Per info su attivazione luce e gas

06 948 025 95 Richiamata gratuita

La Bolletta dell'Energia Elettrica e del Gas per le Imprese

INFO PREZZI E ATTIVAZIONE LUCE&GAS per PARTITA IVA 06 948 025 95 Parla con un esperto  
Chiamata Gratuita Info

INFO PREZZI E ATTIVAZIONI LUCE&GAS per PARTITA IVA Un nostro esperto ti ricontatterà al più presto!
Prendi un Appuntamento Info

La bolletta, fatturazione postale o elettronica di un contratto di fornitura di servizi, può diventare un grattacapo per chi deve “decifrarla”. E questo problema non riguarda solo le bollette degli utenti domestici ma anche quelle delle imprese. Oggi ti aiutiamo a comprendere meglio questo “pezzo di carta” ricco di voci da decifrare, dati e non poche insidie per un occhio inesperto.


Bolletta Energia Elettrica Aziende a Partita IVA: come leggerla?

La bolletta dell’energia elettrica di aziende a partita IVA consta di vari punti, varie pagine, voci e dati tecnici. Di seguito un riassunto esaustivo di tutto ciò che dovrai sapere per capire in profondità ogni dettaglio della bolletta che riceverai dopo aver aperto il tuo negozio. La bolletta dei clienti a partita IVA è simile alla bolletta dei clienti domestici: le parti che compongono il prezzo dell'energia elettrica sono le stesse. La grande differenza risiede nella tariffa applicata: infatti, nel caso dei clienti business, si tratterà di tariffe BTA.

Di seguito i principali dati che ritroviamo in bolletta:

Cos’è l’Energia Reattiva?Molto spesso ti capiterà di dover pagare una penale in bolletta dovuta all’energia reattiva. È il caso solo dei clienti business e non di quelli domestici. L'energia reattiva è un'energia che viene assorbita da alcune apparecchiature elettriche come motori e trasformatori, senza che venga effettivamente utilizzata.

Ricordiamo, inoltre, che le spese per le utenze di acqua, luce e gas sono spese deducibili per i possessori di partita IVA. La deduzione si effettuerà sul calcolo delle imposte da indicare nel modello unico per la dichiarazione dei redditi.

Bolletta Luce: Agevolazioni Fiscali per Aziende a Partita IVA

L’elettricità costa. E molto. E spesso può influire in maniera decisiva nella vita di un’attività. Per questo, fortunatamente, esistono delle agevolazioni fiscali per le aziende a partita IVA. Le forniture di energia elettrica vanno incontro a due tipi di tassazione:

  • L’accisa, ovvero l’imposta erariale sul consumo, che si paga in base alla quantità di energia che consumiamo
  • L’IVA, imposta sul valore aggiunto, che si applica al valore del servizio ovvero al costo totale della bolletta della luce.

Vediamo in dettaglio le imprese che possono beneficiare di speciale agevolazioni fiscali sia per l’IVA che per l’accisa. Per quanto riguarda l’IVA esistono alcune aziende che avranno un IVA agevolata al 10%. Tra queste aziende ritroviamo quelle agricole, quelle manifatturiere, estrattive ed ancora utenti che utilizzano l’elettricità per fini domestici (case di riposo, asili nido, strutture residenziali, etc). Rientrano, inoltre, i consorzi di bonifica ed irrigazione. Per quanto riguarda l’accisa, invece, sono escluse dal pagamento le aziende che utilizzano l’energia per la riduzione chimica, i processi elettrolitici, metallurgici, etc. Inoltre sono esenti opifici industriali, aziende che impiegano l'energia elettrica per l'esercizio delle linee di trasporto urbano e interurbano.

La richiesta per le agevolazioni fiscali in bolletta…... deve essere presentata direttamente al proprio fornitore di luce. Come? Attraverso richiesta scritta inviata tramite mail certificata, posta, fax.

Bolletta Gas Impresa: tutto quello che c’è da sapere

La bolletta del gas per le aziende non si distacca molto da quella per gli utenti domestici ed è principalmente divisa nelle seguenti voci:

  • Spesa Materia Prima Gas: in questo voce rientrano i costi per l’acquisto del gas rivenduto ai clienti e si applica al gas consumato. Inoltre vanno sommate i costi di carattere generale e quelli di commercializzazione al dettaglio
  • Spesa Trasporto e Gestione Contatore: sono costi legati alle attività di trasporto del gas nei gasdotti nazionali allo stoccaggio, alla rete di distribuzione locale fino all'utente finale
  • Imposte ed IVA: come per la bolletta della luce anche quella del gas ha delle imposte come l’accisa che si applica al consumo effettivo del gas. Inoltre andranno aggiunte l’IVA e l’addizionale regionale.

Bolletta Gas: Agevolazioni su IVA e Accise

Come abbiamo visto per le utenze della luce, anche per quelle del gas, sarà possibile ottenere delle agevolazioni finanziarie. L’IVA sarà ridotta al 10% per le seguenti imprese:

  1. Aziende agricole
  2. Imprese estrattive e legate al mondo manifatturiero
  3. Imprese che impiegano il gas nella produzione di energia elettrica
  4. Imprese che impiegano il gas nella produzione combinata di elettricità e calore

Per ciò che concerne la tassazione nel mondo del gas, il livello risulta più elevato rispetto all'energia elettrica. Per questo sono state introdotte delle riduzioni dell'accisa e dell'addizionale regionale a favore delle imprese, che consistono in un'imposta minore rispetto a quella ordinaria. Esistono molte tipologie di aziende che possono ricevere una riduzione sull’accisa del gas. Ad esempio: bar, ristoranti, strutture ricreative, case di cura, rappresentanze diplomatiche, organizzazioni internazionali. Le aziende che, invece, utilizzano il gas per riduzione chimica, per i processi metallurgici e mineralogici saranno escluse dal pagamento dell’accisa sul gas.

Codice ATECOSia per le agevolazioni fiscali per l’elettricità come per il gas dovrai capire se la tua azienda rientra nel settore di riferimento. Per scoprirlo ti basterà verificare il codice ATECO della tua attività!

Tariffa BTA altri usi per utenze non domestiche

Come specificato in apertura i clienti business di luce e gas non sono considerati utenti domestici e per questo dovranno scegliere sempre una tariffa BTA. L’acronimo sciolto sta per Bassa Tensione Altri Usi e si riferisce alle tariffe per negozi e locali commerciali, uffici e garage e anche per il contatore del palazzo, dedicato all'illuminazione del vano scale e all'ascensore. Le tariffe BTA sono sempre applicabili sia ad utenze intestate ad un'azienda a partita IVA con connessione permanente che temporanea (forniture da cantiere). In questo modo riusciamo a comprendere che una tariffa altri usi applicabile sia ad un'azienda sia per il contratto luce di un piccolo negozio o locale commerciale. Avremo quindi una differenziazione in base alla potenza impegnata, alla tipologia del contatore presente sul punto di fornitura e del contratto.

Servizio Maggior TutelaNon solo i clienti domestici ma anche quelli altri usi possono optare per la scelta di un contratto con il Servizio Maggior Tutela. Però solo ed esclusivamente le piccole aziende con meno di 50 dipendenti, fatturato non superiore a 10 milioni di euro annui ed i piccoli consumatori non domestici (garage e condomini). Ricordiamo, però, che a meno di ulteriori proroghe il mercato tutelato verrà abolito a luglio 2020.

Per ciò che concerne, invece, le tariffe gas business esiste la cosiddetta tariffa binomia è infatti per quei particolari clienti che consumano una grande quantità di gas metano, superiore a 200.000 metri cubi all'anno.