Quali tipi di pannelli fotovoltaici esistono?

preventivo fotovoltaicopreventivo fotovoltaico

Ricevi un Preventivo Gratuito Sorgenia per l'Installazione del Fotovoltaico

Sfrutta l'Ecobonus al 50%! Se hai una villetta o una casa singola chiedi gratis un preventivo chiavi in mano a Sorgenia per un impianto Fotovoltaico.

tipologie pannelli fotovoltaici
Ecco quali sono le tipologie di pannelli fotovoltaici più diffusi e come scegliere in base a caratteristiche, costi e rendimento

Per scegliere il pannello fotovoltaico più adatto alla propria abitazione bisogna conoscere nel dettaglio tutti i modelli disponibili e le differenze tra questi, ma anche quali sono le soluzioni più innovative e tecnologiche.


Il fotovoltaico è sempre la scelta giusta quando si vuole adottare un’ottica sempre più sostenibile e si desidera cominciare a produrre energia rispettando l’ambiente. Per scegliere il tipo di pannello fotovoltaico più adatto alle proprie esigenze bisogna conoscere bene quali sono le soluzioni disponibili. Si tratta di considerare le proprie esigenze e di individuare la tecnologia più adatta a soddisfarle e con il miglior rapporto qualità-prezzo.

Quanti tipi di pannelli fotovoltaici esistono?

Per poter soddisfare al meglio le esigenze dei clienti, è possibile scegliere il prodotto ideale tra un’ampia gamma di pannelli fotovoltaici. Esiste un modello adatto a ciascuna necessità, per appagare sia le esigenze estetiche che quelle funzionali. Infatti, trattandosi di impianti ingombranti, è comune preferire un modello del design più in linea con la propria abitazione.

Esistono vari tipi di pannelli fotovoltaici, da quelli standard a quelli più innovativi e sperimentali. In ogni caso, la caratteristica comune è di saper trasformare la luce solare in energia elettrica. Si possono distinguere diverse tipologie di pannelli fotovoltaici, tra le quale si ricordano:

  • pannelli fotovoltaici standard: si parla dei modelli monocristallini o policristallini. Da un punto di vista estetico, i primi si riconoscono perché sono neri e i secondi perché sono blu. Si parla della tipologia più diffusa grazie al costo mediamente basso dell’investimento e alla resa maggiore rispetto ad altri modelli. Entrambi sono realizzati in silicio, ma differiscono nel colore a causa di una differenza nel processo di produzione;
  • pannelli fotovoltaici ibridi: si tratta di una combinazione di film ibrido e di silicio monocristallino. Le dimensioni sono ridotte rispetto ai pannelli tradizionali e incorporano una tecnologia HIT, per assorbire maggiore energia anche in condizioni di luce non ottimale;
  • pannelli fotovoltaici a film sottile: non si parla di pannelli in silicio, ma di impianti realizzati con un mix di rame, indio, gallio e selenio. Sono caratterizzati dall’alto rendimento anche in assenza di luce diretta del sole e in presenza di luce soffusa. L’efficienza media è del 15-16%, ma hanno bisogno di più spazio per la loro installazione;
  • altri pannelli fotovoltaici: esistono poi delle tipologie più innovative e particolari, come ad esempio i moduli rossi, realizzati con celle colorate adatte per le aree soggette a vincoli paesaggistici. Infatti, questo colore si mimetizza con le facciate e le tegole. In questa classificazione di prodotti innovativi rientrano anche i pannelli orientabili, che ruotano in automatico in base al sole o altri che possono essere collegati alla presa di corrente.

Per capire quale tipo di pannello acquistare per l'impianto fotovoltaico bisogna considerare alcuni aspetti, come il budget, la domanda di energia e le caratteristiche dell’appartamento. Ciascuno, a fronte di un investimento diverso, offre un rendimento più o meno alto.
Il rendimento dei pannelli dipenderà anche dalla corretta manutenzione dell'impianto e la pulizia da eseguire regolarmente.

Pannelli fotovoltaici: differenze

Esistono notevoli differenze tra i pannelli fotovoltaici. In particolare – considerando i modelli standard – è importante capire se si desidera acquistare il monocristallino o il policristallino.
Si indicano di seguito le differenze tra queste due opzioni:

  1. monocristallino: la singola cella è realizzata a partire da un wafer, la cui composizione è omogenea. Ogni cella del modulo è costituita da un singolo cristallo di silicio, per garantire la massima conducibilità. Si parla di un pannello nero, con una resa maggiore rispetto all’alternativa, ma anche più costoso. La potenza va dai 280 ai 360 Wp;
  2. policristallino: il wafer non è omogeneo, ma organizzato in grani ordinati. Ogni cella è costituita da un insieme di più cristalli di silicio. Il pannello policristallino è blu e accessibile a fronte di un investimento più basso. La resa è inferiore, infatti si parla di una potenza di massimo 270 Wp.

Come scegliere il giusto pannello fotovoltaico? Un’altra essenziale differenza da considerare prima di scegliere cosa acquistare è la temperatura del luogo in cui si vive. Infatti, i due modelli reagiscono diversamente alle alte e basse temperature: mentre i policristallini sono particolarmente adatti e resistenti quando fa caldo, i monocristallini rendono bene anche con le basse temperature e con un’intensità solare inferiore. Quindi, la scelta dipende anche dalla zona geografica di riferimento.

La maggior parte dei pannelli fotovoltaici è realizzata a partire da silicio cristallino, anche se con gradi di purezza e di efficienza differenti da modello a modello. Proprio da tale caratteristica deriva la differenza di prezzo, dal momento che si parla di differenti processi di lavorazione, più o meno dispendiosi. Oggi, per uso residenziale, si prediligono le due tipologie standard di pannello – monocristallino e policristallino – a meno che non si sia alla ricerca di una soluzione dal design più innovativo.
Ricorda che anche i pannelli rientrano nella spesa di installazione per il bonus fotovoltaico.

Sorgenia aiuta a capire il pannello adatto a te

Sorgenia lavora ogni giorno per offrire ai propri clienti soluzioni fotovoltaiche sostenibili ed innovative. La loro strategia si fonda su un modello flessibile di produzione e gestione dell’energia, così da contribuire attivamente all’accelerazione della transizione energetica nel Paese e da soddisfare in ogni dettaglio le esigenze del cliente. Affidati a un team di professionisti e lasciati guidare alla ricerca del tipo di pannello più adatto.

Nuovi tipi di pannelli fotovoltaici

Le evoluzioni e le scoperte nel campo del fotovoltaico non si fermano mai. Infatti, vengono continuamente proposte nuove soluzioni dalle prestazioni e dal design innovativo, per soddisfare anche il cliente più esigente e per sfruttare l’energia fornita dal sole nel modo più efficiente possibile. Tra le nuove tipologie di pannelli fotovoltaici rientra il pannello bifacciale hjt.

Si parla di un prodotto basato sulla multi-giunzione tra silicio e film sottile per poter realizzare una soluzione bifacciale di ultima generazione. Il modulo hjt prende il nome proprio dalla sua tecnologia: Hetero Junction Technology. Si parla di un sistema che garantisce alte performance a un basso degrado del modulo fotovoltaico, così da migliorare le sue prestazioni nel tempo.
Ne risultano pannelli fotovoltaici più competitivi ed efficienti, dal punto di vista della potenza e della produzione di energia. Le soluzioni innovative, per quanto affascinanti perché incorporano una tecnologia di ultima invenzione, non sono sempre la soluzione migliore. È importante farsi guidare da un professionista nella scelta del pannello fotovoltaico più adatto, così da ottenere la massima efficienza energetica.

aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche