Tu sei qui

Canone Rai in bolletta: chi non deve pagarlo, quando e come chiedere l'esonero

...

Come non ricevere il canone Rai in bolletta

Vuoi chiarimenti sul canone Rai in bolletta? Puoi chiamare il numero dedicato 800.938.362 per esporre ogni tuo dubbio!

Chi non possiede la TV o chi non è tenuto a pagare il canone Rai in bolletta da oggi può comunicarlo all'Agenzia delle Entrate con l'apposito modello di autocertificazione sostitutiva oppure tramite la piattaforma web disponibile dal prossimo 4 Aprile.

La pubblicazione del modello per l'autocertificazione di non detenzione della televisione fa luce su alcuni dei dubbi sollevati dalla nuova modalità di pagamento del canone Rai

  • Modello autocertificazione di non possesso della TV
    Dichiarazione sostitutiva per la richiesta di esonero dal pagamento del canone Rai
    Clicca qui per scaricare il modello

Da marzo 2017 sono cambiate le modalità di esonero dal pagamento del Canone Rai: infatti, l'Agenzia delle Entrate ha stabilito che la dichiarazione sostitutiva per fare domanda di esenzione potrà essere presentata ogni giorno dell’anno. Inoltre sarà possibile indicare la data a decorrere dalla quale sussiste il contenuto nella dichiarazione ai fini della cessazione del pagamento, oltre all'introduzione di un nuovo quadro per le variazioni dei dati presentati nei documenti precedenti.

Chi deve presentare la dichiarazione sostitutiva?

1. Chi è titolare del contratto luce per uso residenziale, ma non ha la Tv

L'autocertificazione di non possesso della Tv per l'esonero dal canone Rai in bolletta luce va compilata dai soggetti non possessori dell'apparecchio televisivo e titolari di un contratto di fornitura elettrica con tariffa D2 per residenti. Questi dovranno compilare il QUADRO A del modello. 

...

2. Chi negli anni passati ha ottenuto il suggellamento della Tv

Se negli anni precedenti hai richiesto ed ottenuto la cessazione dell'abbonamento Rai per suggellamento del televisore, dovrai inviare la dichiarazione sostitutiva per autocertificare di non possedere un'ulteriore Tv oltre a quella per cui hai richiesto la chiusura.

E se voglio richiedere nuovamente il suggellamento? Non puoi! Da quest'anno, la normativa esclude la possibilità di porre sigilli al televisore per ottenere l'esonero dal pagamento del canone Rai.

3. Titolari di utenze elettriche separate, ma con stesso nucleo familiare

Vi ricordate il caso di Alessandra e Giuseppe? Marito e moglie titolari di utenze elettriche residenziali separate, ma costituenti un unico nucleo familiare. In questo caso, uno dei due dovrà inviare la dichiarazione (compilando il QUADRO B del modello) per ottenere l'esonero dal pagamento, e versare così un solo canone Rai.

In tal caso, l'autocertificazione indicherà che:

"...il canone non deve essere addebitato in alcuna delle utenze elettriche intestate al dichiarante in quanto il canone è dovuto in relazione all'utenza elettrica intestata ad altro componente della stessa famiglia anagrafica".

Per approfondire... Chi deve pagare il canone Rai, quanto si paga e quali sono i casi particolari: tutto sul Canone Rai in bolletta!

Cos'è la dichiarazione sostitutiva di variazione dei presupposti?

E se decidessi di comprare una Tv dopo aver inviato l'autocertificazione di non possesso? In quel caso, sei tenuto ad inviare tempestivamente la dichiarazione sostitutiva di variazione dei presupposti. In quest'ultima, sarà necessario indicare nell'apposito campo la data di presentazione della precedente dichiarazione.

L'autocertificazione sostitutiva di variazione dei presupposti ha effetto dal mese in cui viene presentata.

Come inviare il modello dell'esonero dal canone?

Sono previste due modalità di invio.

Invio cartaceo

con raccomandata in foglio (senza busta)

Agenzia delle entrate - Ufficio Torino 1

Sportello abbonamenti TV - Casella postale 22

10121, Torino

Invio tramite piattaforma web 

attiva dal 4 aprile

Entro quando inviare la dichiarazione sostitutiva per l'esonero dal canone Rai?

Per quest'anno, la dichiarazione sostitutiva va inviata con mezzo raccomandata entro il 16 maggio 2016, mentre per via telematica entro e non oltre il 10 maggio 2016. La dichiarazione avrà effetto per l'anno in corso e dovrà essere ripresentata gli anni successivi.

Invece, le dichiarazioni inviate:

  • dal 1° maggio 2016 ed entro il 30 giugno 2016 e in via telematica dall'11 maggio 2016 al 30 giugno 2016 varranno per il canone dovuto nel semestre luglio-dicembre 2016.
  • dal 1° luglio 2016 ed entro il 31 gennaio 2017 avvranno validità per l’intero canone Rai dovuto nell’anno 2017.

Per il 2017 e gli anni successivi

La dichiarazione per l'esonero dal canone Rai andrà ripresentata a partire dal 1° luglio ed entro il 31 gennaio dell’anno di riferimento stesso. Ad esempio, per ottenere la validità della dichiarazione di esenzione nell'anno 2018, la stessa deve essere inviata dal 1°luglio 2017 entro il 31 gennaio 2018. Mentre, restando sempre nello stesso esempio,se si invia l'autocertificazione di non possesso tra il 1° febbraio 2018 ed il 30 giugno 2018, l'esonero avrà validità per il semestre luglio-dicembre 2018. E così declinato per i vari anni di interesse del canone Rai. 

I termini di invio nel caso di un nuovo contratto luce uso residente

Se in corso d'anno attivi per la prima volta una fornitura di energia elettrica, sempre ad uso domestico residenziale, dovrai presentare l'autocertificazione per l'esonero dal canone entro la fine del mese successivo alla data di attivazione della fornitura stessa. In tal modo, la dichiarazione relativa al non pagamento dell'abbonamento rai avrà effetto dall'attivazione della fornitura e validità fino al 31 dicembre dello stesso anno.

Assicurati di non pagare troppo in bolletta: falle fare un check-up!

...

Commenti