Bollette luce e gas 2023: svolta in arrivo sui bonus?

aggiornato il
min di lettura
google news

Non restare indietro! 

Bolletta alta, migliori offerte a prezzo fisso e bonus bollette: segui Luce-gas.it su Telegram!

bonus bolletta famiglie e imprese 2023

Pubblicato da Carmela Maggio e revisionato da Marina Lanzone il 14/03/2023  ||  ⏳ tempo di lettura 2 min.

Cambieranno i bonus bolletta per famiglie e imprese? La risposta potrebbe essere affermativa. Il caro energia continua, seppur diminuisce rispetto all’anno scorso. Servirebbero, però, degli incentivi per favorire il risparmio energetico. Questo per far fronte alle difficoltà collegate al 31 marzo 2023, quando scadranno la maggior parte dei provvedimenti messi in atto dal Governo per arginare gli effetti della crisi energetica del 2022.

Per evitare il possibile rialzo delle bollette, quindi, si prevede dal prossimo aprile un bonus famiglie che si basi sui consumi in casa: è il ministro dell'Economia e delle Finanze, Giancarlo Giorgetti, ad annunciarlo. Invece, per le aziende il Governo sta lavorando a un credito d’imposta modulato sul costo del gas.

Scopri di più.

Bollette in calo per le famiglie: quanto durerà questa situazione?

Per la bolletta dell’energia elettrica è previsto dall'ARERA un calo del prezzo di oltre il 20% tra aprile e giugno 2023, a dimostrazione di questo, a marzo 2023 continua la discesa dei prezzi. Stefano Besseghini, il presidente dell'Autorità di Regolazione per energia, reti e ambiente ha confermato il ribasso della tariffa per i clienti del mercato tutelato

Il risparmio potrebbe equivalere a 287 euro a famiglia. Il presidente di Assoutenti, Furio Truzzi, commenta in merito:

"Con un taglio delle tariffe del 20%, la bolletta media del mercato tutelato scenderebbe a quota 1.147 euro annui a famiglia, con una minore spesa a prezzi costanti pari a 287 euro".

Le stime di ARERA confermerebbero che anche la bolletta del gas potrebbe subire una riduzione nel secondo trimestre del 2023.

Ma l’ipotesi del risparmio non è effettiva per un motivo: il 31 marzo scadrà l’azzeramento degli oneri di sistema e le altre agevolazioni previste dal governo sulle bollette.

Cosa succederebbe in caso di mancata proroga?

Ritornare a pagare oneri e Iva maggiore significherebbe avere una spesa più pesante in bolletta: circa 386,37 euro annuali a famiglia, portando a una crescita della tariffa del 27%. Ed è per questo motivo che potremmo avere dei possibili rincari sulla bolletta di luce e gas (senza una proroga dei bonus).

In assenza di tali supporti economici, infatti, in questo periodo di caro prezzi, la bolletta potrebbe ritornare in crescita.

Come potrebbero cambiare le misure sui bonus bollette per famiglie e aziende?

Stiamo facendo una valutazione in questi giorni in raccordo con il ministero dell’Economia che tiene i cordoni della borsa e questo influirà certamente nell’inserire anche tutto, in parte o nulla dei cosiddetti oneri di sistema nella bolletta.

Il ministro dell’Ambiente Gilberto Pichetto si è espresso chiaramente: si potrebbero introdurre eventuali sconti ad aprile per le bollette rivolte alle imprese e alle famiglie prima della scadenza del 31 marzo 2023. Per cui il Governo sta valutando la proroga di tali misure, precisamente:

  • 👪 azzeramento oneri, taglio Iva al 5% per il gas e bonus sociali rafforzati per le famiglie;
  • 🏭 crediti d’imposta potenziati e sistema in più fasce che attenui l’incentivo al ridursi del costo del gas per le imprese.

A tutto questo si aggiunge il nuovo sistema di calcolo per le bollette che dovrebbe partire a breve. 

Vuoi rimanere sempre aggiornato?Iscriviti alla nostra Newsletter per conoscere sempre tutte le ultime novità sul mondo dell'energia e dei bonus famiglia.

Come verranno calcolate le nuove bollette da aprile? 

Premiare i virtuosi è priorità per il Governo. Per cui, parte della bolletta potrà avere un costo massimo di vendita (calmierato) in confronto al valore del mercato.

In altre parole, la bolletta potrebbe essere divisa in due parti: così funzionerebbe il meccanismo. Da un lato ci sarà un costo protetto per i consumi annuali stimati del 70%-80% rispetto alla media dell’anno precedente. Dall'altro l’eccedenza del costo (ossia il 20% o il 30% rimanente) sarà a prezzo di mercato.

Ti potrebbe interessare anche