Stati Generali, il Piano Conte per l'italia: investire nella Transizione Energetica

confronto luce e gasconfronto luce gas

Confronta le offerte e risparmia 150€ all'anno!

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 20 e il sabato dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18.

Conte punta alla transizione energetica
Villa Pamphilj: Conte punta alla transizione energetica per il futuro dell'Italia

Dal piano strategico per il rilancio del paese, il premier Conte ha presentato i nove punti di “Progettiamo il rilancio” in cui trova spazio un appunto sulla transizione energetica, all’interno delle cinquantacinque voci del progetto presentato in occasione degli Stati generali.


Uno dei primi punti presentati dal premier Conte in occasione degli Stati generali dell’economia, in corso a Roma nella splendida cornice di Villa Pamphilj, riguarda l’efficienza energetica del paese e la necessità di investire nella transizione energetica. All’interno dei 9 capitoli di “Progettiamo il rilancio”, sono 55 i punti attorno al quale ruotano le proposte per un paese più efficiente e produttivo a partire dalle infrastrutture, la sostenibilità e inclusività, il digitale e istituzioni moderne ed efficaci. Durante la prima giornata di lavori il premier Giuseppe Conte ha dato un segnale delle intenzioni del tavolo di discussione: Non vogliamo ripristinare lo status quo, ma migliorare il paese

Sempre aggiornato su Telegram Non perdere le ultime notizie e gli approfondimenti dedicati al mondo dell’energia sul nostro canale Telegram. Scarica l’app e segui il nostro canale.

Puntare sulla Transizione Energetica per un paese sostenibile

Tra i primi tre punti presentati dal premier Conte emerge la necessità di investire nella transizione energetica attraverso:

  • l’accelerazione della decarbonizzazione
  • l’avvio di progetti per le energie rinnovabili
  • l’attuazione del PNIEC (Piano integrato energia e clima)
  • la velocizzazione delle procedure di autorizzazione
Conte punta alla transizione energetica
Pannelli solari, eolico, rinnovabili e non solo per puntare alla transizione energetica

Riguardo all’avvio di progetti per le energie rinnovabili, un tema importante ha riguardato lo sviluppo della green economy e di incentivi a favore dell’economia circolare. A tale proposito si è discusso della creazione del “Parco solare Italia”, un progetto che prevede incentivi per l’installazione di pannelli fotovoltaici su edifici dedicati alla produzione agricola. Tra i progetti più interessanti finalizzati alla transizione energetica si sono discussi:

  • Indicatori per la finanza sostenibile
  • Bioeconomia
  • Made Green in Italy, il brand Italia sostenibile
  • attuazione delle direttive europee sull’economia circolare
  • attuazione della strategia europea Farm to fork nel settore agroalimentare
  • Zero Waste, il progetto che per usare i rifiuti come materia prima per nuove produzioni
  • Green Public Producement, la lotta agli sprechi alimentari
  • risanamento ambientale
  • Aria, acque interne e mari puliti, progetto in attuazione del Clean Air Dialogue efficientamento energetico del patrimonio pubblico.

Cosa sono gli Stati generali dell’economia Sono stati definiti “Stati generali dell’economia” una serie di incontri organizzati dal governo tra istituzioni, associazioni di categoria, sindacati e parti di governo con l’obiettivo di discutere e pianificare il rilancio economico dell’Italia dopo la crisi causata dalla pandemia Covid-19. Gli incontri si sono tenuti a Roma, a Villa Pamphilj e hanno generato molte polemiche all’interno della maggioranza e con le opposizioni di governo.

Transizione Energetica: di cosa si tratta?

Con transizione energetica si intende la necessità di un passaggio del consumo di energia, da modelli di consumo ad alto impatto ambientale a modelli più sostenibili attraverso l’uso di fonti rinnovabili. Un esempio importante per l’Italia di transizione energetica l'approvazione della dismissione della centrale di Brindisi, che segna l’avvio di un processo di decarbonizzazione. Proprio la decarbonizzazione e l’uso di nuove tecnologie finalizzate all’ottimizzazione dell’efficienza energetica rappresentano dei passi importanti verso una nuova economia più sostenibile.

Transizione Energetica in Italia: il punto di vista di Green Peace

Anche Green Peace Italia ha un’opinione precisa rispetto alla necessità di una transizione energetica nel mondo in generale e in Italia in particolare. Gli attivisti rivendicano con il progetto “Italia 1.5” la necessità di una rivoluzione energetica che viri totalmente verso energia rinnovabile e decarbonizzazione. Seguendo questo piano, l’Italia raggiungerebbe la quota di emissioni zero, rispettando gli accordi di Parigi e guadagnando in termini di vantaggi economici e occupazionali ma anche rispetto all’indipendenza della produzione energetica. I traguardi da raggiungere sono:

  • la decarbonizzazione totale entro il 2050
  • emissioni zero entro il 2040.
aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche