Cessazione Amministrativa Contatore Enel Clienti Morosi

Info contatori luce gasInfo contatori luce gas

Info Attivazione Contatore, Allaccio e Voltura luce e gas

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 20 e il sabato dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18.

Hai appena acquistato una casa e il contatore è stato chiuso per problemi di morosità? L'inquilino che viveva nel tuo appartamento ha lasciato degli insoluti per quel che riguarda le utenze di luce e gas? Se il fornitore è Enel, qui trovi tutti i consigli su come fare richiesta per la cessazione amministrativa e quale documentazione dovrai presentare al gestore.


enel morosi

Cos'è la cessazione amministrativa?

 

La cessazione amministrativa è una chiusura, con conseguente risoluzione, di un contratto di fornitura di energia elettrica o gas metano. Ai sensi dell'art. 16 Deliberazione 29 luglio 2004, n. 138/04, il fornitore può avviare la pratica per la cessazione amministrativa nel caso in cui il cliente moroso lascia la casa e il nuovo affittuario deve subentrare al contatore chiuso per mancati pagamenti. Una volta fatta la chiusura amministrativa, dalla data specificata dal gestore, il contatore potrà essere riattivato a nome di un nuovo intestatario (che non deve avere nessun legame di parentela con il precedente intestatario moroso).

Solitamente, se è trascorso parecchio tempo dalla sospensione della fornitura per morosità, Enel può richiedere la cessazione amministrativa del punto di prelievo. In questo caso, per riattivare il contatore, il cliente dovrà sottoscrivere un nuovo contratto, sostenendo nuovamente i costi di apertura.

Quando Enel può richiedere la cessazione amministrativa del contatore?

L’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico ha stabilito, per legge, che:

“Nei casi in cui l’intervento di Chiusura del punto di riconsegna per sospensione della fornitura per morosità di cui all’Articolo 6 sia stato eseguito con esito positivo, qualora l’esercente la vendita abbia risolto per inadempimento il contratto con il cliente finale, l’utente del servizio di distribuzione può estinguere la propria responsabilità di prelievo presso il punto di riconsegna corrispondente al contratto risolto richiedendo all’impresa di distribuzione la Cessazione amministrativa per morosità relativa ad un punto di riconsegna disalimentabile.”

Così come espresso dalla Delibera dell’Autorità, il fornitore ha diritto a procedere con una cessazione amministrativa, nel momento in cui il cliente è moroso e i debiti da parte di questo non vengono saldati nei tempi previsti. Se il cliente si ostina a non pagare, nonostante i ripetuti solleciti di pagamento e la diffida legale da parte di Enel, il fornitore può sospendere la fornitura di energia elettrica e gas e il nuovo inquilino potrà richiedere una cessazione amministrativa.

In caso di cessazione amministrativa per morosità, avvenuta per impossibilità di interruzione dell’alimentazione del punto di riconsegna, Enel deve trasmettere al distributore locale la seguente documentazione:

  • copia delle fatture non pagate
  • copia della documentazione relativa alla costituzione in mora
  • copia della risoluzione del contratto con il cliente moroso
  • copia del contratto di fornitura o dell’ultima bolletta pagata
  • documento di sintesi con l’ammontare del credito insoluto

Il cliente può chiedere la cessazione amministrativa del contatore?

enel morosi

Puoi chiedere la cessazione?

Il proprietario dell’immobile ha diritto a chiedere una cessazione amministrativa sul contatore moroso. È importante che venga comunicato a Enel, per fax o email, che il nuovo inquilino non ha nessun legame di parentela con il cliente moroso e allegare la copia del contratto di affitto o l’atto di proprietà della casa. A questo punto, sarà Enel a comunicare la richiesta di cessazione amministrativa al distributore locale.

L’Autorità si esprime anche su come il cliente può procedere una volta richiesta la cessazione amministrativa:

“A seguito di avvenuta Cessazione amministrativa per morosità relativa ad un punto di riconsegna disalimentabile la fornitura può essere attivata tramite una richiesta di accesso per attivazione ai sensi delle disposizioni di cui all’articolo 13 della deliberazione n. 138/04.”

Devi riattivare le utenze di luce e gas?Chiama lo 010 848 01 61 (lun-ven dalle 8:30 alle 20 e sab dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18) oppure utilizza il servizio di richiamata gratuita.

Cessazione amministrativa del gas: ma il contatore è all'interno dell'abitazione

Nel caso in cui il contatore del gas si trovi all’interno dell’abitazione, il distributore locale non avrà la possibilità si sospendere il servizio. Enel ha comunque diritto ad avviare la pratica per la cessazione amministrativa però in questo caso non può intervenire materialmente per sospendere la fornitura di gas. Se il cliente moroso si trova in una situazione di questo tipo, il gas viene comunque erogato ma il cliente non ha un contratto di fornitura: in questo caso si parla di servizio di default (è temporaneo e ha una durata massima di sei mesi). Si tratta di una condizione particolare in cui il gas viene comunque erogato anche se il cliente non ha un contratto di fornitura. In questi casi, la fornitura di gas viene assegnata ad uno specifico fornitore selezionato dall’Acquirente Unico attraverso gara: questo opera secondo quanto stabilito dall’Autorità, anche per quanto riguarda le condizioni economiche da applicare.

Fatta la cessazione amministrativa, cosa fare: voltura o subentro?

Ti stai trasferendo in una casa in cui il fornitore ha applicato la cessazione amministrativa? Quali pratiche devi svolgere?

  1. Secondo la delibera 398/14 dell'Autorità, una volta richiesta la cessazione amministrativa del contratto, il cliente può richiedere un normale subentro, cioè l’apertura di un nuovo contratto per la riattivazione del contatore, poichè si tratta di una situazione in cui sia il contratto che il contatore sono chiusi.
  2. Nel caso in cui il contatore sia solo sospeso (ma il contratto non è chiuso), il cliente dovrà fare richiesta di voltura, come “Acquisizione di un punto di prelievo attivo da parte di un cliente finale”. Quindi il cliente dovrà richiedere la voltura al fornitore con cui il contatore era precedentemente attivo (in questo caso Enel Energia): però se il fornitore rifiuta la voltura potrai richiedere l'attivazione al fornitore di tua scelta. Tutto questo perchè i fornitori hanno rifiutato le richieste di subentro sui POD morosi, perché il POD sospeso per morosità è comunque un punto di prelievo attivo.

Fai la voltura delle utenze!

Con Enel Energia i costi legati alla voltura sono di 27,03€ di oneri amministrativi e 23€ di contributo fisso, stessa cosa per il subentro. È possibile che venga richiesta al cliente anche il pagamento di un bollo di 16€, come previsto dalla normativa fiscale. Una volta effettuata la richiesta di voltura e pagati i costi ad essa legati, dopo circa due settimane il contratto sarà intestato al nuovo inquilino, che potrà cambiare fornitore e aderire all’offerta che si avvicina di più alle proprie esigenze.

Con Servizio Elettrico Nazionale, ex Enel Servizio Elelttrico, invece, il costo è stabilito direttamente dall’Autorità: il cliente andrà quindi incontro ad una spesa di 27,03 € di oneri amministrativi, 23 € di contributo fisso e 16,00 € per l’imposta di bollo. Per il gas invece, i costi amministrativi e commerciali, sia per la voltura che per il subentro, variano in base alle condizioni espresse nel contratto di fornitura.

I contatti di Enel

Se Enel Energia è il tuo fornitore, potrai contattarlo direttamente ai seguenti recapiti:

  • numero verde gratuito 800 900 860
  • numero dall'estero +39 06 64 511 012
  • accedendo all'Area Clienti del sito internet www.enelenergia.it

Se invece sei un cliente attivo nel servizio tutelato e il tuo fornitore è Servizio Elettrico Nazionale (ex Enel Servizio Elettrico), i recapiti sono i seguenti:

  • numero verde gratuito 800 900 800
  • numero a pagamento da rete mobile 199 50 50 55
  • numero dall'estero +39 02 301 720 11
  • all'indirizzo di posta: Servizio Elettrico Nazionale (ex Enel Servizio Elettrico) - Casella postale 1100 – 85100 Potenza
aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche