In funzione nuova centrale fotovoltaica in Tunisia. Eni “capacità di 10MW”

aggiornato il
min di lettura
google news

Non restare indietro! 

Bolletta alta, migliori offerte a prezzo fisso e bonus bollette: segui Luce-gas.it su Telegram!

eni Turchia fotovoltaico

Pubblicato da Federica Scaramuzzi il 12 dicembre 2022  ||  ⏳ tempo di lettura 2 min.

La produzione è ufficialmente attiva all’interno dell’impianto di Tataouine, in Tunisia. Ad annunciare quest’ottima notizia nel mondo delle energie rinnovabili è Eni, in una nota rilasciata qualche ora fa.

Parliamo di una centrale fotovoltaica dalla capacità installata di 10 MW: la notizia è stata accolta con grande entusiasmo anche dalle rappresentanze governative locali. La cerimonia ufficiale di avvio è stata presenziata dalla ministra dell’Industria, dell’Energia e delle Miniere della Tunisia, Neila Gonji, e delle autorità locali.

La messa in funzione di questo impianto si inserisce all’interno del più ampio percorso di decarbonizzazione del paese e alla strategia del gruppo Eni di azzerare le emissioni di gas ad effetto serra entro il 2050. Saranno infatti risparmiati ben 211 mila tonnellate di Co2 (equivalenti per la durata d’esercizio).

Vuoi rimanere sempre aggiornato?Seguici su Google News per conoscere sempre tutte le ultime novità sul mondo dell'energia.

Dove verrà distribuita l’energia prodotta? 
Sarà ceduta a Steg (Société Tunisienne de l'Electricité et du Gaz) sulla base di un accordo ventennale. L’impianto è stato infatti realizzato da Société Énergie Renouvelables Eni Etap (Seree),una joint venture paritetica tra Eni ed Etap (Entreprise Tunisienne d’Activités Pétrolières) operante nella produzione di energia da fonti rinnovabili.

"L’impianto è un sistema di generazione ibrida, tra i più innovativi ed efficienti", si legge nella nota rilasciata da Eni. La stessa è presente in Tunisia dal 1961 dove è attiva nei settori upstream con attività concentrata nelle aree desertiche del sud e nell’offshore mediterraneo, attraverso la Global Gas & LNG Portfolio per la gestione del gasdotto Transmed, che collega l’Algeria all’Italia attraverso la Tunisia, e nel settore Refining & Marketing.

Ti potrebbe interessare anche