Per info su attivazione luce e gas

010 848 01 61 Richiamata gratuita

I Rimborsi Luce Gas definiti dall'ARERA

confronto luce e gas

Vuoi cambiare fornitore?

Contattaci per conoscere le migliori offerte luce e gas dei principali fornitori  .

Vuoi cambiare fornitore?

I nostri call center sono momentaneamente chiusi. Confronta le offerte sul comparatore o compila il form per essere ricontattato.

Il sistema di regolazione della qualità commerciale, per la distribuzione e misura di energia elettrica e gas prevede rimborsi automatici da accreditare ai clienti in caso di ritardi oppure disservizi. Le disposizioni emanate indicano il tempo standard entro il quale deve essere eseguito un servizio, ecco tutti i casi in cui è previsto il rimborso in bolletta per il cliente finale.

doppia fatturazione

Rimborso energia e gas per ritardo allaccio

In questa pagina trovi il rimborso previsto per il ritardo nell'attivazione di luce o gas.

Il rimborso per ritardo nella risposta al reclamo e doppia fatturazione

L'Autorità ha specificato degli standard specifici che devono essere rispettati dalle società che riguardano le seguenti attività:

Se il fornitore o il distributore non rispetta gli standard per la prestazione richiesta, il cliente deve ricevere un rimborso automatico, previsto solamente in alcuni casi.
Nella tabella sono indicati il tempo standard, riferito a partire dal ricevimento della richiesta, e l'importo degli indennizzi da accreditare al cliente nella prima bolletta utile.

Prestazione Tempo standard Indennizzo automatico previsto
Entro il doppio del tempo Entro il triplo del tempo Oltre il triplo del tempo
Risposta al reclamo scritto 40 giorni solari 20 € luce - 25 € gas 40 € luce - 50 € gas 60 € luce - 75 € gas
Rettifica fatturazione 90 giorni solari non comporta indennizzo
Rettifica doppia fatturazione
(cambio di fornitore)
20 giorni solari 20 € 40 € 60 €
Richiesta d'informazioni 30 giorni solari non comporta indennizzo

I rimborsi per il servizio di energia elettrica

Nella tabella seguente trovi il tempo standard ed il rimborso previsto per ciascuna operazione riferiti a clienti domestici e produttori in bassa tensione (BT).

Ricordiamo che il tempo standard indicato in tabella è riferito dalla data in cui il distributore riceve la richiesta del servizio. Esso non comprende quindi il tempo necessario per la comunicazione poiché spesso il cliente invia la richiesta al fornitore, che a sua volta la deve trasmettere al distributore.

Ad esempio, nel caso di attivazione di fornitura, il fornitore deve trasmettere la tua richiesta entro 2 giorni lavorativi al distributore, il quale deve procedere all'attivazione entro 5 giorni lavorativi (tempo standard) dalla data di ricevimento della richiesta.

Prestazione Tempo standard Indennizzo automatico previsto
Entro il doppio del tempo Entro il triplo del tempo Oltre il triplo del tempo
Preventivazione per lavori sulla rete 20 giorni lavorativi 35 € 70 € 105 €
Allacciamento: esecuzione di lavori semplici 15 giorni lavorativi
Attivazione fornitura 5 giorni lavorativi
Disattivazione fornitura su richiesta del cliente 5 giorni lavorativi
Riattivazione fornitura in seguito a sospensione per morosità 1 giorno feriale
Ripristino della fornitura in seguito a guasto del contatore 3 o 4 ore *
Variazione di potenza con lavori semplici 15 giorni lavorativi
Spostamento contatore 15 giorni lavorativi 35 € 70 € 105 €
Comunicazione dell’esito della verifica del contatore 15 giorni lavorativi
Sostituzione contatore 15 giorni lavorativi
Comunicazione dell’esito della verifica della tensione 20 giorni lavorativi 35 € 70 € 105 €
Ripristino del valore corretto della tensione di fornitura 50 giorni lavorativi
Fascia di puntualità per appuntamenti con il cliente 2 ore 35 € Non applicabile Non applicabile
* 3 ore se la richiesta è effettuata in giorni lavorativi dalle ore 8.00 alle ore 18.00, 4 ore negli altri orari

I rimborsi per il servizio gas

Nella tabella seguente trovi il tempo standard ed il rimborso previsto per ciascuna operazione effettuata in ritardo per il servizio gas.

Ricordiamo che il tempo standard indicato in tabella è riferito dalla data in cui il distributore riceve la richiesta del servizio. Esso non comprende quindi il tempo necessario per la comunicazione poiché spesso il cliente invia la richiesta al fornitore, che a sua volta la deve trasmettere al distributore.

Prestazione Tempo massimo di esecuzione Indennizzo contatori fino a G6 (domestici)
entro il doppio del tempo *
Indennizzo contatori da G10 a G25
Preventivi lavori semplici 15 giorni lavorativi 35 € 70 €
Preventivi lavori complessi 30 giorni lavorativi
Esecuzione lavori semplici 10 giorni lavorativi dall'accettazione preventivo
Esecuzione lavori complessi 60 giorni lavorativi Non previsto Non previsto
Attivazione fornitura 10 giorni lavorativi 35 € 70 €
Disattivazione fornitura su richiesta del cliente 5 giorni lavorativi
Riattivazione fornitura in seguito a sospensione per morosità o pericolo 2 giorni feriali
Verifica del contatore su richiesta del cliente 20 giorni lavorativi 35 € 70 €
Sostituzione del contatore guasto 5 giorni lavorativi
Verifica della pressione di fornitura 10 giorni lavorativi 35 € 70 €
Ripristino pressione conforme 1 giorno solare
Fascia di puntualità per appuntamenti 2 ore 35 € 70 €
Lettura del contatore dipende da utenza e contratto ** 35 € 35 €
** per i clienti domestici nel mercato tutelato almeno un tentativo all'anno con intercorrenza tra un tentativo e l'altro di minimo 6 mesi e massimo 13

* Per utenze domestiche se l'operazione avviene entro il triplo del tempo stabilito il rimborso è di 70 euro, mentre se viene eseguita oltre il triplo del tempo sale a 105 euro.

Quando e come viene versato il rimborso?

L'indennizzo deve essere accreditato al cliente nella prima bolletta utile. Se l'importo della stessa bolletta è inferiore al rimborso, la differenza deve essere sottratta dalle bollette successive oppure inviata in altro modo con un assegno o un bonifico.
In ogni caso il cliente deve ricevere l'indennizzo entro 8 mesi dalla data in cui il fornitore ha ricevuto il reclamo scritto o la richiesta di rettifica.

I casi in cui non è previsto il rimborso per i ritardi

il fornitore non è tenuto a pagare il rimborso al cliente nei seguenti casi:

  • Il non rispetto dello standard previsto è dipeso da cause di forza maggiore come atti dell'autorità pubblica, eventi naturali eccezionali, scioperi senza preavviso...
  • Il non rispetto dello standard previsto è dipeso da cause da imputare al cliente o a terzi
  • Nell'ultimo anno è già stato pagato un rimborso per lo stesso motivo
  • Nel reclamo non sono presenti le informazioni minime richieste per identificare il cliente
  • In caso di reclamo per interruzione della fornitura prolungata o estesa