Quando si accendono i termosifoni a Genova e Firenze nel 2023?

aggiornato il
min di lettura
Accensione riscaldamenti Genova e Firenze 2020: orari, periodo di funzionamento, temperature previste.
Accensione riscaldamenti Genova e Firenze 2023: tutto su orari, periodo di funzionamento, temperature previste e altre info utili.

L’arrivo dei primi freddi e del brutto tempo porta con sé anche l’accensione dei riscaldamenti. Ecco le date di accensione per la stagione invernale 2023-2024 di Genova e Firenze.

L’accensione del riscaldamento a Genova e Firenze per il 2023, le città facenti parte della zona climatica D, è stato stabilito per l'8 novembre. La decisione di ritardare di una settimana l'accensione del riscaldamento, come già accaduto nel 2022, è stata finalizzata ancora una volta a ridurre gli sprechi di gas a causa delle crisi energetica e climatica attualmente in corso.

Tutte le date di accensione del riscaldamento in Italia Come di consueto, l’avvio del riscaldamento in Italia è diviso per fasce climatiche, cui corrisponde un diverso periodo temporale e differenti orari di funzionamento. Per scoprire nel dettaglio il calendario di accensione del riscaldamento centralizzato, puoi leggere il nostro speciale: “Accensione Riscaldamento (Centralizzato) 2023: tutte le Città e le Regioni”.

Accensione riscaldamento Genova e Firenze 2023: zona climatica D

In Italia, il calendario di accensione dei riscaldamenti viene regolato in base alle c.d. zone climatiche. Ce ne sono sei in tutto, identificate con le lettere dell’alfabeto A-F. Le diverse zone si differenziano tra di loro per l’aumento dei Gradi-Giorno (spesso abbreviati in “GG” o “g-g“). Si tratta di una unità di misura che segnala il clima medio di un Comune, indipendentemente dalla latitudine, dalla regione di appartenenza o da altri fattori geografici.

Scendendo nel dettaglio, Genova ha 1.435 GG, mentre Firenze ha 1.821 GG. Questi dati fanno rientrare le due importanti città nella fascia climatica D, che include tutti i Comuni compresi in un intervallo che va da 1.401 GG a 2.100 GG. La zona D prevede l’accensione dei termosifoni (sia quelli in alluminio che in ghisa) a partire dal 8° novembre di ogni anno, con spegnimento al 7 aprile. Le ore giornaliere di funzionamento, quelle in cui puoi usare le valvole termostatiche per regolare il calore, sono pari a 11. Un dato, questo, secondo come quantità solo a quello della fascia E (ferma a 13) e della fascia F (dove non sono previste limitazioni per tutto l’anno).

Categorie esentate Esistono degli edifici esentati da queste normative e per cui esistono limitazioni diverse. Tra questi troviamo gli ospedali, gli ospizi, gli asili nido e le scuole materne.

Oltre a Firenze e Genova, sono tante altre le città importanti che rientrano nella zona climatica D. Eccone alcune:

Accensione riscaldamento 2023 Zona D*: 8 novembre - 7 aprile (11 ore al giorno)
PROVINCE DELLA ZONA D
Genova (GE) La Spezia (SP)
Firenze (FI) Livorno (LI)
Roma Avellino (AV)
Siena (SI) Terni (TR)
Foggia (FG) Pescara (PE)
Vibo Valentia (VV) Matera (MT) 

*La zona D include comuni appartenenti a un’ampia zona geografica, che va dal centro-nord fino al sud. Per leggere l’elenco completo delle città convolte, puoi consultare l'Allegato A del D.P.R. 412/1993..

La fascia climatica immediatamente più fredda, quella E, include invece città come Milano, Bergamo, Reggio Emilia e Rimini. Per saperne di più, puoi leggere il nostro approfondimento: “Accensione del Riscaldamento a Milano: quando è possibile? Le Date e l'Orario di accensione".

Accensione riscaldamento Genova 2023:  confermata all'8 novembre

Orari e giorni accensione termosifoni 2023-2024Nel 2022 Genova ha posticipato l'accensione dei riscaldamenti e non è stata l'unica città: a causa di una scelta governativa per ridurre i consumi di gas, tutta l'Italia ha ritardato l'accensione di una settimana e ha anticipato lo spegnimento del riscaldamento di un altra settimana. Queste decisioni sono state confermate per un altro anno

Le normative nazionali in materia di accensione riscaldamento e fasce climatiche sono principalmente tre:

  • il DPR n. 412/1993 (e successive modifiche);
  • la Legge n. 10/1991 (e successive modifiche);
  • il DPR 74/2013.

A queste, però, vanno aggiunti anche provvedimenti di carattere più specifico, come:

  • delibere delle assemblee condominiali;
  • provvedimenti comunali.

Alle norme riguardanti il periodo di accensione degli impianti di riscaldamento, pertanto, possono derogare i sindaci in caso di condizioni meteorologiche avverse o altri eventi straordinari.

Riscaldamento Firenze 2023: si inizia l'8 novembre

L’accensione del riscaldamento a Firenze nel 2023 segue le linee guida stabilite dai vari riferimenti normativi. Dall'8 novembre, sarà possibile accendere gli impianti termici in ambienti privati e pubblici per 11 ore al giorno. Nel caso di edifici adibiti ad attività artigianali, industriali e assimilabili, le temperature consigliate di riscaldamento si attestano su 18° gradi (più 2 di tolleranza). Per tutti gli altri edifici, si va sui 19° gradi (più 2 di tolleranza). Queste regole sono valide per tutti gli edifici, ad eccezione di ospedali, case di cura per anziani, asili nido e scuole materne. 

Accensione riscaldamento: come risparmiare in bolletta?

Le dritte giuste per risparmiare sul riscaldamento Se la spesa in bolletta è alta e sei in cerca di soluzioni per rimediare, leggi la nostra guida completa: “Come risparmiare sul riscaldamento domestico: elettrico e a gas”.

Con l’inizio dell’accensione dei riscaldamenti a Genova, Firenze e tante altre città italiane, il problema rimane uno solo: come risparmiare in bolletta? Nei mesi invernali può essere piuttosto complesso, ma le soluzioni non mancano. Gli interventi per l’aumento dell’efficienza energetica domestica possono beneficiare anche del Superbonus, che consente di migliorare gli edifici rendendoli più ecosostenibili ed efficienti.

E per ulteriori consigli e opportunità di risparmio, chiama lo 010 848 01 61, oppure fatti richiamare. Un esperto energia ti illustrerà le offerte più convenienti per la tua abitazione. Il servizio è totalmente gratuito.