Mancata Lettura Contatori: Antitrust multa di 12,5 milioni Enel, Eni e SEN

confronto luce e gasconfronto luce gas

Confronta le offerte Luce e Gas e risparmia 124€ all'anno!

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 20 e il sabato dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18.

Maxi multa da 12,5 milioni per Enel, Eni e SEN per la Mancata Lettura dei Contatori.
L'Autorità cala la scure su Enel, Eni e Servizio Elettrico Nazionale, colpevoli di aver addebitato agli utenti importi caduti in prescizione.

L’Autorità interviene pesantemente sull’operato di Enel, Eni e SEN, comminando una maxi-sanzione per le irregolarità nella mancata lettura dei contatori. La multa peggiore spetta a Enel, che però ribatte citando l’assoluta correttezza del suo operato.


Seguici su Telegram per essere sempre aggiornato!Vuoi scoprire prima di tutti e in tempo reale le notizie in campo energia a livello nazionale e le migliori offerte luce e gas del momento? Unisciti allora al nostro gruppo Telegram. Clicca qui per unirti al canale! Per farlo, dovrai aver installato sul tuo smartphone iOS o Android l'applicazione di Telegram.

Un inizio di 2021 non del tutto positivo quello di Enel, Eni e Servizio Elettrico Nazionale. L’Antitrust, infatti, ha deciso di multare pesantemente i tre operatori per pratiche scorrette.

Secondo l’Autorità, le tre società avrebbero preteso il pagamento di bollette che si riferivano a consumi caduti in prescrizione. Bollette che, a seconda dei casi, potevano arrivare anche a importi decisamente importanti, dai 4 a 5mila €, e che erano ritenute necessarie per regolare i consumi degli anni precedenti.

Prima di passare alla reazione degli operatori – in special modo di Enel – è bene soffermarsi sulla nota dell’Antitrust, che specifica i profili di responsabilità delle società chiamate in causa nella vicenda.

La guida all’autolettura del contatore luce e gas Il modo più rapido e semplice per comunicare i propri consumi luce e gas è effettuare l’autolettura del contatore. Ogni fornitore mette a disposizione canali comunicativi appositi, anche da smartphone e PC. Per avere un quadro generale della questione, puoi leggere il nostro speciale: “Lettura Contatore Gas e Luce: una guida facile”.

La nota dell’Antitrust sulla vicenda della mancata lettura dei contatori

Per comprendere bene le responsabilità nella vicenda di Enel, Eni e SEN è necessario tornare alla Legge di Bilancio 2018. Questa prevede infatti l’impossibilità di richiedere pagamenti arretrati dopo un periodo di due anni. A meno che le società non riescano a dimostrare di non aver potuto chiedere in tempo il pagamento per colpa da imputare all’utente.

Forti di questa norma, le tre società avrebbero addebitato agli utenti la responsabilità della mancata lettura dei contatori, a fronte di presunti tentativi di lettura dichiarati. I tentativi, però, non erano documentati, e in alcuni casi sono stati anche smentiti da prove concrete.

In una nota apparsa sul sito AGCM (Autorità garante della concorrenza e del mercato), si legge:

L’Antitrust ha infatti accertato l’ingiustificato rigetto delle istanze di prescrizione biennale presentate dagli utenti, a causa della tardiva fatturazione dei consumi di luce e gas, in assenza di elementi idonei a dimostrare che il ritardo fosse dovuto alla responsabilità dei consumatori.

Antitrust, Comunicato Stampa PS11564-PS11569 - Sanzione a ENI, ENEL e SEN per 12,5 milioni complessivi.

Considerando queste pratiche scorrette, l’Autorità ha proceduto a comminare multe alle tre società responsabili, ovvero Eni, Enel e SEN. La nota AGCM, a questo proposito, recita:

Considerando la gravità della pratica commerciale scorretta attuata dalle due società, l’Autorità ha sanzionato Enel Energia per 4 milioni di euro e Servizio Elettrico Nazionale per 3,5 milioni di euro, mentre ha irrogato a Eni gas e luce una sanzione di 5 milioni di euro, pari al massimo edittale, a causa del maggior numero di istanze di prescrizione rigettate in proporzione alle istanze presentate dai consumatori e della recidiva in tema di condotte scorrette relative alla prescrizione.

Antitrust, Comunicato Stampa PS11564-PS11569 - Sanzione a ENI, ENEL e SEN per 12,5 milioni complessivi.

Oltre alle sanzioni, sono previsti anche rimborsi per gli utenti danneggiati dal comportamento delle tre società. Su questo punto, l’Autorità si esprime così:

Ai sensi dell’art. 1, comma 4, della Legge di Bilancio 2018 (L. 205/2017), per effetto della delibera dell’Autorità, gli utenti interessati hanno diritto ad ottenere entro tre mesi il rimborso dei pagamenti già effettuati a titolo di indebito conguaglio.

Antitrust, Comunicato Stampa PS11564-PS11569 - Sanzione a ENI, ENEL e SEN per 12,5 milioni complessivi.

Leggi i testi dei provvedimenti in PDF Se vuoi ottenere ulteriori informazioni sui provvedimenti dell’Antitrust per la vicenda della mancata lettura dei contatori, scarica il PDF del provvedimento contro Enel e SEN, e il PDF del provvedimento contro Eni.

Per effetto della delibera dell’Autorità, dunque, gli utenti danneggiati hanno diritto a ottenere il rimborso dei pagamenti già effettuati a titolo di indebito conguaglio entro un periodo massimo di tre mesi.

Perché l’Antitrust ha avviato l’istruttoria?

L’azione dell’Antitrust nasce dalle segnalazioni di numerosi utenti, che lamentavano il mancato accoglimento delle istanze di prescrizione. Al mancato accoglimento, è bene sottolinearlo, è seguito l’ingiustificato pagamento dei crediti.

A seguito dei reclami, l’Autorità ha avviato l’istruttoria, e in molti casi le segnalazioni erano fondate. Si è arrivati a scoprire imposizioni di pagamenti arretrati che risalivano addirittura a cinque anni, per importi che in alcune occasioni erano di diverse migliaia di euro.

Il rigetto del ricorso da parte dei fornitori, inoltre, appariva spesso infondato. In alcuni casi, le società avrebbero giudicato impossibile accertare per tempo i consumi di utenti lamentando l’inaccessibilità del contatore, la mancata presenza in casa dei clienti o l’impossibilità a procedere anche in condomini con portierato attivo per tutto il giorno.

Individuare il proprio contatore nel condominio: come si fa? Spesso è difficile capire qual è il proprio contatore luce o gas quando si abita in un condominio. La nostra guida intitolata “Come capire qual è il mio contatore nel condominio” può aiutarti a fare chiarezza.

Nel corso del procedimento, l’Autorità ha accertato inoltre che Enel Energia e Servizio Elettrico Nazionale procedevano con l’addebito degli importi soggetti a prescrizione anche nei confronti di clienti che avevano scelto di pagare tramite domiciliazione bancaria o carta di credito. Il tutto, ignorando l’istanza di prescrizione sollevata dagli utenti.

Le sanzioni comminate e la replica di Enel

Come effettuare la lettura del contatore Enel? Se sei in cerca di maggiori informazioni su come effettuare la lettura del tuo contatore Enel, fatti aiutare con i consigli contenuti nel nostro articolo: “Come fare la lettura del contatore dell'Enel?”

Tra le società colpite, la sanzione più pesante spetta a Enel, seguita da Eni e Servizio Elettrico Nazionale. La differenza è dovuta al comportamento delle società, che nel caso proprio di Enel avrebbe l'aggravante della recidiva.

La replica di Enel non si è fatta attendere. In una nota della società, si legge:

La società ha sempre nel pieno rispetto della normativa primaria e regolatoria di riferimento, riconoscendo il diritto dei consumatori ad ottenere la prescrizione delle fatture, in conformità alle regole introdotte dal legislatore nel 2018 e successivamente modificate a partire dal 2020. L'interpretazione e l'applicazione delle norme, così come definite nel corso dell'istruttoria dell'Autorità rischiano di attribuire alla nuova disciplina in tema di prescrizione un'efficacia retroattiva o in contrasto con i principi costituzionali. Le società del gruppo si riservano sin d'ora ogni azione a propria tutela, confidando di poter dimostrare la piena legittimità e correttezza del proprio operato nelle successive fasi di giudizio.

Nota Gruppo Enel sulla vicenda della Mancata Lettura dei Contatori.

Se hai bisogno di aiuto sulla tua fornitura, telefona pure allo 02 8295 8097, oppure sfrutta il servizio gratuito di richiamata. Verrai contattato da un esperto Energia che ti aiuterà a risolvere i tuoi dubbi.

aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche