Attivare Contatore Eni: chi contattare?

Offerte Eni Gas e LuceOfferte Eni Gas e Luce

Vuoi passare a Eni Gas e Luce?

Servizio Gratuito attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 20 e il sabato dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18

Contatore del Gas Eni: tutte le informazioni e i contatti utili.
La guida completa per il contatore del Gas Eni e tutti i contatti utili.

Per attivare un contatore del gas Eni devi contattare il fornitore di gas metano con il quale vuoi attivare la fornitura. In alcuni casi puoi rivolgerti direttamente al distributore. Analizziamo le operazioni possibili e i contatti utili.


In questa guida sono presenti tutte le procedure e i contatti per attivare un contatore, sia se è già presente nell'abitazione sia ancora da installare.

Contatore Eni gas: tutte le operazioni possibili per l'attivazione

Non confondere Eni con Italgas!Eni è il nome della società di vendita di luce e gas del Gruppo Eni. Italgas è invece il nome del distributore locale dello stesso gruppo. Per attivare un contatore devi contattare Eni, mentre per guasti o interventi tecnici devi chiamare Italgas.

Contatore Italgas

Se hai appena traslocato in un nuovo appartamento o se hai cambiato casa, può capitare che il contatore del gas vada riattivato o addirittura installato. Ecco tutte le operazioni di trasloco energetico e chi devi chiamare per effettuarle:

  • Allacciamento, quando il contatore del gas non è mai stato presente nell'immobile e va installato ex-novo. Solo per questa operazione puoi contattare sia il fornitore che il distributore. In ogni caso i lavori partiranno dopo l'accettazione del preventivo del distributore.
  • Prima Attivazione, quando il contatore del gas è già presente, ma non è mai stato attivato. Oppure se il preventivo per i lavori è stato accettato, ma il corpo macchina è ancora assente e verrà installato a breve. Per questa operazione devi contattare il fornitore.
  • Subentro, se il contatore è presente, era attivo in passato, ma ora è spento. Puoi riattivarlo contattando il fornitore. Tuttavia se il vecchio inquilino era moroso devi prima chiedere la cessazione amministrativa.

Oltre a queste tre principali operazioni possiamo aggiungere anche la voltura e la voltura con cambio fornitore. È il caso in cui il contatore è attivo, ma si intende cambiare il nome dell'intestatario delle bollette del gas, con o senza cambio di fornitore.

Fornitore Eni e distributore Italgas: cosa cambia?

In base alla delibera 296/2015/R/COM di ARERA in materia di unbundling, tutte le società appartenenti allo stesso gruppo, ma operanti in mercati diversi devono adottare una denominazione commerciale e un marchio diversi con lo scopo di fornire maggiore chiarezza e trasparenza al cliente finale, evitando l'intreccio di nomi simili (bundle, significa appunto intreccio).

Per ottemperare a tale direttiva anche le società del gruppo Eni utilizzano nomi diversi a seconda dell'attività svolta:

Gruppo Eni: differenza tra fornitore e distributore
  FORNITORE DISTRIBUTORE
LOGO  
logo-eni
logo-italgas
COSA FA

Eni è la società di vendita del Gruppo ENI, con la quale puoi attivare tariffe luce e gas. Opera nel mercato libero e in quello tutelato.

Italgas è il distributore locale del gruppo Eni. É partecipata da Snam e si occupa della distribuzione di gas metano nelle zone di competenza. È il proprietario dei contatori.

QUANDO CHIAMARE Allacciamento, Prima Attivazione, Subentro, Voltura, Voltura con cambio Allacciamento, Interventi tecnici, guasti sulla linea 
011 1962 1333 Per maggiori informazioni

Ricordati inoltre di non confondere Italgas con i nomi degli altri distributori locali, operanti ciascuno in una zona di competenza diversa, come ad esempio Ireti (gruppo Iren), Areti (gruppo Acea - ex Acea Distribuzione), e-distribuzione (gruppo Enel - ex Enel Distribuzione), 2i rete gas, Inrete. Per maggiore chiarezza ecco la lista completa dei principali distributori attivi in Italia dove trovi tutti i contatti principali e i numeri del pronto intervento.

Contatore gas Eni: elettronico e meccanico, che differenza c'è?

Quando si parla di contatori del gas è bene distinguere i vecchi modelli da quelli di nuova generazione. Infatti i modelli meccanici (o analogici) erano solitamente modelli a membrana nei quali il consumo di gas veniva conteggiato grazie ai cicli di riempimento e svuotamento delle camere interne. Questo azionava un manovellismo che faceva poi girare i numeretti sul quadrante dal quale potevi visualizzare l'effettivo consumo di gas. 

I nuovi modelli sono invece elettronici, consentendo una registrazione dei consumi e la loro visualizzazione su un display centrale, insieme ad altre informazioni relative alla tua fornitura.

Contatore elettronico gas Eni: tutti i modelli

Tutti i principali modelli dei contatori Italgas.

Per quanto riguarda i nuovi contatori elettronici ("contatori eni gas digitale" e "contatore gas a sensore eni") ne esistono diversi modelli, i principali sono:

  • Contatore Eni gas G4 (domus next g4, ef4evo/eg4evo siconia, g4 eus rf, bk-g4ete);
  • Contatore Eni gas G6 (domus next g6);
  • Contatore Eni gas EF4;
  • Contatore Eni gas GALLUS (Gallus SVG, Gallus Cell);
  • Contatore Eni smart (smart np 12/110, rse/2001 smart, rse/2.4 smart).

Ognuno di questi contatori ha le stesse caratteristiche: un display centrale e uno/due tasti laterali. Il display centrale normalmente è spento e si accende con la pressione dei tasti laterali. In questo modo puoi visualizzare i tuoi dati consumo, il codice PDR e lo stato della valvola.

In ogni caso, al momento della sostituzione, i tecnici incaricati ti consegneranno il manuale di istruzioni relativo al modello installato. Se lo hai smarrito non preoccuparti, lo trovi su www.italgas.it.

Eni gas cambio contatore: come avviene la sostituzione?

Così come per i contatori della luce (smart meter), anche i contatori del gas dovranno essere sostituiti dal distributore locale. L'obiettivo è infatti quello rinnovare il parco contatori sia per avere un impianto a norma sia per effettuare le letture a distanza e pagare le bollette in linea con i consumi effettivi.

Questa sostituzione è totalmente gratuita e a cura di Italgas ed avviene previa adeguata comunicazione e con un appuntamento che deve essere comunicato almeno 10 giorni prima dei lavori. Tale appuntamento può essere spostato e il tecnico che si presenterà al domicilio del cliente sarà identificabile grazie al cartellino ufficiale Italgas. Al termine dei lavori verrà redatto un verbale, con riportato il consumo del contatore sostituito.

Costo installazione contatore gas Eni

Quando si parla di installazione di un contatore del gas è bene distinguere due scenari possibili: se parliamo di un'installazione di un contatore mai stato presente nell'appartamento, allora si tratta di un'operazione di allacciamento che include la c.d. "posa" del corpo macchina da parte del tecnico. In questo caso bisogna richiedere un preventivo ad hoc al distributore, il cui costo varia in base alla complessità dei lavori.

Se invece si tratta di un'operazione di sostituzione del vecchio contatore meccanico, a favore di quello elettronico, l'intervento è gratuito.

Lettura contatore gas Eni: come si fa?

Per la lettura del contatore del gas la modalità è diversa a seconda del modello di contatore. Per i vecchi contatori analogici bisognerà effettuare una lettura "manuale" recandosi al contatore, annotando i propri consumi e comunicandoli al proprio fornitore. Invece per i nuovi contatori elettronici viene di regola effettuata la telettura a distanza.

Ecco una breve video guida che ti spiega tutto quello che c'è da sapere sulla lettura del contatore elettronico gas italgas:

 

Aumento potenza contatore Eni

Parlare di aumento o diminuzione della potenza di un contatore del gas non è propriamente corretto. Infatti questo è un discorso che vale più per i contatori della luce, mentre i contatori del gas non hanno una "potenza" che può essere aumentata o diminuita. Quello che conta è il modello di contatore che viene installato: ognuno risponde ad esigenze diverse. 

Sarà lo stesso tecnico Italgas che, in fase di installazione, verificherà il modello più adatto ai tuoi consumi. Di base possiamo distinguere due tipologie di contatori del gas: quelli per il riscaldamento domestico e quelli usati nei locali commerciali, aziende o per usi non domestici.

Il display del contatore del gas Eni: simboli ed informazioni

Contatore elettronico gas istruzioniEcco il manuale di istruzioni di uno dei contatori Eni G4 più diffusi, per capire meglio i messaggi del display e come funziona.

Sul display centrale del contatore vengono visualizzate tutte le informazione e i messaggi relativi ai tuoi consumi e alla tua fornitura. Ti basterà premere i pulsanti laterali per leggere questi messaggi. Ecco una lista delle principali informazioni disponibili sul display:

Il display del contatore Italgas: simboli, messaggi principali
INFORMAZIONE COSA INDICA ESEMPIO
Codice PDR È il codice che indica la tua utenza del gas. 0088 12345678
SD Stato del dispositivo. 0 NORMALE
T1, T2, T3 Totalizzatore volumi in fascia F1, F2, F3 Volume=XXX,X
SV Stato valvola (per contatori G4 o G6) 00 A (aperta),
20 C (chiusa),
40 R (abilitata a riapertura),
60 guasto

Contatore gas display spento: cosa fare? La batteria è scarica e va sostituita?

Il display del contatore del gas può essere spento per diversi motivi. Innanzitutto il display è normalmente "spento", ma questo non significa che il contatore sia inattivo. Premendo infatti i pulsanti laterali il display si accende, visualizzando tutte le informazioni di dettaglio sulla fornitura. Dopo circa 20 secondi di inattività si spegnerà automaticamente, tornando alla situazione iniziale.

Se invece il display non dovesse proprio accendersi, allora potrebbe essere necessaria una sostituzione della batteria (caso del contatore del gas con batteria scarica) o potrebbero esserci problematiche di altro tipo. Per gli interventi tecnici o problemi di altra natura sul contatore dovrai rivolgerti sempre al distributore locale.

Contatore Eni elettronico: Vantaggi

Grazie al nuovo contatore Eni elettronico sarà possibile effettuare letture a distanza dei tuoi consumi (telettura), senza necessità di dover comunicare l'autolettura periodica. Inoltre i dati di consumo verranno registrati e sarà possibile visualizzarli in tempo reale, nonché verificare lo stato di funzionamento e di sicurezza del contatore stesso. Infine sarà possibile effettuare una misurazione più precisa ed affidabile.

Tutti i contatti di Eni ed Italgas: Attivazioni, Pronto intervento

Contatore Eni gas non funziona: chi chiamare?Nel caso di guasti o interventi tecnici puoi contattare direttamente il distributore (Italgas), negli altri casi invece devi contattare il fornitore.

Ecco tutti i contatti di ENI e Italgas, utili per informazioni commerciali, pronto intervento o attivazioni.

Contatti ENI e Italgas:  Numero Verde, Attivazioni, Pronto Intervento
NUMERO E CONTATTI TIPOLOGIA SERVIZIO
800.915.150 Italgas - Numero Verde
comuni@pec.italgas.it Italgas - PEC (amm.ni comunali)
800.900.999 Italgas - Pronto Intervento
Via Ostiense, 75 - 00154 (RM) Italgas - Sede di Roma
Via Monte Amiata - 05018 (TR) Italgas - Sede di Orvieto Scalo
Via Tagliamento - 76123  (BT) Italgas - Sede di Andria
800.900.700 Eni - Numero Verde da fisso
02.444.141 Eni - Numero Verde da mobile
‍02.896.741.81 Eni - Numero Verde dall'Estero
‍800.919.962 Eni - Numero Fax

Comuni serviti da ENI: quali sono?

Il gruppo Eni gestisce la distribuzione di gas naturale attraverso Italgas, attiva in Italia e in Europa. Italgas è presente a Roma,Torino, Napoli e Venezia e in altre città. Puoi controllare se il tuo comune è servito da Italgas utilizzando il portale dell'Autorità.

Attivazione del contatore del gas: costi e tempi

Per quanto riguarda i costi e i tempi per l'attivazione, essi variano a seconda dell'operazione e a seconda del fornitore con il quale si desidera proseguire il rapporto di fornitura. Più precisamente:

  • I tempi per l'attivazione del contatore del gas, nel caso di subentro e prima attivazione sono di massimo 12 giorni lavorativi per l'intervento tecnico e la rimozione dei sigilli (posti per motivi di sicurezza), come stabilito da ARERA. Invece nel caso di allacciamento possono variare da uno a tre mesi a seconda della complessità del lavoro.
  • I costi invece sono diversi tra allacciamento e prima attivazione o subentro. Nel caso di allacciamento bisognerà richiedere un preventivo al distributore, il cui costo varia caso per caso in base ai lavori. Nel caso di prima attivazione o subentro invece il costo totale è dato dalla somma dei costi amministrativi (stabiliti da ARERA e uguali per tutti i fornitori) e dei costi di gestione, che variano da fornitore a fornitore. Solo nel caso di prima attivazione potrebbero essere aggiunti ulteriori costi per l'accertamento modulistico.

Costi per l'attivazione del contatore Eni: costi amministrativi e costi di gestione

I costi amministrativi e i costi di gestione variano tra mercato libero e mercato tutelato. Nel dettaglio:

Costi attivazione contatore Eni: mercato libero, mercato tutelato
MERCATO COSTO
Mercato tutelato

Costi amministrativi: 25,81€ + IVA;
Contributo fisso: 23€ + IVA;
Imposta di bollo: 16€.

Mercato libero

Costi amministrativi: 25,81€ + IVA;
Costi di gestione*: circa 25€ + IVA.

011 1962 1333Per maggiori informazioni

*I costi di gestione variano a seconda dell'operazione e della complessità dei lavori.

A questi costi potrebbe essere aggiunto l'eventuale deposito cauzionale, richiesto per il pagamento con bollettino. Mentre per quanto riguarda l'IVA viene applicata l'aliquota pari al 22%.

Chiusura contatore del Gas Eni

Se il contatore del gas è chiuso con i sigilli, dovrai contattare il fornitore, il quale provvederà alla riattivazione tramite subentro o prima attivazione entro 12 giorni lavorativi. I lavori verranno svolti dal tecnico incaricato dal distributore locale, previa richiesta da parte del fornitore.

Se invece sei interessato ad una disdetta del contratto eni, puoi chiamare direttamente il servizio clienti.

aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche