Bonus Riscaldamento: come funzionerà lo Sconto? Facciamo il punto

google news

News Luce e Gas?

Bolletta alta, migliori offerte, crisi energetica e bonus bollette: segui Luce-Gas!

Bonus riscaldamento 2023.
Cos'è il bonus riscaldamento e come potrebbe funzionare? Scoprilo in questo articolo.

Pubblicato da Francesco Ursino e revisionato da Marina Lanzone il 20 aprile 2023  ||  ⏳ tempo di lettura 6 min.

Dal testo del Dl Bollette emerge la possibile futura creazione di un bonus riscaldamento, dedicato ai clienti domestici. Vediamo allora chi ne avrà diritto, come funzionerà, da quando partirà, il parere degli esperti e di ARERA.


Non è ancora certo, ma secondo il testo del Dl Bollette, approvato a fine marzo, è molto probabile che le famiglie italiane riceveranno una sorpresa gradita nelle fatture di luce o gas del prossimo autunno. Si tratta del cosiddetto Bonus Riscaldamento, che dovrebbe interessare tutti gli utenti domestici che non ricevono il Bonus Sociale.

Prima di addentrarci nei dettagli della notizia, cerchiamo di fare un breve riepilogo:

Bonus Riscaldamento: a chi spetta, come ottenerlo, come funziona
A chi spetta Come si ottiene Come funziona

Tutti i clienti domestici che non ricevono il bonus sociale (con ISEE sopra 15mila euro).

Il meccanismo dovrebbe essere automatico e scattare in determinate condizioni legate al reddito (superiore a 15mila euro) e al prezzo del gas (superiore a 45 €/MWh). Il bonus entra in funzione se il prezzo del gas all'ingrosso supera la soglia dei 45 €/MWh.

Chi ha diritto al Bonus Riscaldamento?

Il prossimo inverno, forse, sarà un po’ meno freddo e difficile. Questo perché il testo del Decreto Bollette lascia presagire l’esistenza di un Bonus Riscaldamento che dovrebbe andare ad alleggerire le spese per le utenze. La presunta entrata in funzione di questo bonus, per il quale sarebbe stato stanziato un miliardo di euro, viene dedotta dal testo dell’articolo 3 del decreto.

Secondo il testo del decreto, tutti i cittadini che non ricevono il bonus sociale (quindi quelli con ISEE maggiore di 15mila euro) dal 1 ottobre 2023 al 31 dicembre 2023, otterranno un contributo in quota fissa e differenziato in base alle zone climatiche. Tutto questo, però, a patto che nei tre mesi citati la media del prezzo del gas all’ingrosso sia superiore a 45 €/MWh.

A essere coinvolti, pertanto, dovrebbero essere i cittadini con ISEE maggiore di 15mila euro. Per tutti gli altri è previsto il Bonus Sociale, a cui abbiamo dedicato uno speciale apposito: Bonus Energia Elettrica e Gas 2023: come funziona ora che è automatico?.

Cosa sono le zone climatiche? L’Italia è divisa in sei fasce corrispondenti ad altrettante porzioni di territorio che condividono le stesse caratteristiche climatiche. Questa differenziazione influenza l’importo delle bollette del gas: scopri altri dettagli nell’approfondimento sulle fasce climatiche.

Come Funziona il Bonus Riscaldamento?

Dando per buona l’esistenza del bonus e la veridicità dei suoi requisiti, l’altro tema scottante riguarda le modalità di funzionamento e attribuzione. Le ipotesi più probabili al momento, sono:

  • Uno sconto in bolletta;
  • Un rimborso erogato durante la primavera successiva (presumibilmente tramite bonifico, ma è presto per dare indicazioni precise).

La decisione sulle modalità di attribuzione viene rimandata dal testo del DL Bollette ad ARERA, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente. Certo è che, essendo basata sulle fasce climatiche, l’iniziativa potrebbe prevedere differenze a seconda del territorio di riferimento. Lo spiega dalle pagine di Repubblica Marco Vignola, responsabile energia per Unione nazionale consumatori:

"Da com'è scritta la legge, è facile immaginare che i consumatori che vivono in zone climatiche più fredde riceveranno un contributo maggiore rispetto a chi vive in zone più calde e, quindi, consuma meno gas."

Marco VignolaRepubblica.it, articolo “Bonus riscaldamento, ecco come funzionerà lo sconto automatico in bolletta”.

Se dovesse essere scelta la prima modalità di erogazione, esistono ancora incertezze su quale sarà la bolletta coinvolta. Per la natura del provvedimento, si sarebbe portati a pensare che il bonus riscaldamento riguardi le fatture del gas, anche perché tutto l’impianto dell’iniziativa si baserebbe sulle fasce climatiche. E invece sembra non essere così, secondo quanto fa notare Stefano Besseghini, presidente di ARERA. In un’audizione del 13 aprile scorso alla commissione Finanze della Camera, infatti, Besseghini ha evidenziato che il bonus riscaldamento potrebbe riguardare le bollette della luce. Questo perché nel testo della legge si fa riferimento ai "clienti domestici residenti", tipologia di utenza prevista solo per il mercato dell’energia elettrica. Tutto ciò, però, potrebbe essere un bene, almeno secondo il presidente ARERA. In questo modo non verrebbero fatte discriminazioni sulla base dell’utilizzo del combustibile impiegato per il riscaldamento.

Che si usi una caldaia a condensazione o una stufa a pellet, in altre parole, si dovrebbe comunque avere diritto al bonus riscaldamento. L’unico requisito richiesto al momento sembra essere quello relativo all’ISEE (che deve essere superiore a 15mila euro).

Qualsiasi sia la bolletta coinvolta dal presunto bonus riscaldamento, quello che è certo è che per arginare i possibili rialzi del mercato è bene affidarsi a una tariffa adeguata alle proprie necessità. Se vuoi cambiare offerta luce e gas e hai bisogno di un consiglio, puoi ottenere la consulenza gratuita di un Esperto Energia chiamando lo 02 8295 809702 8295 8097fissando un appuntamento.

Il parere degli esperti

Sebbene la sua esistenza non sia ancora del tutto certa (anche se molto probabile), il bonus riscaldamento ha già fatto discutere. A essere coinvolti sono esperti e analisti tra i più noti del settore, che hanno sottolineato come, allo stato attuale del mercato, il bonus verrà quasi certamente attivato. A questo proposito si è espresso Davide Tabarelli, presidente di Nomisma Energia, che ha commentato:

"Considerato che già oggi il mercato si attesta su quelle cifre [parla della soglia dei 45 €/MWh, n.d.r.], direi che il contributo lo vedremo sicuramente."

Davide TabarelliRepubblica.it, articolo “Bonus riscaldamento, ecco come funzionerà lo sconto automatico in bolletta”.

In effetti, nella metà di aprile 2023 il gas è stato scambiato intorno ai 50 €/MWh. I prezzi forward del quarto trimestre, ovvero il prezzo che le imprese pagano ora per avere energia il prossimo inverno, si assesta invece sui 50-55 €/MWh.

Il già citato Marco Vignola, poi, mette l’accento su un punto piuttosto importante che riguarda la platea di beneficiari. Per come sarebbe stato pensato, infatti, il bonus non farebbe distinzioni di reddito (esclusa la soglia dei 15mila euro), cosa che potrebbe portare a distorsioni notevoli:

"Esattamente com'è già successo con l'azzeramento degli oneri in bolletta, anche questo contributo si applicherà a pioggia. Significa che ne godrà l'utenza della villa sul lago di Como come quella della casa popolare. E in questo scenario, non è detto che il miliardo di euro stanziato dalla legge sia sufficiente."

Davide TabarelliRepubblica.it, articolo “Bonus riscaldamento, ecco come funzionerà lo sconto automatico in bolletta”.

Pertanto, i dubbi su questa iniziativa rimangono. E anche ARERA, che dovrebbe decidere nel concreto le modalità di attribuzione dei benefici, sembra avere qualche rimostranza.

ARERA avvisa: fare presto, fare di più

La considerazione è semplice: il bonus riscaldamento 2023 dovrebbe partire il prossimo ottobre nel caso in cui il prezzo all’ingrosso del gas sia maggiore di 45 €/MWh. Se si vanno a vedere le quotazioni attuali, però, si scopre che il metano ha già raggiunto quel prezzo. È vero che si va verso l’estate, e quindi i riscaldamenti si useranno di meno (o non si utilizzeranno proprio), ma il dubbio sulla questione temporale del bonus resta. Sono domande che pone anche Besseghini, di ARERA, che invece guarda al periodo immediatamente successivo all’applicazione del bonus:

"Eventuali prezzi elevati del gas nei mesi tra gennaio e marzo 2024 non darebbero luogo al contributo previsto. La norma dovrebbe essere applicata il prima possibile, tenendo conto anche dei tempi necessari per la successiva consultazione prodromica al provvedimento dell’autorità."

Davide TabarelliRepubblica.it, articolo “Bonus riscaldamento, ecco come funzionerà lo sconto automatico in bolletta”.

Si tratta di un aspetto che veniva segnalato anche in occasione dell’annuncio dei possibili nuovi rincari dei prezzi luce e gas per fine 2023. I provvedimenti presi dal governo per arginare i costi dell’energia e del metano, quindi, potrebbero essere troppo ristretti dal punto di vista temporale. Per esprimere giudizi più incisivi su questi aspetti, in ogni caso, occorrerà attendere la certezza dell’introduzione del bonus.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?Iscriviti alla nostra Newsletter per conoscere sempre tutte le ultime novità sul mondo dell'energia e dei bonus.

Risparmia su Luce e Riscaldamenti scegliendo l’Offerta Giusta!

Il bonus riscaldamento, come visto, potrebbe alleggerire le bollette nel prossimo inverno. Già da ora, però, è possibile cercare di ottenere forniture di luce e gas più economiche, o comunque con condizioni commerciali più vicine alle proprie necessità. Se vuoi sapere quali sono le offerte più convenienti del momento, ti basta dare uno sguardo a questa tabella:

Offerte Luce e Gas: la classifica delle tariffe più convenienti di Giugno 2023
POSIZIONE NOME OFFERTA SPESA* (€/mese)
first-place

Prima Posizione
NeN Special 48 Luce e Gas

a2a
Tariffa prezzo fisso
Esclusiva online
LUCE: 55,7 €
GAS: 92,2 €


Attiva online Sconto 96€ Attiva online (Sconto 96€)
secondo

Seconda Posizione
Sorgenia Next Energy Sunlight Luce e Gas
sorgenia
Tariffa indicizzata
LUCE: 51,9€
GAS: 99€


02 8295 8095 Attiva online Sconto 80€ Attiva online (Sconto 80€)
third-place

Terza Posizione
Iren Prezzo Fisso Web Luce e Gas

iren
Offerta Prezzo Fisso
LUCE: 57,5 €
GAS: 96,2 €


011 1962 1444 Attiva online Attiva online
Parla con noi

*La spesa mensile è stata calcolata con una stima del prezzo medio del PUN (luce) e del PSV (gas) del prossimo anno realizzata dall'Autorità e con un consumo di 1800 kWh/anno per la luce e 800 Smc/anno per il gas ad uso riscaldamento di una famiglia di 3 persone.

Curiosità sul podio delle offerteNen ti regala un bonus di 96€ mentre con Sorgenia lo sconto è di 180€ se attivi luce, gas e fibra, di 80€ attivando solo due forniture tra luce, gas e fibra. 

Vuoi attivare queste offerte o avere maggiori informazioni? Telefona allo 02 8295 809702 8295 8097Prendi un appuntamento per ottenere una consulenza gratuita e senza impegno.

aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche