Per info su attivazione luce e gas

010 848 01 61 Richiamata gratuita

Come Pulire l'interno e l'esterno dei Termosifoni?

confronto luce e gas

Spendi troppo per il riscaldamento? Risparmia fino a 150€ in bolletta

Contattaci per conoscere le migliori offerte luce e gas dei principali fornitori  .

confronto luce e gas

Spendi troppo per il riscaldamento? Risparmia fino a 150€ in bolletta

I nostri call center sono momentaneamente chiusi. Confronta le offerte sul comparatore o compila il form per essere ricontattato.

Ci aiutano a mantenere un ambiente caldo e poco umido. Creano un ambiente “casa”. Sono i moderni “camini” che riscaldano le abitazioni e le rendono immediatamente gradevoli nei mesi con temperature più rigide. I cari termosifoni sono gli alleati perfetti per stabilire una temperatura ottimale a casa nostra. E prima che l’inverno arrivi ti sveliamo come pulire i termosifoni in modo semplice e senza troppi sforzi. Come? Seguendo pochi semplici step…

Riscaldamento centralizzato o autonomo, non importa: prima che arrivi l'inverno è buona norma effettuare la pulizia dei termosifoni domestici. Tale accortezza non solo riduce la bolletta, preservando l'efficienza energetica dell'impianto di riscaldamento, ma previene la diffusione di germi e batteri nell'aria scongiurando raffreddori e tossi indesiderate.


Come è fatto un Termosifone?

Il termosifone, chiamato anche calorifero, è un radiatore posto nelle singole abitazioni di una casa. La sua funzione è, ça va sense dir, riscaldare l’ambiente interno, eliminare l’umidità e spesso aiuta a respirare un’aria più salubre. L’universo dei termosifoni è multiforme e vario: ne esistono, infatti, di tantissimi tipi che si differenziano per stile, materiali e strutture. In ghisa, in alluminio, in acciaio; rettangolari, tubolari, colorati. La scelta del termosifone perfetto dipenderà dalle esigenze di ciascuno: oggi, infatti, alla funzionalità si unisce un design sempre più minimal che si sposa alla perfezione con l’arredamento delle case moderne. Ma come funziona un termosifone? Scopriamolo insieme…

pulizia termosifoni
Come fare della A alla Z
  • La caldaia dovrà riscaldare l’acqua delle tubature
  • L’acqua riscaldata si muove verso i termosifoni
  • Inoltre il calore sprigionato dai termosifoni si relaziona con aumento e diminuzione della densità dei liquidi

Un termosifone, per essere perfettamente funzionante, ha bisogno di determinate caratteristiche strutturali:

  1. Supporti per il fissaggio alla parete: ne esistono di diversi tipi da quelli più flessibili e particolarmente legati all’estetica a quelli regolabili o di forma triangolare
  2. Valvole: servono per aprire e/o chiudere il passaggio dell’acqua nel termosifone. Le classiche sono quelle manuali con tanto di frecce per lo svitamento a destra o sinistra. Ma oggi sul mercato sono presenti alcune iper moderne con collegamenti wi-fi
  3. Tappi e giunzioni

I termosifoni presenti in una casa potranno essere montati seguendo due modalità diverse. Da una parte abbiamo l’installazione in parallelo dove troviamo l’entrata dell’acqua calda nella parte in alto del termosifone e l’uscita dell’acqua fredda nella parte più in basso. Esisteranno quindi due valvole opposte una in alto e l’altra in basso. L’installazione in serie prevede una sola valvola per l’acqua calda e l’uscita dell’acqua fredda. Molto spesso, in questo tipo di installazione, l’acqua non circola correttamente lasciando degli spazi “freddi” sulla superficie del radiatore. Per questo è cosa buona e giusta seguire un vademecum di utilizzo del termosifone che vedremo più in basso.

impianto di riscaldamento

Meglio il Riscaldamento Elettrico o a Gas?

Scopri qual è l'impianto di riscaldamento ottimale per risparmiare in bolletta. Per scegliere correttamente bisogna valutare diversi fattori.

Come Pulire i Termosifoni all’interno?

La pulizia e la manutenzione dei termosifoni è di vitale importanza. Non solo per il loro corretto funzionamento ma anche per il nostro benessere psico-fisico. Una casa calda e ben riscaldata è una casa accogliente dove ci si può rilassare. È una casa da vivere. Inoltre pulire con cura i termosifoni permette di respirare un’aria più pulita ed evita raffreddamenti ed allergie. La pulizia esterna dei termosifoni è quasi sempre quotidiana. Uno straccio umido, un panno cattura polvere, etc sono le chiavi per una perfetta detersione della superficie esterna del calorifero. E per ciò che concerne la pulizia dei termosifoni all’interno? Esistono diverse tecniche, strumenti ed iter che vi faciliteranno e non poco la vita! Innanzitutto, visto che utilizzerete il calore dei termosifoni specialmente in inverno, la pulizia interna dovrà essere effettuata nei periodi primaverili ed autunnali. E sempre e comunque a termosifoni spenti e freddi. La pulizia “intrinseca” dei termosifoni, oltre che alla detersione ed igienizzazione, è utile per evitare malfunzionamenti ed eliminare le cosiddette bolle d’aria. Di seguito qualche trucchetto utile e qualche consiglio pratico per pulire i termosifoni in un detto fatto

 Elimina tutta la polvere presente

Il primo step è quello di eliminare i residui di polvere che si annidano nelle fessure del termosifone. Potrai servirti di uno scovolo o scovolino per raggiungere anche gli angoli più nascosti ed impervi. Ovviamente l’aspirapolvere (soprattutto il cosiddetto Folletto) sarà l’alleato principale, soprattutto se usato con l’accessorio ad hoc con beccuccio. Il consiglio è quello di coprire mobili e complementi d’arredo vicini al calorifero per evitare di sporcare e “contaminare” con i residui di polvere che inevitabilmente voleranno. Inoltre, soprattutto per gli step successivi, fondamentale sarà l’utilizzo di fogli di giornale sul pavimento per evitare macchie. Altro tip che ti diamo è quello di utilizzare il phon per eliminare tutta la polvere presente. Come? Ti basterà adagiare un panno bagnato sotto al termosifone ed uno sulla parete di appoggio. Accendendo il phon con aria fredda lo sporco si accumulerà direttamente sui panni bagnati e sarà più semplice da eliminare

 Pulisci il Termosifone al suo Interno

Una volta eliminata tutta la polvere annidata sarà la volta di pulire in profondità il termosifone all’interno. L’iter è molto semplice: ti basterà porre una bacinella sotto la valvola di sfiato del calorifero. Con una pinza o con lo strumento apposito apri la valvola di sfiato e lascia defluire tutta l’acqua. In questo modo il termosifone si libererà dell’acqua sporca ma anche delle eventuali bolle d’aria che ne ostacolano il regolare funzionamento. Quando sentirai che lo sfiato d’aria sta terminando dovrai soltanto richiudere accuratamente la valvola

 Rimuovi le macchie all'Esterno

Ora che l’interno del termosifone è completamente pulito dovrai tornare ad occuparti della parte esterna. Per eliminare le macchie presenti sulla superficie e quelle createsi dopo la pulizia interna potrai usare la soluzione che preferisci. Il vapore, ad esempio è uno strumento che igienizza e pulisce in profondità. Strumento di fondamentale importanza, infatti, potrà essere il vaporetto, un tipo di pulitore completo e naturale. Ma anche rimedi casalinghi come il bicarbonato e l’aceto per sciogliere le macchie. O una soluzione di acqua e sapone di marsiglia per profumare e detergere

Molto spesso noterete, soprattutto a fine inverno, che i termosifoni acquisiscono quel caratteristico colore giallognolo abbastanza antiestetico. Per sbiancare i termosifoni ingialliti potrai usare un mix di acqua e candeggina, uno spray per pulire il forno o dell’acqua con del bicarbonato di sodio. In extrema ratio, se il termosifone è molto ingiallito, potrai eliminare -a termosifone spento e freddo- la vernice deteriorata e passare una nuova mano di colore per dare nuova vita e linfa ai tuoi caloriferi. Potrà capitare che alcune parti del termosifone vengano “sporcate” dalla ruggine. Anche in questo caso in pochi semplici passi, potrai eliminare questo antiestetico problema con olio di gomito ma senza molti sforzi. La ruggine dovrà essere eliminata con una spazzola a setole metalliche o della carta vetrata: successivamente andrà cosparso l’intero termosifone con un prodotto antiruggine e, una volta secco, passato un panno umido. E in un batter d’occhio il termosifone splenderà di nuova luce!

Come Pulire i Termosifoni in ghisa?

Classici, “imponenti”, dall’imprinting vintage. Ma molto funzionali e comodi. I termosifoni in ghisa hanno fatto la storia delle abitazioni italiane sin dagli anni ‘60. I termosifoni in ghisa se da una parte impiegano molto tempo a riscaldarsi, dall’altra riescono a mantenere a lungo il calore nelle stanze visto che impiegano lo stesso tempo a raffreddarsi. Inoltre non vengono attaccati dalla ruggine e, in linea di massima, durano moltissimi anni senza dover essere sostituiti. La loro manutenzione è abbastanza laboriosa ma non eccessivamente complessa. Vediamo nel dettaglio gli step da seguire:

  1. Lavaggio esterno: rimuovere tutta la polvere presente con aspirapolvere, panni antistatici e scovolini
  2. Lavaggio interno (come abbiamo visto sopra) per eliminare eventuali bolle d’aria che causano malfunzionamento
  3. Pulizia esterna con acqua e prodotti specifici e rimozioni di eventuali macchie gialle

Come Pulire i Termosifoni in alluminio?

I termosifoni più moderni sono in metallo, soprattutto in alluminio. Dal design più avanguardista, molto più “snello” e compatibile con i complementi d’arredo moderni. La pulizia dei termosifoni in alluminio è più semplice e veloce di quella dei termosifoni in ghisa. Infatti, con un semplice panno antistatico, sarà possibile eliminare tutte la polvere (l’utilizzo dell’aspirapolvere è facoltativo). Successivamente potrai pulire in profondità con uno straccio umido e prodotti specifici, per poi concludere il lavaggio con un panno asciutto per eliminare aloni e tracce di sgrassatore.

L’importanza della Manutenzione della Caldaia

Senza la presenza di una caldaia l’utilizzo dei termosifoni sarebbe impossibile. Il funzionamento di una caldaia si basa sul processo di combustione che permette il riscaldamento dell’acqua che viene successivamente immessa nei tubi dei caloriferi. Diversi possono essere i tipi di combustibili possibili che vanno dal gas metano al biometano, passando per il pellet. La caldaia, quindi, diventa fondamentale nella vita di tutti i giorni ma può diventare - se non controllata periodicamente- abbastanza pericolosa per gli abitanti di una casa. Per questo, oltre che essere obbligatoria per legge, è fondamentale al benessere umano la manutenzione della caldaia. Per maggiori informazioni sulla tua caldaia e sulla relativa manutenzione contatta lo 010 848 01 61 o utilizza il servizio di richiamata gratuita. Essenzialmente il tecnico che si occuperà del check-up della tua caldaia si assicurerà del corretto funzionamento dello stesso ma anche del controllo dei fumi per evitare eccessive emissioni inquinanti. Le verifiche ed i controlli delle caldaie cambiano da regione a regione: qui puoi trovare i dati relativi alla tua zona di appartenenza.

Manutenzione Caldaia nelle Principali Regioni
Regione Link Utile
Lombardia Libretto Caldaia Milano
Lazio Libretto Caldaia Roma
Veneto Libretto Caldaia Venezia
Piemonte Libretto Caldaia Torino
Toscana Libretto Caldaia Firenze

Vademecum per il perfetto utilizzo del Termosifone

Ed ecco un piccolo vademecum che ti aiuterà a salvaguardare la vita dei vostri termosifoni. Ricordiamo, repetita iuvant, che lavaggio e spurgo dei termosifoni deve avvenire sempre a termosifoni spenti e freddi. La manutenzione di questi dovrebbe essere svolta ciclicamente, almeno una volta all’anno, e sempre prima dell’iniziale accensione nei mesi invernali, proprio come avviene per la pulizia dei condizionatori prima dell'estate. Potrà capitare anche a casa tua di notare che i termosifoni non si riscaldino alla perfezione e che al tatto abbiano delle zone fredde. In questo caso è probabile che la causa dipenda dalla pressione. Cosa fare? Ti basterà aprire la valvola di sfiato e far uscire l’aria in eccesso. Nel caso in cui non esca acqua bensì aria dovrai subito controllare il manometro della caldaia.

Attenzione alla Pressione se la caldaia è VecchiaSe la tua è una caldaia “vecchio modello”, dovrai assicurarti che la pressione non sia scesa troppo dopo lo spurgo dei termosifoni. È tra 1 e 1,3 bar il valore giusto che dovrebbe segnare il manometro. Nel caso in cui fosse più basso ti basterà aprire la chiave del carico dell’acqua e mantenerla aperta fino a ripristinare il tutto. Nel caso delle caldaie moderne il tutto sarà più semplice ed intuitivo: seguendo gli step sul libretto di istruzioni potrai ripristinare semplicemente il tutto.

Ultimo punto, ma non in ordine di importanza, che ci teniamo a sottolineare risiede nel non coprire mai i termosifoni. Né con mobiletti ad hoc né con copritermosifoni per evitare inutili fastidi e possibili guasti. Olio di gomito e tanta cura per pulire i vostri termosifoni e vivere un inverno caldo ed accogliente!

Perdita d'acqua del Termosifone: cosa fare?Se il termosifone perde acqua, invece, il guasto potrebbe rintracciarsi in 3 parti principali: la manopola, la valvola di sfiato o il detentore. Bisogna evitare che il termosifone inizi a sgocciolare per non innescare un circolo vizioso di problemi legati alla pavimentazione, all’umidità in casa e alle tubature. Se il problema parte dalla manopola o dal detentore ti basterà stringere i bulloni corrispondenti; se l’acqua fuoriesce dalla valvola andrà sostituita la guarnizione. Se i problemi persistono sarà indispensabile contattare un tecnico.