Quote Mercato Luce e Gas: pareggio Libero vs Tutelato nel 2019! Eni perde 2 posizioni

confronto luce e gasconfronto luce gas

Confronta le offerte Luce e Gas e risparmia 142€ all'anno!

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 20 e il sabato dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18.

Mercato libero e Mercato di maggior tutela ancora in testa dal 2018. Anche i gruppi con il maggior numero di vendite rimangono invariati rispetto all'anno precedente.
Secondo i dati ARERA nel 2019 è avvenuto lo storico pareggio di quote! Le famiglie italiane propendono, sempre più, verso il mercato libero

ARERA, nel primo volume della Relazione Annuale relativa all'anno 2019, raccoglie i risultati sulle vendite finali di energia elettrica e condivide i numeri che rivelano un pareggio di consumatori tra mercato di maggior tutela e mercato libero. Inoltre, l'autorità, stila una classifica provvisoria dei gruppi che hanno venduto di più: Enel, Edison e Hera confermano il podio conquistato nel 2018.


Inizia a seguirci sul canale Telegram per rimanere aggiornato!Clicca qui per unirti al canale e non perderti nessuna notizia! Devi, ovviamente, prima aver scaricato l'applicazione Telegram sul tuo telefonino.

I dati raccolti da ARERA, Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, permettono di comprendere a quale mercato si sono affidati i consumatori nel 2019. Dai risultati è emerso, infatti, che i clienti domestici, sia per numero di volumi che di punti di prelievo, scelgono in quasi egual misura sia il Mercato Libero sia a quello di Maggior Tutela.

In più, approfondendo le informazioni messe a disposizione dalle statistiche di vendita, Enel si conferma nuovamente tra i gruppi che dominano il mercato elettrico. A seguire, Edison ed Hera, che, come nel 2018, rimangono nel podio nonostante il grande divario che le separa dalla prima posizione.

Mercato Libero e Mercato di Maggior Tutela: pareggio dal 2028

Nel 2018 e nel 2019, Mercato Libero e Mercato di Maggior Tutela hanno mantenuto, per quanto riguarda i clienti domestici a bassa tensione, quote di volumi e punti di prelievo quasi alla pari.

Mercato libero e mercato di maggior tutela a confronto.
Mercato Libero e Mercato di Maggior Tutela a confronto (credits: ARERA, relazione annuale 2020)

Quello che mettono in risalto i numeri è che gli utenti stanno iniziando a spostarsi verso il Mercato Libero, lasciando, piano piano, quello di Maggior Tutela. Questo si evince perché nel 2018 il Mercato di Maggior Tutela ha raggiunto 30.6660 di quote in termini di volumi e 16.660 di quote in termini di punti di prelievo superando leggermente il Mercato Libero, mentre, nel 2019, le quote dei volumi del Mercato Libero sono 30.102 e quelle raggiunte dal Mercato di Maggior Tutela 27.982 (2.120 in meno rispetto al Mercato Libero). Ancora, però, quando si tratta di punti di prelievo, continua a mantenere un leggero vantaggio il Mercato di Maggior Tutela, con 379 quote in più rispetto a quelle ottenute dal Mercato Libero.

Nel 2019 i clienti allacciati in bassa tensione hanno acquistato il 31% dell’energia nel mercato di maggior tutela, l’1% tramite il servizio di salvaguardia e il 68% nel mercato libero. La porzione del mercato di maggior tutela è ovviamente più elevata (48%) se all’interno della bassa tensione si considerano i soli clienti domestici. I clienti non domestici connessi in bassa tensione hanno, infatti, acquisito solo il 17% dell’energia nel mercato di maggior tutela, il 2% in salvaguardia e l’81% nel mercato libero.

Importante è notare che questa lenta transizione tra i mercati è la prova che i consumatori hanno bisogno di ancora di un po' di tempo per abituarsi a questo cambiamento e quindi effettuare il passaggio.

Passaggio al Libero obbligatorio dal 2022Volenti o nolenti le famiglie italiane dovranno, obbligatoriamente, passare al mercato libero entro il 31/12/2021. Dal primo gennaio del 2022, infatti, il tutelato non sarà più attivo. Per maggiori informazioni leggi la nostra guida: "Passaggio obbligatorio al mercato libero!".

Enel, Edison, Hera conquistano il podio del mercato

Per quanto riguarda le vendite di energia elettrica del grandi gruppi, Enel, Edison e Hera mantengono il podio come nel 2018.

Il gruppo Enel mantiene la sua posizione nel mercato totale innanzitutto grazie alla sua sostanziale dominanza nel mass market, costituito dal settore domestico e dai clienti non domestici allacciati in bassa tensione: poco più di metà di questo mercato – il 50,7%, per la precisione – è, infatti, servito da Enel, mentre Hera ed Eni, in seconda e terza posizione, possiedono quote assai distanti (rispettivamente del 4,2% e del 3,7%). Dal 2016, inoltre, il gruppo Enel mantiene saldamente la prima posizione anche nei segmenti dei clienti non domestici in media e in alta/altissima tensione, che aveva perso nel 2013.

Enel vince l'oro con un vantaggio non indifferente rispetto a tutti gli altri gruppi, infatti, nonostante abbia perso 1,6% delle quote rispetto alla classifica precedente (nel 2018 il gruppo aveva il 37,6% del mercato) rimane al vertice con il 36%. Scorrendo la classifica, Edison la segue con il 5,4% (in aumento dello 0,5 rispetto al 2018) e Hera con il 4,9% (in aumento, come Edison, dello 0,6%).

Classifica Mercato Luce e Gas 2019 - Top 20 Fornitori
GRUPPO DOMESTICI TOTALI (domestici + non domestici) NEL 2018
Enel 38.955 92.299
Edison 1.155 12.544
Hera 1.760 12.544
A2A 1.548 11.384
Axpo Group 75 11.063
Eni 3.719 10.465
Green Network 290 7.407
E.ON 462 7.099 11°
Iren 1.373 6.389
Acea 1.918 6.093 10°
Duferco 77 5.970
Alperia 331 5.094 15°
Agea 78 4.555 16°
CVA 121 4.131 12°
RepowerAG 0 4.086 14°
Engie 437 4.017 22°
Dolomiti Energia 641 3.757 17°
Sorgenia 288 3.058 19°
Agsm Verona 297 3.012 23°
Nova Coop S.C 147 2.790 21°
Altri Operatori 4.412 37.150 -
  58.084 256.123 -

Fonte: ARERA, Relazione Annuale 2020. Classifica Fornitori Luce e Gas 2019 (punti di prelievo in migliaia)

Leggi la Relazione Annuale ARERA Clicca qui per scaricare il primo volume della relazione stilata dall'autorità per il 2019.

Eni, invece, scende di posizione, passando dalla 4 alla 6 della classifica dal 2018 al 2019. Questo perché, nonostante abbia aumentato le vendite tra i clienti domestici, ne ha persi molti non domestici ad alta tensione, diminuendo, quindi, anche le vendite di circa il 5%.

La Relazione Annuale di ARERA offre diversi spunti di riflessione. Clicca qui per approfondire i temi principali e leggere gli altri articoli che abbiamo scritto al riguardo.

aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche