COP 21: le cause del riscaldamento climatico

confronto luce e gas

Risparmia sulle Bollette Luce e Gas con SicurInsieme!

Unisciti al Gruppo d'Acquisto SicurInsieme per risparmiare in bolletta e farti tutelare da Unione Nazionale Consumatori: più siamo, più risparmiamo!

confronto luce e gas

Risparmia sulle Bollette Luce e Gas con SicurInsieme!

Unisciti al Gruppo d'Acquisto SicurInsieme per risparmiare in bolletta e farti tutelare da Unione Nazionale Consumatori: più siamo, più risparmiamo!

La COP21 è alle porte ed è un dovere di tutti restare sintonizzati sull'evento e far sentire la propria voce. In gioco c’è la salvaguardia del nostro pianeta, fortemente minacciato dall'aumento di emissioni di gas serra che provocano l’innalzamento della temperatura terrestre con gravi ripercussioni sul clima.

Ma quali sono le principali cause del riscaldamento climatico?

I maggiori responsabili dell’aumento della temperatura globale sono i cosiddetti gas serra, ovvero quei gas presenti nell'atmosfera che riescono a trattenere il calore dei raggi solari riflessi dalla superficie terrestre. Il vapore acqueo, il metano e l'anidride carbonica sono alcuni esempi di gas serra che possono avere sia origine naturale che essere prodotti dall'azione umana.

L'aumento consistente di questi gas rinforza l'effetto serra!

Si forma cioè una sorta di "copertura" che trattiene il calore emesso dalla Terra, impedendogli di fuoriuscire ed intrappolandolo all'interno dell'atmosfera. Ciò provoca l'aumento della temperatura terrestre che mina il naturale equilibrio climatico.

Quale meccanismo innesca l'innalzamento del riscaldamento globale?

...

Come si genera l'effetto serra

  • Riduzione dei ghiacciai: il 12% del pianeta è coperto permanentemente da ghiaccio e manti nevosi, ora a rischio a causa delle elevate temperature. A soffrirne di più le conseguenze sono le zone polari dove l'aumento della temperatura media è il doppio di quella registrata nel resto del globo;
  • Innalzamento del livello del mare: l'espansione termica dell'acqua e lo scioglimento dei ghacciai aumentano il livello del mare;
  • Aumento del pH degli oceani: il rallentamento del meccanismo di smaltimento di CO2 acidifica il pH di mari ed oceani mettendo a rischio la sopravvivenza di alcune specie animali, soprattutto molluschi e crostacei;
  • Desertificazione: il maggior assorbimento del calore da parte dell'atmosfera innesca la degradazione del suolo, che conduce alla scomparsa della biosfera ed alla trasformazione dell'ambiente naturale in deserto.

Sapevi che... dall'Ottocento ad oggi la Terra è più calda di circa 0,7 °C e nessun meccanismo naturale spiegherebbe un simile innalzamento della temperatura.

Cosa si sta facendo per combattere tutto ciò?

Lo scorso settembre, le Nazioni Unite hanno pubblicato una lista di Obiettivi di Sviluppo Sostenibile con la finalità di porre rimedio ad alcune delle maggiori problematiche che affliggono il nostro pianeta.

Tra i 17 punti elencati si annovera la messa in campo di azioni urgenti per combattere il cambamento climatico e ed i suoi effetti

  • Rafforzamento della capacità di adattamento e resistenza ai rischi legati ai cambiamenti climatici ed ai disastri ambientali
  • Integrazione delle misure di intervento sul fronte ambientale nelle politiche di sviluppo nazionali
  • Avviare un processo di sensibilizzazione umana e sociale rispetto alle problematiche ambientali e d'inquinamento
  • Concretizzare l'impegno assunto con la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici rendendo operativo il Fondo verde per il Clima mediante capitalizzazione.

Sapevi che... esistono sul mercato energetico offerte di energia verde per chi preferisce una fornitura "green" nel rispetto dell'ambiente? Per maggiori informazioni contattaci al numero 010.848.01.61.

Gli impatti del settore energetico sul riscaldamento climatico?  

...

L'energia green che rispetta l'ambiente

L'uso di combustibili fossili destinati alla produzione di energia rappresenta una delle cause principali dei cambiamenti del clima. Oltre l'80% dell'energia consumata nel mondo proviene da combustibile fossile (oil, carbone, gas). Ecco perché tra gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile pubblicati dalle Nazioni Unite si annovera l'accesso ad energia pulita e rinnovabile da parte di tutti i Paesi.

Nel promemoria del calendario mondiale troviamo tra le priorità quello di re-immaginare il sistema energetico globale per costruirne di più efficaci nel lungo periodo e per dimostrare che il mondo è capace di crescere economicamente sventando un ulteriore riscaldamento del pianeta.

In Italia nel 2013 il 33,7% dell'energia elettrica consumata è stato coperto dalle rinnovabili.

Sarà dunque importante puntare l'attenzione su ciò che accadrà alla Conferenza delle Parti di Parigi, con l'auspicio che sia la volta decisiva affinché i governi e noi tutti prendiamo coscienza delle nostre responsabilità ed iniziamo nel concreto ad arrestare la corsa dei gravi e disastrosi cambiamenti climatici.

aggiornato il