Pompa di Calore Aria Acqua: Quanto costano? Come funzionano?

Eco Bonus 110 Ristrutturazione casaEco Bonus 110 Ristrutturazione casa

Ristruttura la tua Casa

Richiedi un preventivo gratuito per installare Climatizzatore e impianto Fotovoltaico. Clicca sul servizio che ti interessa e compila il form.

La guida alle pompe di calore aria acqua: costi, funzionamento e modelli migliori.
Tutto sulle pompe di calore aria acqua: quanto costano, come funzionano e i parametri da considerare prima dell'acquisto.

Sei in cerca di un modo efficiente per riscaldare casa e produrre acqua calda? Allora potresti considerare l’acquisto di una pompa di calore aria acqua: in questo articolo trovi tutte le info di cui hai bisogno.


Le pompe di calore aria acqua costituiscono un’alternativa da tenere in considerazione per il riscaldamento e il raffrescamento delle abitazioni, ma non solo.

Gli impianti di questo tipo sono caratterizzati da efficienza energetica ed ecosostenibilità, e vanno a porsi come una seria alternativa all’installazione della classica caldaia. Continua a leggere per trovare informazioni su prezzi, caratteristiche e fattori da considerare prima dell’acquisto.

Il funzionamento delle pompe di calore Il funzionamento generale delle pompe di calore prevede lo scambio di calore da un ambiente più caldo a uno più freddo. Per maggiori informazioni in tema, leggi pure il nostro speciale: “Pompa di Calore: cos'è, quanto costa e quanto fa risparmiare?”

Che prezzo hanno le pompe di calore aria acqua?

Sul mercato sono presenti differenti alternative di pompe di calore aria acqua. Per orientarti meglio, abbiamo pensato di segnalarti alcuni modelli prodotti dai brand più noti del settore, come Daikin e Mitsubishi.

I migliori modelli di Pompa di Calore Aria Acqua
Nome Prezzo Maggiori info

Mitsubishi Ecodan Hydrobox

6.970,00 €

Scopri l’offerta

Daikin Compact R32

6.299,00 €

Scopri l’offerta

Remko WKF70 Neo Compact

8.712,36 €

Scopri l’offerta

Per scoprire i costi di mercato e dei principali modelli leggi anche "I prezzi delle pompe di calore in Italia".

Gli incentivi per l’acquisto

L’acquisto di una pompa di calore aria acqua può usufruire di sconti e incentivi. Si tratta infatti di apparecchi di norma più sostenibili rispetto alle normali caldaie, il cui utilizzo viene perciò promosso e sostenuto.

In particolare, l’acquisto di impianti di questo tipo rientra nella disciplina prevista per l’Ecobonus al 110%. Per saperne di più, ti suggeriamo di leggere il nostro speciale: “Ecobonus e Sisma Bonus 110% per Ristrutturazioni Casa: Condizionatori e Fotovoltaico. Il punto della situazione”.

Pompe di calore aria acqua: il funzionamento

Il funzionamento di una pompa di calore aria acqua presenta delle similitudini con quello dei normali frigoriferi. In questi ultimi apparecchi, il calore che si trova all’interno dell’impianto viene estratto, espulso all’esterno. Nelle pompe di calore, invece, il calore viene estratto da una fonte rinnovabile (aria, acqua o terra) e trasferito all’interno dell’edificio. Il funzionamento di una pompa di calore si basa su tre passaggi definiti:

  • Nella prima fase, la pompa di calore preleva il calore dall’ambiente. L’aria esterna viene convogliata in uno scambiatore, al cui interno circola un liquido refrigerante a bassa temperatura. La differenza tra temperatura esterna e interna è essenziale. L’aria esterna, entrando a contatto con il liquido refrigerante, trasferisce calore allo stesso liquido, innalzandone la temperatura;
  • Il refrigerante, a contatto con il calore esterno, arriva al punto di ebollizione e vaporizza. Il compressore della pompa di calore, così, può comprimere il vapore, innalzandone la temperatura al punto tale da permettere il trasferimento al circuito di riscaldamento;
  • Il calore trasferito al circuito permette il riscaldamento dell’acqua per usi sanitari e per il riscaldamento degli ambienti. Più calore viene trasferito all’acqua, e più diminuisce la temperatura del refrigerante, che torna liquido. Il ciclo può così ricominciare.

Nel caso specifico delle pompe di calore aria acqua, l’aria prelevata dall’esterno viene utilizzata appunto per il riscaldamento dell’acqua. Esistono, però, anche altre tipologie di pompe di calore:

In tutti i casi, il primo termine riguarda la fonte dalla quale viene estratto il calore. Il secondo, invece, è relativo all’utilizzo che si intende fare del calore ottenuto. Nelle pompe di calore aria acqua, come è facile intuire, il calore prelevato dall’aria serve per riscaldare l’acqua.

Per approfondire: "Funzionamento Pompe di Calore".

Come è formato un impianto aria acqua?

Una pompa di calore aria acqua è costituita da pochi componenti che, però, svolgono compiti fondamentali. Eccone una breve descrizione:

  • Pompa di calore associata con compressore rotativo ad alta efficienza;
  • Un boiler di volume generalmente compreso tra 200 e 300 litri. Il boiler di norma presenta un sistema di coibentazione – spesso in poliuretano espanso – che è in grado di preservare il calore prodotto;
  • In alcuni casi può essere presente un riscaldatore elettrico, che grazie a una resistenza consente il riscaldamento rapido dell’acqua.

Riscaldamento con pompe di calore aria-acqua: i parametri da considerare

L’efficienza di una pompa di calore aria acqua è direttamente correlata alle condizioni ambientali esterne. Vero è che i modelli più efficienti riescono a estrarre calore dall’ambiente anche a temperature molto basse. In ogni caso, però, è bene tenere in considerazione i seguenti fattori:

  • COP: si tratta del cosiddetto coefficiente di prestazione, dato ottenuto rapportando la potenza termica prodotta con quella consumata. Una pompa di calore di buona qualità è in grado di mantenere una performance adeguata anche quando fuori le temperature sono particolarmente rigide;
  • Il rapporto con l’impianto di riscaldamento: l’abbinamento migliore per una pompa di calore aria acqua è quello con pavimenti radianti, ventilconvettori o radiatori. In generale, l’efficienza aumenta quando l’impianto opera a bassa temperatura, in un range ideale che va da 35° gradi a 50° gradi. Se la temperatura di funzionamento del tuo impianto domestico è più alta, la pompa di calore potrebbe non fornire le performance desiderate, a causa di limiti di funzionamento insiti nella struttura stessa di questi apparecchi;
  • Fattore di prestazione stagionale (SPF): è da considerare come un parametro calcolato come rapporto tra l’energia termica fornita in inverno in kWh e l’energia elettrica richiesta dalla pompa di calore. Si tratta di un valore stimabile o misurabile dopo l’installazione.

Sfruttare una fonte di energia rinnovabile e pulita come l’aria, inoltre, porta anche a risparmi energetici. Una pompa di calore aria acqua può rivelarsi così più sostenibile anche da un punto di vista economico rispetto alle caldaie a gasolio o GPL, oltre che ai modelli a condensazione. Tutto ciò porta a un risparmio in bolletta.

Ti serve un aiuto? Qual è l'offerta Luce e Gas più conveniente oggi?

Confronta le migliori tariffe del mercato con un Esperto. Chiama lo 02 8295 8097 o utilizza il servizio gratuito di richiamata.

Quali parametri considerare per l’installazione?

Nel momento in cui decidi di eliminare la caldaia per passare a una pompa di calore aria acqua, devi considerare alcuni parametri che possono facilitare o meno l’installazione. Questi, tra gli altri, i fattori su cui devi riflettere:

  • Spazio interno ed esterno: all’esterno dell’abitazione, è necessario avere spazio per il serbatoio di accumulo dell’acqua per uso sanitario e dell’acqua tecnica, usata per riscaldare i termosifoni. È necessario avere a disposizione anche spazio per piazzare la termopompa;
  • Se hai utilizzato una caldaia per molto tempo, è consigliabile procedere al lavaggio del circuito di riscaldamento, eliminando fango e altre impurità;
  • Sarà necessario installare un sistema anticalcare, elemento che può inficiare in maniera importante il funzionamento di una pompa di calore.

Di che dimensioni devono essere i serbatoi? Per una casa da 150 metri quadri dotata di termosifoni in alluminio, in linea generale, ci sarà bisogno di un serbatoio per acqua calda sanitaria di circa 500 litri, e uno per l’acqua tecnica da circa 150 litri.

Pompa di calore aria-acqua per il raffrescamento

Oltre che per il riscaldamento dell’acqua, le pompe di calore aria acqua possono essere utilizzate per il raffrescamento degli ambienti durante la stagione estiva. In questo caso, si parla di pompe di calore aria acqua reversibili.

Scendendo su un piano pratico, questi impianti dispongono di una valvola a quattro vie che inverte il funzionamento del circuito frigorifero, in modo da diminuire la temperatura degli ambienti.

Per avere un’idea dell’efficienza di raffrescamento di una pompa di calore, è necessario considerare l’indice di efficienza energetica EER. Il concetto alla base di questo parametro è simile al coefficiente di prestazione. La differenza è che invece di considerare il calore movimentato, si prende come parametro da esaminare il calore asportato. Questo viene diviso poi per l’energia spesa.

aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche