Coronavirus: le mosse Arera! Stop Distacchi Morosità fino al 13/4, Rateizzazione e Bolletta online più semplice

SicurinsiemeSicurinsieme

Risparmia sulle Bollette Luce e Gas con SicurInsieme!

Unisciti al Gruppo d'Acquisto SicurInsieme! Pre-iscrizione gratuita e nessun vincolo: più siamo, più risparmiamo!

SicurinsiemeSicurinsieme

Risparmia sulle Bollette Luce e Gas con SicurInsieme!

Unisciti Gruppo d'Acquisto SicurInsieme! Pre-iscrizione gratuita e nessun vincolo: più siamo, più risparmiamo!

Arera risponde al nuovo decreto prorogando la sospensione del distacco per morosità
Arera risponde al nuovo decreto prorogando la sospensione del distacco per morosità

I distacchi di luce, gas e acqua vengono bloccati da Arera fino al 13 aprile per aiutare le famiglie morose in questa situazione di emergenza. Inoltre, l'authoriry, ha stabilito nuovi criteri di rateizzazione e semplificato la gestione della bolletta elettronica.


Stop prorogato fino al 17 maggioArera con un comunicato stampa del 30 aprile ha deciso di mantenere fino al 17/5 la sospensione dei distacchi per morosità. Leggi tutta la news!

Il nuovo provvedimento del governo prolunga il periodo di lockdown e le misure restrittive fino al 14 aprile. Ancora non ci sono notizie certe per quanto riguarda la sospensione delle bollette, ma nel frattempo i consumatori iniziano a vivere i primi disagi relativi al costo e alla gestione delle bollette. Alle loro esigenze risponde Arera, Autorità di regolazione per Energia Reti e Ambienti.

Per approfondire l'argomento leggi: Coronavirus, Luce, Gas e Acqua non pagate: l'Arera sospende i distacchi per morosità.

Seguici sul canale Telegram per rimanere aggiornato sugli ultimi provvedimenti e misure emanati dal governo durante l'emergenza Covid-19. Verrai informato delle ultime novità in tempo reale. Come fare? Iscriviti al nostro canale Telegram: clicca qui per unirti al canale! Devi, ovviamente, prima aver scaricato l'applicazione Telegram sul tuo telefonino.

Vuoi sapere se le bollette saranno sospese? Qui trovi tutte le informazioni aggiornate al minuto!

Arera posticipa la sospensione delle forniture in caso di morosità fino al 13 aprile

In risposta alla proroga delle misure restrittive stabilite nel dpcm del 1 aprile, Arera, ha deciso di allineare le procedure stabilite nelle settimane precedenti al decreto, prolungando la sospensione delle forniture di energia elettrica, gas e acqua sia per i privati sia per le imprese morose fino al 13 aprile 2020.

Questo provvedimento è la conseguenza naturale della situazione attuale, infatti l'ente, sin dall'inizio dell'emergenza, cerca soluzioni per aiutare le famiglie ad affrontare il problema consumi e i relativi costi

Quindi chi può fare la richiesta di sospensione del distacco? Per la luce: i clienti in bassa tensione.
Per il gas: consumatori domestici e quelli non domestici che non consumano più di 200.000 Smc/anno.
Per l'acqua: tutte le utenze.

E al termine della proroga, il fornitore è autorizzato a portare avanti la procedura di sospensione e alla costituzione in mora. Invece, per quanto riguarda il settore idrico, deve reiterare le comunicazioni per la sospensione, limitazione e infine della disattivazione della fornitura.

Il contributo di Arera, però, non si ferma qui. Infatti, oltre alla sospensione, ha deciso di introdurre:

  1. la rateizzazione degli importi oggetto di costituzione della mora per gli operatori dei servizi di tutela, gli esercenti titolari di contratti Placet e i gestori del servizio idrico integrato;
  2. l'agevolazione dell'invio della bolletta elettronica.

Non solo, nel prossimo periodo sono previsti ulteriori cambiamenti con l'obiettivo di migliorare le condizioni attuali dei consumatori e dei fornitori.

Stiamo lavorando quotidianamente al delicato equilibrio di tutto il sistema energetico ambientale - afferma il presidente Stefano Besseghini - ascoltando i rappresentanti delle imprese e dei consumatori e traducendo in chiave regolatoria la difficoltà di questa emergenza. Nonostante il continuo mutare delle condizioni di riferimento, della durata della pandemia e l'impegno richiesto ai cittadini e alle imprese, il sistema dei servizi pubblici sta rispondendo in modo affidabile e rassicurante.
Stefano Besseghini, Presidente Arera

Nuovi criteri di rateizzazione e richiesta bolletta elettronica

Nel caso in cui un consumatore non riuscisse a pagare la bolletta, verranno messi in atto nuovi criteri di rateizzazione dei pagamenti senza interessi. Nel dettaglio, Arera stabilisce che "in caso di mancato pagamento delle bollette in scadenza o emesse nel periodo di blocco o che ne contabilizzino i relativi consumi, gli operatori dei servizi di tutela, titolari di contratti PLACET e del Servizio Idrico Integrato sono tenuti ad inserire nella prima comunicazione di sollecito o nella comunicazione di costituzione in mora l'offerta al cliente/utente di poter rateizzare i relativi importi senza il pagamento di interessi, secondo le regole previste dall'Autorità, e in particolare, per il settore idrico, secondo le modalità di rateizzazione oggi già previste in caso di morosità".

E per evitare eventuali rallentamenti e problematiche che possono capitare quando si aspetta la bolletta in formato cartaceo, soprattutto nella situazione attuale, è possibile richiedere di ricevere la bolletta elettronica e procedere al pagamento tramite domiciliazione bancaria, postale o carta di credito. Per farlo basta comunicare il proprio indirizzo e-mail.

Tutela anche per gli operatori del settore, venditori e fornitori

Arera, però, non mira solo a tutelare i consumatori, cerca anche di semplificare il lavoro degli operatori del settore. Infatti, ha dimostrato la volontà di impegnarsi per aiutarli ad avere una corretta e rapida gestione dei pagamenti e supportarli nella semplificazione del sistema per non causare complicanze, rallentamenti, conseguenti morosità ed evitare che questo pesi sul fornitore stesso.

Infine, sono state previste deroghe per i venditori del settore del trasporto di energia e distribuzione gas, gestione delle garanzie, indicazioni e versamenti degli oneri verso CSEA e GSE.

Per saperne di più, leggi qui il comunicato stampa pubblicato il 2 aprile da Arera.

aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche