Chi sarà al vertice di Enel, Eni, Poste e Terna? Ecco i nomi

aggiornato il
min di lettura
confronto luce e gasconfronto luce gas

Quali sono le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi?

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

confronto luce e gasconfronto luce gas

Quali sono le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi?

Confronta ora le migliori tariffe o parla con un esperto prendendo un appuntamento telefonico gratuito.

Nomine Partecipate Pubbliche Enel, Eni, Poste, Leonardo e Terna
Sono giorni di fermento e attesa, ma finalmente i nuovi Ad delle Big 5 sono state confermate dal governo.

Pubblicato da Martina Crapanzano e revisionato da Marina Lanzone il 13 aprile 2023  ||   tempo di lettura 4 min.

Oggi è il grande giorno: le tanto attese nomine delle partecipate pubbliche più importanti verranno definite. Non pochi i dibattiti, i bracci di ferro e le preoccupazioni sulle scelte della premier Giorgia Meloni. Alla fine, però, conta la "competenza".

A Palazzo Chigi in questi giorni si è discusso molto su chi ricoprirà i vertici di Eni, Enel, Poste, Leonardo e Terna e di altre 130 società. L'ultima parola, però, spetta a Giorgia Meloni, premier, che pretende competenza dai manager scelti, anche a costo di scontentare i suoi ministri.

Le scelte delle 5 big Eni, Enel, Poste, Leonardo e Terna

Ormai da giorni si discute su chi debba diventare manager delle società più importanti del Paese. I numeri sono alti, le cariche amministrative in attesa di rinnovo sono circa 610, ma con scadenza 2024 "solo" 135.

Tra le aziende di primo livello troviamo i big del settore luce e gas come Enel ed Eni, più società come Leonardo e Poste Italiane.

La ministra Giorgia Meloni ha affermato che vuole l'ultima parola sui candidati di Enel, Eni, Poste (entrata di recente nel mercato luce e gas con Poste Energia), Leonardo e Terna per scegliere con perizia i futuri vertici e mettere, quindi, al primo posto grandi personalità. A questo aggiunge anche l'obiettivo di inserire tra i nuovi amministratori delegati una donna. Infatti, Giuseppina Di Foggia è una dei candidati proposti per guidare Terna, ed è al momento la favorita. La presidente del Consiglio Giorgia Meloni su questo è irremovibile. Per lei questa è una: "Grande sfida della parità".

Tornando alle nomine, vengono confermate:

Nomine partecipate Big Five: Eni Plenitude, Enel, Poste, Leonardo e Terna
Nome della Società Attuale AD Nuovo AD
Eni Claudio Descalzi Claudio Descalzi
Enel Francesco Starace Flavio Cattaneo
Leonardo Alessandro Profumo Roberto Cingolani
Poste Matteo Del Fante Matteo Del Fante
Terna Stefano Donnarumma Giuseppina Di Foggia/Giuseppe Zafarana/Luciano Carta

Fonti: Corriere della Sera, l'Ansa, La Stampa, L'Economia.

Giorgia Meloni, descrive così questo momento decisivo:

"Queste scelte sono frutto di un attento percorso di valutazione delle competenze e non delle appartenenze. È un ottimo risultato del lavoro di squadra del Governo. Ringrazio chi ha servito l’Italia con passione in queste aziende, auguro ai prossimi amministratori buon lavoro. Il loro compito è quello di ottenere risultati economici solidi e duraturi nell’interesse della Nazione che rappresentano in tutto il mondo".

Situazione politica: tensioni e mal contenti

La presa di posizione di Giorgia Meloni pare abbia indispettito anche alcuni dei membri del suo stesso partito, Fratelli d'Italia, e della Lega, suo alleato. Infatti, le nomine rispecchiano una continuità con il passato che la Lega sembra volesse evitare. 

La Premier ha dovuto quindi puntare i piedi in favore di una scelta che mettesse d'accordo anche il senatore di Fratelli d'Italia Adolfo Urso, che all'inizio sembrava opporsi. 

"Conta la capacità di gestire un’impresa perché il Governo Meloni, il nostro Paese, si misura nella sua capacità oggi di cogliere l’occasione del Pnrr e di rispondere agli choc prima della pandemia e poi dell’energia che hanno colpito soprattutto l’Italia". 

Adolfo UrsoMinistro delle Imprese e del Made in Italy

Matteo Salvini e Antonio Tajani, però, smentiscono le tensioni.

"La chiuderemo in totale serenità".

Matteo SalviniVicepremier e ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

"Mi auguro si possa chiudere il prima possibile, faremo tutto nei tempi. Molte ricostruzioni mi sembrano completamente infondate, non c'è nessuna lite né guerra, solo un lavoro accurato per scegliere le persone più competenti, indicando dei nomi che siano di donne e uomini capaci che possano svolgere nel modo migliore il proprio servizio". 

Antonio TajaniMinistro degli affari esteri e Vicepresidente del Consiglio dei ministri nel governo Meloni

La partita in ogni caso è ancora aperta, e probabilmente gli alleati verranno accontentati con le nomine dei nuovi presidenti

A prescindere dai partiti e dalle strategie politiche, su una cosa tutti sono d'accordo: i nuovi nomi ai vertici determineranno la sorte di queste aziende e del Paese stesso. 

Rinnovi oltre le big 5

Oltre le grandi società appena viste, le aziende in attesa di rinnovo che fanno parte del settore energia sono tante. Infatti, attendono la conferma dei nuovi manager: 

Al momento non c'è nulla ancora sul tavolo. Toccherà attendere i prossimi mesi. 

Tutte le novità del settore energia a portata di smartphoneAbbiamo creato un canale Telegram per tenerti sempre aggiornato sulle migliori proposte dei gruppi del settore e per aiutarti a scegliere la più conveniente e adatta a te. Iscriviti ora cliccando qui e unisciti alla community luce e gas più importante in Italia.

Le news aggiornate del mercato energia: