Grande quanto un grattacielo: arriva l'eolico XXL

confronto luce e gas

Risparmia sulle Bollette Luce e Gas con SicurInsieme!

Unisciti al Gruppo d'Acquisto SicurInsieme per risparmiare in bolletta e farti tutelare da Unione Nazionale Consumatori: più siamo, più risparmiamo!

confronto luce e gas

Risparmia sulle Bollette Luce e Gas con SicurInsieme!

Unisciti al Gruppo d'Acquisto SicurInsieme per risparmiare in bolletta e farti tutelare da Unione Nazionale Consumatori: più siamo, più risparmiamo!

Pale eoliche

Ideata da un gruppo di ricercatori dell'Università della Virginia e dal Sandia National Laboratory, un'inusuale pala eolica oltre misura che potrebbe elevare al massimo le potenzialità dell'energia prodotta dal vento.


La natura ha da sempre ispirato grandi scoperte, ed è stato così anche in questo caso. L'osservazione del movimento delle palme scosse dal forte vento ha condotto i ricercatori a sviluppare un progetto dalle grandezze ambiziose: una lunga pala eolica in grado di dar vita turbine da 50 megawatt!

Un salto di potenzada gigante, se solo si pensa che le turbine tendono a produrre soltanto 2 megawatt. Le pale in questione avrebbero una lunghezza di 200 metri, all'incirca 2,5 volte più lunghe di quelle disponibili oggi sul mercato.

L'industria eolica ha negli ultimi anni optato per la produzione di pale eoliche sempre più lunghe. Questo perché un maggiore diametro del rotore (l'area circolare ricoperta dalle pale della turbina) determina una maggiore potenza della torre eolica. Un costo basso della torre e delle pale porta ad un abbassamento considerevole del prezzo dell'energia.

Ti sta piacendo il nostro articolo? Iscriviti alla newsletter di Luce.Gas.it per ricevere aggiornamenti e news sul mondo dell'energia direttamente sulla tua email.

Come sono fatte le super turbine eoliche?

Le articolazioni pieghevoli in risposta alle condizioni del vento. Fonte MIT Tecnologhy Review.

Le super-pale eoliche di Sandia nascono dall'idea del professore di ingegneria informatica ed aerospaziale Eric Loth e sono dotate di una serie di articolazioni in grado di consentir loro l'adattamento alla forza del vento. Sono posizionate con il vento a favore (al contrario delle pale convenzionali poste controvento) e sono dotate di "braccia meccaniche" che permettono loro di piegarsi in condizioni di vento estremo con lo scopo di ridurre l'impatto della forza del vento sulla turbina.

La presenza di articolazioni pieghevoli rende queste super-pale eoliche altamente reversibili. Esse possono essere installate sia in zone soggette a pesanti raffiche di vento ed uragani, sia in regioni in cui i venti sono leggeri.

Quali sono i limiti da superare?

Le pale eoliche disponibili oggi arrivano ad una lunghezza massima di 80 metri e sono prive di articolazioni. Il limite più importante è rappresentato dalla logistica e dal trasporto. Risulta difficile, infatti, spostare pale eoliche di 200 metri anche con l'ausilio di tir e camion pesanti.

Superato lo scoglio del trasporto, resta comunque il problema della costruzione delle torri eoliche sul sito prescelto. Le torri, progettate dai ricercatori dell'Università della Virginia e dal Sandia, sfiorerebbero altezze pari a 120 metri! Ed al momento non esistono gru abbastanza alte in grado di costruirle.

L'eolico oversize è già realtà!

Se la costruzione delle super-eoliche è ancora lontana, d'altro canto non manca chi negli USA ha già investito nella produzione e nell'installazione di pale di grandi lunghezze: Vestas distribuisce pale di 62 metri, mentre Duke Energy darà inizio entro la fine dell'anno alla costruzione di un grande parco eolico in Oklahoma.

Le super-pale eoliche dotate di articolazioni facilitano il trasporto ed il montaggio, ma sono ancora nelle prime fasi di progettazione e ci vorrà quasi una decina di anni affinché diventino realtà. Per il momento i parchi eolici di grandi dimensioni si ritrovano soltanto in mare, si veda per esempio la London Array. Ma se la ricerca e le tecnologie in tal senso verranno potenziate ed implementate, nulla toglie che simili parchi eolici potranno essere ospitati anche sulla terra ferma.

aggiornato il