viene definita rifasamento.

L'intervento di rifasamento necessita di precisi calcoli tecnici e deve essere progettato da un elettricista esperto per evitare spiacevoli incovenienti o danni alla linea elettrica.

Per evitare danni prolungati ed estesi, esistono casi in cui è lo stesso distributore locale ad obbligare il cliente finale ad operare un rifasamento dell'impianto elettrico e avviene secondo i seguenti valori di Cosfi:

  1. Con un fattore di potenza medio mensile è inferiore a 0,7 l’utente è obbligato a rifasare l’impianto;
  2. Con  fattore di potenza compreso tra 0,7 e 0,9 non c’è l’obbligo di rifasare l’impianto ma l’utente paga una penale per energia reattiva;
  3. Con fattore di potenza superiore a 0,9 non c’è l’obbligo di rifasare l’impianto e non si paga alcuna quota di energia reattiva.

Risparmiare in bolletta? Si può!Ricorda che evitare l'eccesso di energia reattiva non è l'unico modo di risparmiare in bolletta! Chiama lo 010 848 01 61 per scoprire qual è la promozione luce e gas più conveniente del 2020. Ci trovi dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 20.00 e il sabato dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00, oppure fatti richiamare gratuitamente con il nostro servizio di richiamata gratuita!

aggiornato il