Fotovoltaico Fai da Te: Come costruire un Pannello Solare?

tariffe edison gas

Ricevi un Preventivo Gratuito per l'Installazione del Fotovoltaico

Compila il form per ricevere un preventivo dai migliori fornitori di pannelli fotovoltaici.

Il fotovoltaico fai da te è un'alternativa all'installazione professionale. Questo approccio permette di realizzare nella propria casa un impianto a energia solare in totale autonomia, diminuendo sensibilmente i costi di realizzazione, il numero di tecnici specializzati coinvolti, ma soprattutto il tempo impiegato. Non solo, anche le spese di gestione e delle pratiche burocratiche vengono totalmente eliminate, come quelle di progettazione. Di seguito approfondiremo questo approccio alternativo, mettendo in luce gli aspetti più tecnici di costruzione e quelli più pratici relativi alle componenti e ai costi.

Ormai tutti sappiamo quali sono le fonti di energia sostenibile, anche la loro importanza per mantenere in equilibrio l’ecosistema ambientale. Pannelli solari, auto elettriche, Biogas, sono solo alcune delle alternative che ognuno può scegliere. Inoltre, l'Italia, paese all'avanguardia nel settore delle rinnovabili, offre numerosi incentivi per il loro utilizzo. L’energia solare è una fonte totalmente green, capace di rispondere completamente al fabbisogno domestico. Però, installare un impianto può richiedere lunghi periodi di analisi e progettazione: con il fotovoltaico fai da te il sistema viene completamente ribaltato. Scopriamo insieme come.


Fotovoltaico fai da te: di cosa parliamo?

Le persone appassionate di handmade, soluzioni sostenibili ed energia solare sicuramente hanno desiderato di poter essere parte attiva nell'istallazione di un impianto fotovoltaico. Da queste premesse nasce il fotovoltaico fai da te, che permette di costruire a casa e con le proprie mani un impianto totalmente funzionante, ottimizzando costi, tempi e attività. Certo, ovviamente si tratta di un impianto più semplice ed essenziale, consigliato solo per abitazioni di dimensioni ridotte e con una limitata produzione di energia, ma questa soluzione permette di tagliare i costi di progettazione e studio di fattibilità. Questo processo è in continua evoluzione e in commercio si trovano diverse proposte e formati. Qual è la differenza? Di sicuro la prima è la potenza. Inoltre, a parte acquistare le singole componenti (come i pannelli fotovoltaici, l'inverter e i cablaggi), oggi si trovano anche dei veri e propri kit di montaggio in cui è possibile trovare tutto il necessario e che permettono di montare in circa mezz'ora di tempo il proprio impianto.

Cos’è un kit per il fotovoltaico fai da te?

Il kit per il fotovoltaico fai da te mette insieme tutte le componenti necessarie per realizzare un impianto fotovoltaico con il vantaggio di non doversi preoccupare della compatibilità e della integrabilità dei diversi prodotti. Acquistandolo, quindi, trovi tutto quello che serve in un unico pallet che preserva la corretta funzionalità dei materiali al suo interno. In vendita ne esistono di diversi tipi:

  • Con allaccio in rete (on grid);
  • Non collegati alla rete (off grid);
  • Senza accumulo;
  • Con batteria di accumulo;
  • Collegato a un impianto autonomo senza inverter;
  • Con inverter.

Insomma, le possibilità sono davvero numerose, fatte a posta per offrire una soluzione valida alle diverse necessità domestiche e personali. In generale, un kit con una potenza di 3 kW contiene:

  • dai 12 ai 14 pannelli fotovoltaici da 200-235 Watt ciascuno;
  • un inverter da 3.000 Watt;
  • una struttura di alluminio come sistema di fissaggio dei pannelli;
  • il sistema dei cavi solari dotati di connettori;
  • il centralino di campo DC/AC con i sezionatori;
  • i limitatori di sovratensioni;
  • i portafusibili;
  • il sistema di protezioni e cablaggi;
  • Software che monitora le prestazioni del sistema.

Importante: a seconda del consumo e dei metri quadri dell’abitazione, le esigenze sono molto variabili, per questo c’è chi preferisce anche acquistare singolarmente le componenti.

Le componenti essenziali per Installare un Impianto Fotovoltaico

Per acquistare le componenti singole, è fondamentale acquisire una competenza in merito. Fare una ricerca approfondita delle soluzioni online può essere un buon punto di partenza per capire cosa offre il mercato, indagare sul rapporto qualità prezzo, le caratteristiche tecniche di ogni componente e finalmente passare alla parte operativa. Per installare nella propria casa un impianto fotovoltaico domestico è fondamentale acquistare:

  • Pannelli solari;
  • Inverter;
  • Strutture di supporto;
  • Strutture destinate alla cablatura;
  • Batterie di accumulo.

Kit fotovoltaico fai da te: quanto costa?

Comprare dei kit pronti all’uso è sicuramente la scelta più gettonata, proprio per l’immediatezza del servizio: in casa arriva tutto l’occorrente perfettamente funzionante senza dover impiegare il proprio tempo nella ricerca. In alcuni casi un kit può costare leggermente di più, ma tutto dipende dalla scelta della qualità delle componenti che lo vanno a costituire l'impianto e dall'energia di cui ha bisogno l’abitazione in cui andranno montati. In generale, i prezzi in media sono:

Costi Kit fotovoltaico fai da te
Potenza Costo
Kit 400 watt 400 euro (detraibili al 50% dall’irpef)
Kit 1000 watt 1000 euro (detraibili al 50% dall’irpef)
Kit 3 kW 3.300 - 4.400 euro (detraibili al 50% dall’irpef)

Quanto costano le singole componenti?

Acquistare le singole componenti può essere un po’ più complicato. Come detto sopra, è fondamentale trovare materiali compatibili tra loro. Una volta scelti, i costi sono variabili a seconda delle esigenze e della qualità del prodotto. In generale i prezzi in media sono:

Costi componenti impianto fotovoltaico fai da te
Materiale Costo
Pannelli solari 3000 € per Kwh
Batterie per l’accumulo Dai 500 ai 1000€
Regolatore di carica Dai 150 ai 200€
Inverter fotovoltaico Dai 400 ai 500€

Da aggiungere a queste cifre il costo di spedizione che può variare dai 1000 ai 2000€. Se si vuole anche aggiungere l’assicurazione dell’impianto, bisogna addizionare altri 200€.

Realizzazione e Burocrazia dell’impianto fotovoltaico fai da te

Per costruire un impianto fotovoltaico fai da te, kit o non kit, è importante avere un’ottima manualità e conoscere alcune specifiche tecniche per evitare problemi di montaggio. L’installazione, quindi, prevede diversi passaggi fondamentali. 

  1. Dimensionamento dell’impianto fotovoltaico fai da te: per capire quanti sono i Watt di cui ha bisogno la tua abitazione. Ciò, permette inoltre di acquistare il numero corretto di pannelli solari.
  2. Collegare i pannelli solari tra loro;
  3. Collegare le batterie tra loro;
  4. Collegare i pannelli alle batterie;
  5. Montare un regolatore di carica adatto alle batterie e collegarlo;
  6. Aggiungere l’inverter.

Da non sottovalutare è anche l’importanza dei cavi di cablaggio scelti, da questo ne consegue la sicurezza dell’impianto e anche la sua efficienza. Per questo è molto importante farsi seguire da un tecnico di fiducia in tutto il processo: dalle autorizzazioni necessarie alla scelta dei materiali, dall’effettiva installazione al monitoraggio delle attività e prestazioni una volta pronto. Realizzare un impianto in sicurezza è la priorità. Il montaggio, se non eseguito correttamente, può rendere la struttura poco efficiente - che disperde l’energia accumulata - e pericolosa.

Se non si è degli esperti, conviene sempre farsi supportare da un professionista del settore capace di riconoscere la qualità dei materiali, montarli secondo le norme vigenti e seguirti nelle pratiche burocratiche. Infatti, bisogna conoscere quali sono le autorizzazioni necessarie per ciascuna tipologia di impianto: per esempio, mentre per i pannelli movibili non c'è bisogno di richiedere alcuna autorizzazione, per quelli che modificano l'aspetto della casa è necessario contattare il proprio comune di residenza per ottenere il via libera all'installazione. I contatti di riferimento sono:

  • il Gestore dei Servizi Energetici, che bisogna contattare nel momento in cui si sceglie di allacciare l’impianto alla rete per beneficiare di diversi servizi come “Scambio sul posto” e “Ritiro dedicato”;
  • Il proprio distributore di energia elettrica, quando è previsto l’allaccio alla rete;
  • L’Agenzia delle Entrate, perché mette a disposizione degli utenti vari tipi di detrazioni fiscali.

Fotovoltaico fai da te: i vantaggi

Sono numerosi i vantaggi nello scegliere un impianto fotovoltaico domestico: il risparmio del 30% sulla bolletta, e quando si tratta di fotovoltaico fai da te i costi si riducono ulteriormente proprio perché ogni scelta può essere seguita personalmente; non serve un’equipe di professionisti, bastano due persone per montare in 30 minuti un sistema completamente funzionante. L’impianto è totalmente green, perché l’energia solare è una fonte rinnovabile. Il fotovoltaico fai da te, se gestito con competenza e precisione, è sicuramente la soluzione più economica e sostenibile per realizzare il proprio impianto fotovoltaico per uso domestico.