Accisa Agevolata Gas: chi ne ha diritto e moduli per la richiesta

Info business luce gasInfo business luce gas

Quali sono le migliori Offerte Luce e Gas per Partita IVA di Oggi?

Chiama ora. Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

Info business luce gasInfo business luce gas

Quali sono le migliori Offerte Luce e Gas per Partita IVA di Oggi?

Oggi puoi RisparmiareCompila il form per essere ricontattato. Servizio Gratuito e senza impegno.

accisa agevolata gas, chi ne ha diritto
Scopri se hai diritto ad all'IVA o alle Accise Agevolate per la tua fornitura di Gas aziendale

Tutte le forniture di gas naturale sono soggette alle imposte: l'accisa, le addizionali regionali e l'IVA. Lo Stato prevede delle agevolazioni con aliquote ridotte o esenzioni sia per i clienti privati, ossia gli utenti domestici, sia per le imprese.
Ecco quali sono le aziende a partita IVA che hanno diritto all'accisa agevolata, ti diremo come fare la domanda per avere la riduzione, dopo aver verificato il tuo codice ATECO.

Categorie che hanno diritto ad Accise Agevolate sulla fornitura di Gas
Attività industriali produttive di beni e servizi
Attività artigianali
(produzione di beni e/o servizi all’interno degli stabilimenti, dei laboratori e delle aziende dove viene svolta l’attività produttiva)
Attività agricole
Attività di commercio all’ingrosso e al dettaglio
Attività di intermediazione commerciale (es. agenti e procacciatori)
Attività di somministrazione di bevande (bar, birrerie e simili)
Attività svolte nel settore alberghiero e negli esercizi di ristorazione
Esercizio di impianti sportivi adibiti esclusivamente ad attività dilettantistiche e gestiti senza fini di lucro
Esercizio di attività ricettive svolte da istituzioni finalizzate all’assistenza dei disabili, degli orfani, degli anziani e degli indigenti, anche quando non è previsto lo scopo di lucro
Attività svolte in case di cura, qualificabili come imprese industriali (art. 2195 Codice Civile)
Attività di Produzione (diretta o indiretta) e Auto Produzione di Energia Elettrica

Molti fornitori, al momento della registrazione del contratto gas, segnalano se il cliente ha diritto all'IVA e alle accise agevolate. Per maggiori informazioni o per attivare una nuova fornitura gas, puoi chiamare un nostro esperto o prendere un appuntamento, gratuitamente e senza impegno, al numero:
06 948 025 9506 948 025 95 Prendi un appuntamento

Le imposte nella bolletta del gas naturale

La tassazione sul gas è prevista per tutti i consumatori con aliquote diverse in base alla tipologia di utilizzo (civile o industriale) e a seconda del luogo geografico dell'utenza del cliente finale.
Le forniture di gas metano destinato alla combustione sia per usi civili che per usi industriali, sono sottoposte alla seguente tassazione:

  1. L'accisa, imposta erariale sul consumo;
  2. L'addizionale regionale;
  3. L'IVA, imposta sul valore aggiunto.

L'accisa si applica in base al Decreto Legislativo 26/10/1995 n. 504 ("Testo Unico delle Accise"), ai consumatori di gas in funzione del consumo, si paga quindi in base alla quantità di gas in metri cubi, che consumiamo.
L'applicazione delle aliquote viene differenziata in funzione della tipologia di utilizzo del gas metano per due categorie: civile oppure industriale.

Le addizionali regionali, sono state introdotte dalla legge 14/06/1990 n. 158 e successivo Decreto Legislativo 21/12/1990 n. 398 e hanno aliquote diverse a seconda della Regione dove si trova la fornitura. In modo identico alle accise, le addizionali vengono pagate in base al consumo di gas.
Le Regioni a statuto speciali non applicano le addizionali. La Regione Lombardia ha deciso di non applicarla, mentre altre regioni, come Liguria e Abruzzo, hanno aliquote diverse in funzione della zona climatica in cui si trova l'abitazione.

L'IVA, stabilita con il D.P.R 26/10/1972 n.633, e successive modifiche e integrazioni, si applica invece al valore del bene, ossia al costo totale della bolletta del gas, comprensiva di tutte le componenti e anche dell'accisa. In maniera analoga all'accisa, anche l'aliquota IVA viene differenziata in base al tipo di fornitura: usi domestici e altri usi.

Moduli da scaricare IVA e accisa agevolata e contatti per l'invio

Nella tabella sottostante sono indicati i contatti dei fornitore (l'indirizzo postale, il numero di fax e l'indirizzo mail) per inviare il modulo per la richiesta dell'IVA sul gas metano al 10% e per le agevolazioni ( comprese esclusioni e esenzioni) sulle accise.

Come inviare la richiesta per le agevolazioni fiscali
Fornitore Modulo per richiesta agevolazione
sorgenia Moduli per agevolazioni fiscali di Sorgenia da inviare a:
  • Email PEC: [email protected]
  • Posta: Sorgenia S.p.A. – Dipartimento Fiscale/Accise Via Alessandro Algardi 4 – 20148 Milano
Scopri le offerte Sorgenia
enel Moduli per agevolazioni fiscali di Enel da inviare a:
  • Via PEC: [email protected]
  • Fax: 800 046 311
  • Posta: Enel Energia SpA - Settore Fatturazione Fiscale - CP 8080 - 85100 POTENZA (PZ)/li>
Scopri le offerte Enel
eni Moduli per agevolazioni fiscali di Eni da inviare a:
  • Via PEC: [email protected]
  • Posta: Eni Plenitude S.p.A Società Benefit Polo Accise Via Campi Flegrei, 34 80078 Pozzuoli (NA)
Scopri le offerte Eni Plenitude
iren Moduli per agevolazioni fiscali di Iren da inviare a:
  • Posta: IREN Mercato S.p.A. UFFICIO DENUNCE FISCALI Strada Santa Margherita, 6/A 43123 PARMA
Scopri le offerte Iren
edison Moduli per agevolazioni fiscali di Edison da inviare a:
  • Via PEC:  [email protected]
  • Posta: Edison Energia SPA Servizio Clienti Aziende Casella Postale 14070 - 20152 Milano (MI)
Scopri le offerte Edison
a2a Moduli per agevolazioni fiscali di A2A da inviare a:
  • Posta: A2A Energia spa Ufficio Fiscale e Tributario Corso di Porta Vittoria, 4 - 20122 Milano
Scopri le offerte A2A

Per le imposte sul gas sono previste delle agevolazioni sulle aliquote per alcune tipologie di imprese. Vediamo quali sono le aziende che ne hanno diritto. Per maggiori informazioni sulle imposte e una consulenza gratuita sulle migliori tariffe gas chiama il numero 06 9480 259506 9480 2595 prendi un appuntamento la consulenza è gratuita e senza impegno.

Aliquota IVA agevolata al 10% sul gas per le imprese

Per il gas impiegato in usi civili si applica l'aliquota ridotta al 10% solamente ai primi 480 metri cubi all'anno.
Per usi civili si intendono le tipologie di utilizzo diverse da quelle industriali, le utenze domestiche sono considerate come usi civili, come scuole, caserme, case di riposo.
Dal D.P.R n.633 citato precedentemente, nella tabella A, parte III, viene disposta un'aliquota IVA sul gas metano ridotta del 10% anche alle forniture per usi industriali.

Categorie che hanno diritto all' IVA Agevolata al 10% sulla fornitura di Gas
Imprese estrattive e manifatturiere, (sezione C, codice ATECO ) comprese quelle poligrafiche, editoriali e simili - Categoria C dei codici ATECO dalla divisione 10 a 33
Aziende agricole (Categoria A dei codici ATECO divisione 1)
Imprese che impiegano gas per la produzione di energia elettrica
Imprese che usano gas in centrali di cogenerazione, ossia la produzione combinata di elettricità e calore.
Utenti che impiegano l'energia per impianti irrigui, di sollevamento e di scolo delle acque (consorzi di bonifica e di irrigazione)
Utenti che utilizzano l'energia per usi domestici (strutture residenziali e ambienti come caserme, scuole, case di riposo, conventi, orfanotrofi...)

Vuoi scoprire quali sono le migliori tariffe Gas per Aziende e Partite IVA? Confronta le offerte gas business migliori per trovare quella più adatta per la tua attività.

Esenzione IVA per il gas metano

Esistono casi nei quali le forniture non pagano l'IVA sul gas e sono elencate nella tabella sottostante. Con l'agevolazione si paga un'IVA ridotta mentre con l'esenzione, o con l'esclusione, l'aliquota è pari a zero.

 
Categorie che hanno diritto all'Esenzione dell'IVA sulla fornitura di Gas
Esportatori abituali: operatori economici che effettuano operazioni superiori al 10% del volume d'affari nell'anno precedente.
Rappresentanze diplomatiche
Comandi militari degli Stati della NATO (in base ad accordi specifici)
Forniture dello Stato della Città del Vaticano e della Repubblica di San Marino

Riduzione accise gas per le imprese 2022

Nel settore del gas il livello delle tasse risulta più elevato rispetto all'energia elettrica e fa si che il costo finale, tasse comprese, sia tra i più alti a livello europeo. Per questo motivo sono state introdotte a favore delle imprese delle riduzioni dell'accisa e dell'addizionale regionale che consistono in un'imposta minore rispetto a quella ordinaria.
Nella tabella sottostante sono elencati i casi in cui viene applicata la riduzione.

Chi ha diritto alla riduzione dell'accisa sul gas
Attività industriali che producono beni e servizi: artigianali, agricole, alberghiere, di ristorazione, di distribuzione commerciale, forni per il pane, produzione di energia elettrica e la cogenerazione.
Impianti sportivi adibiti ad attività dilettantistiche senza fine di lucro
Attività ricettive svolte da istituzioni per assistenza a disabili, orfani, anziani e indigenti e comunità di recupero di tossicodipendenza dove vengono svolti lavori
Attività svolte in case di cura, qualificabili come imprese industriali (art. 2195 Codice Civile)
Forze Armate Nazionali per quanto riguarda l'accisa, esenti dall'addizionale regionale
Usi Istituzionali delle Forze Armate dei Paesi della Nato
Rappresentanze diplomatiche o consolari
Organizzazioni internazionali riconosciute
Stati ed Organizzazioni Internazionali nei cui confronti, sulla base di accordi viene concessa anche l'esenzione IVA

Le aziende con uso del gas industriale che godono dell'accisa ridotta sono quindi alberghi, hotel e strutture ricettive, per la distribuzione commerciale, ristoranti (agevolazione totale o parziale al 50%), pizzerie, bar.

Negli ultimi quattro casi la Regione può decidere di applicare un'imposta sostitutiva.
L'esclusione invece significa che l'azienda non è soggetta a questa tassazione. Nella tabella seguente sono indicate le aziende che godono dell'esclusione.

Chi ha l'esclusione dall'accisa e dalle addizionali regionali sul gas?
Classificati DI 26 e DJ 27 - classificazione codice ATECO
Imprese che utilizzano il gas per la riduzione chimica
Imprese che utilizzano il gas nei processi elettrolitici o metallurgici
Imprese che utilizzano il gas nei processi mineralogici

Agevolazioni sull'accisa gas per la cogenerazione

La cogenerazione che impiega come combustibile primario gas metano è una tecnologia molto versatile che consente di ottenere un'elevata efficienza energetica. Inizialmente veniva applicata in grandi impianti, tuttavia negli ultimi anni, con i progressi tecnologici si sta diffondendo anche in utenze con potenze termiche basse, di qualche decina di kW.
La cogenerazione, proprio per i suoi benefici in termini energetici è sostenuta dallo Stato con agevolazioni ed incentivi. Tra questi vi è l'agevolazione sulle accise, che possono ridursi anche di molto rispetto all'aliquota agevolata prevista per gli usi termici (produzione di energia).

Come fare richiesta per IVA o accisa agevolata

Per avere accesso all'applicazione agevolata delle aliquote, l'impresa che ne può usufruire deve inviare una apposita dichiarazione scritta al proprio fornitore, dopo aver ottenuto l'attivazione della fornitura.
Nella dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà il cliente ammette, sotto la propria responsabilità, che è in possesso dei requisiti essenziali per avere diritto all'agevolazione.

Per fare la richiesta, è necessario compilare e firmare uno specifico modulo del tuo fornitore, previsto per la propria attività, che dovrà essere inoltrata con una delle seguenti modalità in base al fornitore:

  1. Via posta con raccomandata A.R.
  2. Tramite fax;
  3. Via email PEC, se previsto dal fornitore, esclusivamente con firma elettronica digitale.

Nel modulo sarà necessario inserire i dati dell'utenza del gas: indirizzo, codice fiscale, partita IVA, codice PDR, i dati del richiedente (in qualità di legale rappresentante, presidente, amministratore) e allegare tutti i documenti richiesti.
Alcune volte viene richiesta la copia del certificato della camera di commercio, della licenza di esercizio per i locali pubblici e di ristorazione o la copia dello statuto per gli impianti sportivi e le attività di assistenza.

È obbligatorio allegare alla richiesta una copia del documento d'identità del richiedente valido, pena l'invalidità della domanda.

aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche