Ecco il Decreto energia per produzione di biometano

aggiornato il
min di lettura
google news

Non restare indietro! 

Bolletta alta, migliori offerte a prezzo fisso e bonus bollette: segui Luce-gas.it su Telegram!

decreto biometano

Pubblicato da Carmela Maggio il 17/01/2023  ||  ⏳ tempo di lettura 2 min.

Per incentivare la produzione di biometano, una fonte di energia rinnovabile, sostenibile e pulita, tramite il decreto previsto dal Pnrr, emanato e approvato dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica è stato deciso di condividere delle importanti regole da applicare per poter avere gli incentivi sull’immissione di biometano nella rete di chi riceve il gas.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?Seguici su Google News per conoscere sempre tutte le ultime novità sul mondo dell'energia.

Il documento del Decreto energia per produzione di biometano è stato supportato dal Gse ed è rientrato tra le operazioni volte ad attuare la misura a favore di chi decide di sostenere la produzione di biometano con:

  • nuovi impianti;
  • la modifica di strutture di biogas che esistono già. 

Si stimano oltre 1,7 miliardi di euro per promuovere la produzione di 2 miliardi di metri cubi annuali entro l’anno 2024. Questo numero risulta 10 volte maggiore a differenza della produzione del momento. Inoltre, accedere agli incentivi sarà possibile già nel primo trimestre del 2023.

Cosa ha detto il Ministro Gilberto Picchetto in merito al Decreto energia per produzione di biometano? Ecco le sue parole affermate in una nota: “L'impulso alla produzione di biometano va nella direzione di accelerare il processo di decarbonizzazione dell'economia, contribuendo alla nostra sicurezza energetica anche con una produzione nazionale rinnovabile, legata alla forte vocazione agricola di una parte consistente del nostro territorio". 

Infine, si è espresso così in relazione alle regole da applicare sul Decreto energia per produzione di biometano, spiegando che: “Le regole applicative contenute nel decreto del 13 gennaio scorso contengono, in particolare, gli schemi di avviso pubblico per ciascuna delle procedure previste, i modelli per le istanze di partecipazione, la documentazione da inviare per la verifica del rispetto dei requisiti, i contratti-tipo da stipulare tra il Gse e i soggetti richiedenti.”

Ti potrebbe interessare anche