Per info su serbatoi GPL

011 196 201 84 Chiedi preventivo

Tu sei qui

Agip: la prima compagnia petrolifera italiana

Info serbatoi e GPL

011 196 201 84

Preventivo gratuito

Agip è la prima compagnia petrolifera italiana nata nel 1926 con il compito di svolgere tutte le attività dell'industria e della ricerca petrolifera e del commercio dei prodotti derivanti dal greggio. Agip venne poi incorporata definitivamente in Eni alla fine degli anni '90.

Agip è l'acronimo di Azienda Generale Italiana Petroli, un ente pubblico nato nel lontano 1926. Il suo campo operativo spaziava dall'esporazione petrolifera, alla produzione e distribuzione di prodotti come benzine, gasolio e oli lubrificanti. Il logo del cane a sei zampe accanto ad Agip compare quando la società viene inglobata in Eni.
Il marchio è noto nel settore della ditribuzione GPL e dalle stazioni di servizio carburanti. Ecco la storia di Agip, del suo marchio e dei forti legami con Eni.


Bombole e serbatoi GPL per riscaldamento Agip

Fino a qualche anno fa Agip era la società del gruppo Eni che gestiva il settore della distribuzione del GPL nelle zone dove non arriva il gas metano. Attualmente il marchio che opera nel settore GPL del gruppo è Eni gas gpl.
Per le utenze che non hanno accesso alla rete del gas di città il GPL è un'ottima alternativa per il riscaldamento delle case, l'uso in cucina e l'acqua calda. Per bassi consumi il GPL viene stoccato in bombole mentre quando i consumi sono superiori viene installato un serbatoio più grande, interrato o fuori terra. 
Per informazioni su un serbatoio GPL per la tua casa o per un'attività puoi contattare lo 011 196 201 84   o richiedere un preventivo gratuito.

La storia di Agip inizia nel 1926

logo agip

Due anni prima della nascita di Agip ci fu uno scandalo per un accordo siglato tra l'Italia e la Sinclair, una compagnia petrolifera statunitense a cui era stata concessa l'attività pluriennale di ricerche petrolifere nel nostro paese. A quel tempo il carbone utilizzato per la produzione di energia elettrica veniva importato dall'estero, poiché il carbone proveniente dai nostri giacimenti era esiguo e di scarsa qualità.
In questo contesto, per cercare un'indipendenza energetica nazionale, venne costituita l'Agip, attraverso un regio decreto-legge.
L'ente pubblico formalmente nasce come società per azioni, il cui capitale è controllato al 60% dal Ministero per il Tesoro, per il 20% dall'INA, Istituto nazionale delle assicurazioni e per il restante 20% dalle assicurazioni sociali.

Quali erano le attività di Agip?

L'azienda aveva il compito di svolgere tutte le attività relative all'industria e al commercio dei prodotti petroliferi. La produzione di Agip include diversi sottoprodotti derivanti dalla distillazione o raffinazione del greggio:

  • benzine e gasolio;
  • GPL e olio combustibile;
  • oli lubrificanti;
  • bitumi e grassi.

Nel corso del tempo Agip inizia lo sviluppo di piccoli campi petroliferi e la realizzazione di raffinerie. Grazie all'attività di esplorazione, verranno scoperti i primi giacimenti di gas naturale, nel sottosuolo in Italia e anche all'estero, in Libia. Passato il periodo della seconda guerra modiale, l'Agip avrebbe dovuto essere liquidata, tuttavia grazie ad Enrico Mattei, la società venne invece riorganizzata, con future prospettive di una crescita anche nel mercato internazionale.

Lo stretto legame di Agip con Eni

Nel 1953 viene fondato l'Ente Nazionale Idrocarburi, con il primo presidente Enrico Mattei. L'obiettivo di Eni era appunto quello di proseguire le attività di ricerca e sviluppo avviate dall'Agip fin dalla sua nascita.
Agip ha rappresentato quindi la colonna portante di Eni, che successivamente ha inglobato le attività nella propria Divisione esplorazione & produzione. Eni svilupperà la propria strategia nel mercato sia in Italia sia all'estero, diventando l'importante multinazionale che è oggi.

Il famoso logo del cane a sei zampe del gruppo Eni, è presente accanto la scritta di Agip nei prodotti e in tutte le stazioni di servizio. Negli anni 2000, in seguito alla privatizzazione e alla quotazione in borsa di Eni, è stato indispensabile un rinnovo anche nella politica di comunicazione. In un secondo momento, nel 2009 viene deciso di cancellare il nome Agip dalle oltre 4.000 stazioni di servizio, mantenendo comunque il classico cane a sei zampe.

Aggiornato il