Rigassificatore a Piombino: quali pro e contro? 

aggiornato il
min di lettura
google news

Non restare indietro! 

Bolletta alta, migliori offerte a prezzo fisso e bonus bollette: segui Luce-gas.it su Telegram!

rigassificatore Snam

Pubblicato da Federica Scaramuzzi e revisionato da Marina Lanzone il 14 marzo 2023  ||  ⏳ tempo di lettura 2 min.

A Piombino è arrivata la comunicazione di Snam dell’avvio dei lavori per la messa in funzione del rigassificatore.

"È una notizia che non avremmo mai voluto apprendere ma che è logica conseguenza dell’autorizzazione concessa dalla Conferenza dei servizi presieduta dal commissario straordinario Eugenio Giani. Ferma restando la presentazione del ricorso all’autorità giudiziaria al quale la task force del Comune sta lavorando, adesso è arrivato il momento di gestire la contropartita che Snam, per legge, deve alla città per compensare i lavori".

Francesco Ferrari, sindaco di Piombino.

Ma quanto ne sappiamo di rigassificatori, rischi per la salute ed eventuali lati positivi nella lotta al caro bolletta e alla crisi globale del gas? Partiamo dalle basi. 

Cosa è un rigassificatore?

Un rigassificatore è un impianto utilizzato per convertire il gas naturale liquefatto (GNL) in gas naturale. Il GNL viene trasportato in navi cisterna a temperature molto basse (-162°C) per ridurne il volume, e viene poi immagazzinato in serbatoi di stoccaggio a terra. Il rigassificatore riscalda il GNL a temperatura ambiente, convertendolo in gas naturale, che viene quindi inviato alla rete di distribuzione del gas. 

Il processo di rigassificazione comporta l'utilizzo di vaporizzatori e scambiatori di calore per riscaldare il GNL e convertirlo in gas naturale. Quest'ultimo è un combustibile pulito e ampiamente utilizzato per la produzione di energia, sia per usi industriali sia domestici.  

Vuoi sapere come finirà? Seguici sul canale Telegram di Selectra per rimanere aggiornato sulle vicende del rigassificatore di Piombino. Troverai anche molto altro: News, Offerte, Sconti. Tutte le novità dal mercato luce e gas. Clicca qui per unirti al canale.

Cosa succederà a Piombino? 

Nel porto di Piombino opererà la Golar Tundra (Golar LNG), una delle due FSRU dotate dall’Italia. Cosa sono? Parliamo di navi rigassificatrici o Floating Storage and Regasification Units in grado di immagazzinare e rigassificare il GNL in mare aperto. Vengono utilizzate queste navi poiché il trasporto della materia prima è più agevole e più in linea con le strategie del Governo italiano.

Questo investimento infatti mira a ridurre la dipendenza dall'importazione di gas dalla Russia. Ne sono un esempio gli accordi con nuovi fornitori di gas come l'Algeria. Tale strategia è mirata ad aumentare la capacità di rigassificazione per importare sempre più GNL dall'estero. Il FSRU in questione resterà nel porto di Piombino per uno o due anni.

Perchè in molti sono contrari?

L’entrata in funzione dell’impianto di Piombino è prevista per maggio 2023. Il dissenso generale per tale procedura è emerso in questi giorni, grazie alle manifestazioni che hanno affollato la città toscana. Solo a qualche giorno fa, infatti, risale la protesta di un folto gruppo di persone che, attraverso la Rete No Rigass No Gol e gli ideatori della campagna "Per il Clima, fuori dal fossile", si sono riunite in piazza Bovio.

"Una piazza ideologica", così ha commentato il sindaco della città di Piombino, presente anche alle lui alle manifestazioni. Il primo cittadino di Piombino ha rilasciato una dichiarazione riguardante l'assenza di una relazione definitiva sulla sicurezza da parte di Snam. 

"Oggi per la prima volta questa è una piazza ideologica, sono stato il primo a sollevare dubbi a collocare il rigassificatore nel porto di Piombino. Questi dubbi sono poi diventati motivo di ricorso al Tar che ora vede un rinvio al 5 di luglio, chiesto da Snam, e che ha fatto comprendere quante lacune documentali ci sono da parte di Snam. Snam non ha ancora prodotto la relazione definitiva sulla sicurezza che è la condizione essenziale per un parere".

Francesco Ferrari, sindaco di Piombino.

Lo scontro ha assunto connotazioni politiche di livello nazionale: il PD, il Terzo Polo e la coalizione di centrodestra sono favorevoli all’ingresso della suddetta FSRU. L’Alleanza Verdi-Sinistra e il Movimento 5 Stelle sono invece contrari, chiedendo al governo di accelerare sugli investimenti sulle fonti rinnovabili.

Quali problemi risolve un rigassificatore?

A dirla tutta l’Italia dispone già di tre impianti di rigassificazione: si trovano a Panigaglia, Cavarzere e a Livorno. Ma perché è necessario installarne uno nuovo proprio adesso? La dipendenza dal gas russo è ancora un problema attuale e a questo si aggiungono le sempre più numerose collaborazioni con realtà e partner estere.

Vediamo nello specifico di cosa si tratta: a parlare degli aspetti positivi del Golar Tundra è proprio Snam.

"Con l'acquisizione della Golar Tundra, Snam compie un passo decisivo per rafforzare la sicurezza e la diversificazione degli approvvigionamenti energetici del Paese, in linea con la propria missione. Il ruolo della nuova FSRU a vantaggio del nostro Paese sarà fondamentale: da sola contribuirà a circa il 6,5% del fabbisogno domestico portando così la capacità di rigassificazione del Paese ad oltre il 25% della domanda. Snam ha completato l'operazione in modo rapido ed efficace in un mercato altamente competitivo per la scarsità dell'offerta e sta proseguendo i suoi sforzi per acquisire una seconda FSRU di dimensioni simili, per la quale sono attualmente in corso trattative esclusive che dovrebbero essere finalizzate entro la fine di giugno".

Amministratore Delegato di Snam, Stefano Venier. 

confronto luce e gasconfronto luce gas

Vuoi risparmiare sulle bollette tutto l'anno?

Scegli la migliore offerta per luce e gas che ti garantisca una convenienza tutto l'anno! Scopri le migliori offerte di Febbraio 2024

Ti potrebbe interessare anche