Enel Reclami (Guida definitiva): Telefono, PEC, Modulo

tariffe edison gasInfo contatori luce gas

Invia ora il tuo Reclamo

I nostri esperti ti aiuteranno a risolvere il problema. Servizio Gratuito in collaborazione con Unione Nazionale Consumatori.

Enel Reclami.
Indicazioni su come inviare segnalazioni e reclami a Enel via web, email, fax e posta.

Per inviare reclami a Enel in caso di guasti, errori in bolletta o problemi sul contratto ci si può affidare a vari canali: form online, numero verde, PEC, moduli cartacei. Ecco tutte le informazioni su come avanzare le segnalazioni per le forniture luce e gas.


Le opzioni per inviare un reclamo a Enel Energia sono numerose. In caso di guasti, malfunzionamenti o disservizi, allora, è semplice segnalare il proprio problema all’operatore.

Ecco subito un riepilogo dei vari canali a tua disposizione:

Enel Reclami: email PEC, numero verde, modulo, form online e fax
Canale Riferimento Enel Energia
 Form online Reperibile dal sito Enel Energia (vedi sotto).
 Numero verde 800.900.860, gratuito e attivo dal lunedì alla domenica, dalle 7.00 alle 22.00.
Moduli cartacei PDF da scaricare e inviare agli indirizzi appositi (vedi sotto).
Email L'indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) enelenergia@pec.enel.it per specifiche richieste di assistenza. L'indirizzo email allegati.enelenergia@enel.com per l'invio di documenti e informazioni.
Fax Il numero 800.046.311 (dedicato alle forniture luce); il numero 800.997.736 (per il servizio gas).

Se vorresti cambiare operatore puoi vedere il nostro confronto delle offerte luce e gas, sempre aggiornato, oppure chiedi aiuto a un esperto. Prendi un appuntamento, servizio gratuito e senza impegno, e avrai la possibilità di scegliere la tariffa che più si adatta alle tue necessità.

Modulo reclamo Enel Energia: come inviare la richiesta Online?

La via più semplice per inviare un reclamo a Enel Energia è quella di compilare il form online. Per prima cosa, quindi, raggiungi la pagina del Modulo Reclami Enel. Ti ritroverai davanti a una serie di campi da compilare. Ecco una breve descrizione dei più importanti:

  • Tipologia del Reclamo: in questa prima area dovrai segnalare per quale tipo di fornitura vuoi avanzare la segnalazione. Puoi scegliere tra reclamo Luce, reclamo Gas, e reclamo Tutela Gas, nel caso la fornitura sia ancora sotto il regime della Maggior Tutela;
  • Inserisci i tuoi dati: in questa sezione dovrai indicare i vari dati anagrafici e della fornitura. In particolare, assicurati di avere a portata di mano Codice Cliente, codice POD (per le forniture luce) e PDR (per quelle gas). Sono tutti riferimenti che puoi trovare facilmente nelle prime pagine della tua bolletta Enel;
  • Argomento e descrizione del reclamo: in questa fase dovrai specificare l’argomento della tua segnalazione, e descrivere brevemente il disservizio che ti ha portato al reclamo. Per completare il tutto, puoi anche inserire il dato dell’autolettura, e la relativa data di rilevazione dei consumi.

Dopo aver aderito all’informativa sulla privacy, potrai inviare la tua richiesta cliccando su “Conferma”.

Enel Reclami Numero Verde: l’assistenza telefonica

Un altro modo per segnalare eventuali disservizi nella fornitura luce e gas con Enel è quello di rivolgersi all’assistenza telefonica. In particolare, il numero verde 800.900.860 ti consente di parlare con un operatore che potrà indirizzarti verso le operazioni da compiere per risolvere i tuoi problemi.

Tutto sull’assistenza clienti Enel Per conoscere nello specifico in che modo sfruttare al meglio l’assistenza telefonica del tuo operatore, leggi il nostro speciale sul numero verde Enel.

Scegliere l’opzione telefonica, in ogni caso, dovrebbe essere una strada da percorrere solo in casi veramente gravi. I tempi di attesa per parlare con un operatore, infatti, potrebbero essere piuttosto lunghi. Pertanto, per inviare un reclamo dovresti preferire il modulo online oppure quelli cartacei.

I centri assistenza Spazio Enel Se vuoi comunque parlare con un operatore ma non vuoi attendere il tuo turno al telefono, puoi recarti presso uno Spazio Enel. Si tratta di appositi punti assistenza che ti permettono di gestire la tua fornitura in comodità. Per assicurarti della disponibilità di un ufficio nelle tue vicinanze, verificane la presenza dalla pagina dedicata ai centri assistenza Spazio Enel sparsi in tutta Italia.

Modulo rimborso Enel Energia: il modello cartaceo PDF

Oltre al modulo online, puoi scegliere di inviare il tuo reclamo a Enel Energia in modo più tradizionale, con i modellini cartacei:

Anche in questo caso, i dati da segnalare sono numerosi. Oltre alle informazioni anagrafiche sul titolare del contratto, vanno inseriti codice cliente, codice POD o PDR, oltre all’indicazione dell’eventuale fascia oraria per la reperibilità telefonica. Dovrai indicare anche il motivo del reclamo, segnando la casella corrispondente al tuo disservizio. Dopo aver compilato il modulo, dovrai spedirlo ai seguenti indirizzi:

  • Modulo reclamo Luce: Enel Energia S.p.A. - Casella Postale 8080 – 85100 Potenza (PZ);
  • Modulo reclamo Gas: Enel Energia S.p.A. - Casella Postale 1000 – 85100 Potenza (PZ).

In alternativa, hai modo di inviare la tua segnalazione di reclamo anche attraverso i seguenti canali:

  • Via fax, servendoti dei numeri 800.046.311 (forniture luce) e 800.997.736 (forniture gas);
  • Via web, dalla sezione “Invio Documenti” del sito Enel (puoi trovarla facilmente digitando su un motore di ricerca una formula del tipo: “carica documenti Enel”. Per farlo, dovrai inserire i dati di accesso al tuo profilo dell’area clienti Enel);
  • Via email, all’indirizzo allegati.enelenergia@enel.com (per l'invio di documenti contrattuali);
  • Consegnando il modellino presso uno Spazio Enel.

Come inviare correttamente una lettera di reclamo? Se vuoi conoscere come inviare correttamente una segnalazione a Enel o a qualsiasi altro operatore, leggi il nostro speciale: “Lettera di Reclamo: come spedirla al Fornitore Luce e Gas”.

Enel reclami PEC: l’indirizzo di posta elettronica certificata

L’indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) di Enel è enelenergia@pec.enel.it. Attenzione: questo riferimento, in ogni caso, viene normalmente utilizzato per due finalità specifiche:

  • Inoltro degli inviti per la negoziazione assistita;
  • Invio degli inviti per tentativi di mediazione a carico degli Organismi di mediazione e Camere di Commercio.

Per l’avanzamento di reclami, pertanto, la strada da seguire sembra essere quella dell’invio di richieste tramite il form online o i moduli cartacei.

Quando inviare un Reclamo a Enel Energia?

Le motivazioni dei reclami Enel non riguardano necessariamente malfunzionamenti o disservizi. In alcuni casi, potrebbe trattarsi di problemi riguardanti la gestione del contratto, del contatore o della qualità del servizio in generale.

A chi rivolgersi in caso di disservizi sulla rete? Ricorda che sei vuoi aiuto in caso di problemi sulla rete elettrica (come la rottura tubature) devi rivolgerti al tuo distributore, non a fornitori come Enel Energia. Scopri subito l’azienda da contattare grazie alla nostra guida ai distributori luce e gas.

In particolare, hai la possibilità di inviare reclami per i seguenti argomenti:

  • Contratti;
    • Recesso;
    • Volture e Subentri;
    • Modifiche unilaterali;
  • Morosità e sospensione;
    • Morosità;
    • Sospensione e riattivazione;
    • Cmor (Corrispettivo morosità pregresse);
  • Mercato;
    • Presunti contratti non richiesti;
    • Cambio fornitore;
    • Condizioni economiche nuovi contratti;
    • Doppia fatturazione;
  • Fatturazione;
    • Autolettura;
    • Ricalcoli;
    • Consumi stimati errati;
    • Periodicità e fattura di chiusura;
    • Pagamenti e rimborsi;
  • Misura;
    • Cambio misuratore;
    • Verifica e ricostruzioni;
    • Mancate letture;
  • Connessioni, lavori e qualità tecnica;
    • Preventivi/Attivazioni/Lavori (tempi e costi);
    • Continuità
    • Valori della tensione/Pressione;
    • Sicurezza;
  • Bonus socale;
    • Validazioni;
    • Cessazioni;
    • Erogazioni;
  • Qualità commerciale;
    • Servizio clienti (call center, sportelli, altri servizi);
    • Indennizzi;
  • Altro.

Dopo l'invio della segnalazione, il fornitore ha 40 giorni di tempo per rispondere. Se non lo fa, o lo fa in maniera insoddisfacente, puoi procedere con il tentativo di conciliazione, così come previsto da ARERA.

aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche