Recovery Plan: Stop al Canone Rai in Bolletta dal 2022? Le prime info

confronto luce e gasconfronto luce gas

Confronta le offerte Luce e Gas e risparmia 150€ all'anno!

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

Stop Canone Rai Bolletta.
Il PNRR del governo Draghi potrebbe segnare lo stop al canone Rai in bolletta.

Una controrivoluzione clamorosa: secondo indiscrezioni di stampa, nel Recovery Plan del Governo Draghi sarebbe prevista l’abolizione del canone Rai in bolletta a partire dal 2022. Scopriamo tutti i dettagli.


Se confermata, l’iniziativa avrebbe del clamoroso. Secondo quanto riportato dall’edizione di sabato 8 maggio 2021 del Messaggero, il Recovery Plan del governo Draghi avrebbe intenzione di modificare la modalità di pagamento del canone Rai. Non più nella bolletta della luce, quindi, ma presumibilmente in un documento separato, come avveniva prima della riforma voluta dal governo Renzi nel 2016.

Cerchiamo di capire meglio la natura di questa iniziativa, che per ora è comunque solo una ipotesi e non ha il carattere dell’ufficialità.

Seguici su Telegram per rimanere sempre aggiornato!Se vuoi essere sempre aggiornato sui temi caldi del mercato luce e gas, entra a far parte del nostro canale Telegram. Clicca qui per unirti al canale! Per farlo, devi aver installato sul tuo smartphone iOS o Android - oppure su PC - l'applicazione di Telegram.

Stop al Canone Rai in bolletta: inizia la controrivoluzione

Il Messaggero la chiama “controrivoluzione”, e in effetti è proprio così che potrebbe essere intesa l’iniziativa inserita nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza, noto anche come Recovery Plan.

Nei provvedimenti presentati al Parlamento e alla Commissione europea, viene prevista una iniziativa che specifica il nuovo metodo di riscossione del canone della televisione. In particolare, entro il 2022 dovrà essere emanata una legislazione secondaria dedicata al settore dell’energia. E tra gli interventi segnalati c’è anche il seguente:

L’eliminazione dell’obbligo per i fornitori di riscuotere oneri estranei al settore energetico.

Il MessaggeroVia il canone della Rai dalle bollette

In altre parole, i fornitori non dovrebbero più includere nelle loro bollette l’importo del canone Rai, che al momento viene invece riscosso automaticamente (quando dovuto). Al momento, però, non è dato sapere se e quando questo provvedimento verrà preso in considerazione.

Cos’è il Piano Nazionale di ripresa e resilienza? Conosciuto anche come PNRR o Recovery Plan, prevede un corposo pacchetto di riforme che vanno a toccare alcuni tra gli ambiti più importanti della gestione dello Stato. Dalla pubblica amministrazione alla semplificazione normativa. Il totale degli investimenti previsti per portare a termine queste iniziative è di circa 222,1 miliardi di euro. Per entrare nei dettagli, leggi il Piano nazionale di ripresa e resilienza nella versione aggiornata al 25 aprile 2021.

Come cambierebbe la riscossione dal canone dopo il PNRR?

Al momento è difficile stabilire se e come verrà attuata l’operazione di “restaurazione” del canone Rai, con l’eliminazione dell’importo dalle bollette della luce. Prima del 2016, in ogni caso, la modalità di pagamento predefinita era costituita dal classico bollettino postale prestampato.

In termini generali, entro la fine dell’anno si riceveva una missiva dell’Agenzia delle Entrate che includeva appunto il bollettino, da pagare entro il 31 gennaio dell’anno seguente. In alternativa, era possibile corrispondere la cifra dovuta in forma semestrale (entro il 31 gennaio e il 31 luglio), oppure trimestrale (a fine gennaio, aprile, luglio e ottobre). In quest’ultimo caso, era necessario utilizzare i bollettini contenuti nel c.d. “Libretto di iscrizione alla televisione”.

Il bollettino poteva essere pagato tramite uno tra i seguenti canali:

  • Uffici postali;
  • Tabaccherie e ricevitorie affiliate a Lottomatica, Sisal e Banca ITB.

In alternativa, era possibile pagare tramite carta di credito attraverso telefono, bancomat o canali telematici. Per il momento, allora, non si può fare altro che attendere per capire quale forma verrà scelta per far sì che gli utenti paghino il canone separato dalla bolletta.

Il canone Rai potrebbe essere escluso dalla bolletta elettrica dal 2022.
Il PNRR potrebbe decretare lo stop al canone Rai in bolletta dal 2022 (immagine Rai)

La situazione attuale: come si paga il canone, chi non lo fa e perché

In attesa che venga sancita l’eliminazione del canone Rai dalla bolletta nel 2022, è bene ricapitolare la disciplina attuale. Al momento, il canone Rai (da intendersi come una vera e propria imposta sul possesso dei televisori) viene addebitato nella bolletta elettrica delle utenze domestiche. Il possesso dell'apparecchio televisivo viene presunto nel momento in cui è presente un contatore della luce nella casa di residenza.

A quanto ammonta il canone Rai nel 2021? Nel 2021 l’imposta per il possesso del televisore ammonta a € 90, con rate da € 9 al mese. L’importo viene indicato normalmente nella prima pagina della propria bolletta, a seconda del fornitore scelto.

Esistono in ogni caso delle situazioni nelle quali è possibile evitare di corrispondere l’imposta. Nell’articolo “Esenzione Canone Rai: invio modulo 2021”, ad esempio, spieghiamo quali sono i casi nei quali è possibile presentare la dichiarazione di esonero dal pagamento.

Il canone Rai si paga sulla seconda casa? Chi ha intestato due utenze della luce non è sempre costretto a pagare due volte l’imposta sul televisore. Se vuoi saperne di più, leggi lo speciale sul canone Rai per le seconde case.

Infine, l'imposta sul televisore è anche rimborsabile nei casi in cui non si era tenuti a pagarlo. Per sapere meglio come fare, leggi il nostro approfondimento sul rimborso del canone Rai.

aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche