Tu sei qui

Sostituzione caldaia: detrazione, prezzi e incentivi statali

Info manutenzione e risparmio gas

010 848 01 61

Info risparmio bolletta

Devi effettuare una sostituzione della caldaia perché sta dando problemi? Ecco il prezzo delle caldaie a condensazione e come fare per richiedere il bonus per le agevolazioni fiscali per la sostituzione caldaia.

La sostituzione della caldaia

La tua caldaia è stata installata tanto tempo fa ed inizia a dare problemi? Forse è arrivato il momento di cambiarla con un nuovo modello, più sicuro e più efficiente. Lo Stato prevede degli incentivi per la sostituzione degli impianti termici, che sono stati prorogati per tutto il 2018. L'installazione di una caldaia a condensazione comporta diversi vantaggi: una diminuzione dei consumi e quindi della spesa in bolletta e delle emissioni inquinanti. Ecco quali sono i prezzi per una nuova caldaia a gas a condensazione e per l'installazione.  Scopri come fare la richiesta per l'agevolazione fiscale al 65% o al 50%.


Qual è il bonus per l'agevolazione della sostituzione caldaia?

Info caldaie

010.848.01.61

Tra gli interventi volti a migliorare l'efficienza energetica degli edifici esistenti, c'è anche la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale. Lo strumento prevede una detrazione fiscale dall'Irpef (imposta sul reddito delle persone fisiche) o dall'Ires (imposta sul reddito delle società), spalmata in 10 quote annuali. È il cosiddetto ecobonus, per la riqualificazione energetica degli edifici. La detrazione comprende tutta la spesa effettuata, sia per l'acquisto della nuova caldaia, sia per il costo di installazione. Fino al 31 dicembre la detrazione prevista per sostituire il vecchio generatore era al 65%. Ecco la legge di bilancio 27 dicembre 2017, n. 205, che ha prorogato le detrazioni per tutto il 2018. Da gennaio 2018 la detrazione è passata al 50% per caldaie a condensazione e a biomassa, infissi e schermature solari.

Le detrazioni fiscali previste in questo campo sono:

  • al 50% per la sostituzione del proprio impianto con caldaia a condensazione, almeno di classe A
  • al 50% per le spese sostenute per caldaie a biomassa
  • al 65% per l'installazione di una caldaia a condensazione in classe A in abbinamento a sistemi di termoregolazione evoluti in classe V, VI o VIII
  • al 50% per l'acquisto di infissi e l’installazione delle schermature solari
  • al 65% per l'installazione di sistemi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione di classe A
  • al 65% per l'acquisto di pompe di calore ad alta efficienza (aria-acqua, aria-aria, geotermiche)

Per beneficiare della detrazione superiore al 65%, sarà necessario integrare alla caldaia un sistema di termoregolazione inteligente. Ma cosa si intende con tale definizione?
Il dispositivo deve essere modulante e non con una regolazione per accensione/spegnimento. Inoltre il sistema deve essere dotato ad esempio di un termostato elettronico con uno o più sensori ambientali.

L'installazione di caldaie a condensazione con efficienza inferiore alla classe A non dà diritto all'agevolazione fiscale.

Una novità del bonus 2018 è l'agevolazione prevista per l'acquisto e l'installazione di micro-cogeneratori (fino a 50 kWel) in sostituzione di impianti già esistenti. La detrazione ha un tetto massimo pari a 100.000 euro ed è fruibile solo se il risparmio di energia primaria è pari almeno al 20%.

Detrazione fiscale per la caldaia del condominio

Anche per ciò che riguarda i condomini sono state confermate le agevolazioni fiscali fino al 31 dicembre del 2021. Per i lavori che migliorano l'efficienza eseguiti su parti conumi dell'edificio la detrazione è al 70% e al 75%, in base al risparmio conseguito.
Per quanto riguarda l'installazione delle caldaie, la detrazione è diminuita, così come per le case singole:

  • al 50% per la sostituzione del proprio impianto con caldaia a condensazione, di classe A
  • al 65% per l'installazione di una caldaia a condensazione in classe A in abbinamento a sistemi di termoregolazione evoluti in classe V, VI o VIII

Il bonus aumenta all'80% o all'85% se gli interventi riducono contemporaneamente il consumo energetico e il rischio sismico.

Manutenzione e sostituzione caldaia: offerte gas e servizi aggiuntivi dei fornitori

Per la sostituzione della caldaia o per la sua manutenzione puoi affidarti ad alcuni fornitori gas che offrono, tra le loro proposte, proprio queste tipologie e di servizi. Uno dei tanti vantaggi del Mercato Libero, infatti, è che puoi scegliere una tariffa che, oltre alla fornitura, ti offra dei servizi aggiuntivi come manutenzione e sostituzione caldaia, installazione impianti di climatizzazione, kit di lampadine per il risparmio energetico e tanto altro. Tra questi, En, Iren e Bluenergy propongono diversi pacchetti a seconda delle tue esigenze

Fornitore Tariffe e vantaggi  Maggiori info
sostituzione caldaia eni
Caldaia no stress
  • Eni Gas e Luce offre un preventivo gratuito per l'installazione o la sostituzione della caldaia.
011 1962 1333
sostituzione caldaia iren
Casa senza pensieri
  • Manutenzione programmata caldaia: 1 intervento completo e annuale di manutenzione periodica programmata della caldaia che incluede il controllo della funzionalità; la pulizia delle componenti incluso il controllo completo dei fumi  e la certificazione dell'intervento;
  • Assistenza personalizzata per la casa: 3 interventi per i guasti di casa, pezzi di ricambio e uscita del tecnico. 
011 1962 1444
sostituzione caldaia bluenergy
Bluenergy Assistance
  • Permette ai clienti di usufruire di un servizio di manutenzione della caldaia, pagando il servizio in comode rate in bolletta: il servizio, riservato a privati, include la reperibilità di un tecnico specializzato 24 ore su 24, 7 giorni su 7.
Sito Bluenergy

Chi contattare per la sostituzione e quando cambiare la caldaia?

Le caldaie sono apparecchi che hanno una vita utile di oltre 10 anni e possono anche arrivare anche oltre i 20 anni, se manutenute con adeguata cura. Quando occorre un guasto alla caldaia, spesso il problema può essere risolto con un intervento o con la sostituzione di un pezzo malfunzionante.
Se la caldaia non può essere riparata in alcun modo è giunto il momento di sostituirla. Solamente un tecnico esperto potrà indicarti se è necessaria o meno la sostituzione. Per farlo puoi contattare il tecnico della ditta che ha effettuato l'installazione oppure rivolgerti ad un'altra ditta specializzata e abilitata. Ti consigliamo di chiedere diversi preventivi per poi valutare la scelta migliore.

Quanto costa la sostituzione della caldaia?

Il prezzo di una caldaia a gas a condensazione per una casa parte da circa 500-600 euro (potenza ca 24 kW) e arriva fino a 1500-2000 euro (potenza ca 32 kW). Il prezzo tuttavia può arrivare anche a cifre più elevate, intorno a 4-5000 euro per modelli più sofisticati. 

La sostituzione di una caldaia obsoleta con un nuovo modello più efficiente può portare ad un risparmio di oltre il 20% sulla spesa del gas.

Oltre al consumo di gas potresti abbassare anche il prezzo dell'offerta gas con un altro gestore. Per maggiori informazioni sulle migliori tariffe del gas puoi contattare lo 010 848 01 61   o utilizzare il servizio di richiamata gratuita.

L'installazione di un impianto termico deve essere effettuata da un tecnico specializzato di una ditta abilitata ad eseguire tali operazioni. Anche il costo di installazione dipende dai lavori che devono essere eseguiti riguardo sia l'installazione della caldaia, con eventuale smontaggio e smaltimento della vecchia, sia le tubazioni di scarico dei fumi e della condensa. La spesa totale per l'installazione di una caldaia si aggira intorno ai 300-500 euro. Una volta installata la caldaia sarà necessaria la redazione da parte del tecnico installatore del libretto caldaia, obbligatorio per legge. Nel libretto sono contenute tutte le informazioni tecniche del sistema di riscaldamento della casa e tutti i futuri controlli relativi alla manutenzione.

Aggiornato il