Nuovo Calcolo delle Bollette da Aprile: come risparmiare?

aggiornato il
min di lettura
confronto luce e gasconfronto luce gas

Quali sono le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi?

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

confronto luce e gasconfronto luce gas

Quali sono le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi?

Confronta ora le migliori tariffe o parla con un esperto prendendo un appuntamento telefonico gratuito.

calcolo bollette aprile
Il nuovo calcolo delle bolletta in vigore da Aprile 2023 avvantaggerà chi risparmia!

Pubblicato da Francesca Pasculli il 30/01/2023  ||  ⏳ tempo di lettura 3 min.

Sempre più definita la strategia di Giorgetti per modificare il calcolo delle bollette, regola che dovrebbe entrare in vigore da aprile 2023. Il pensiero dietro al nuovo calcolo è chiaro e lineare, verrà premiato il consumatore più virtuoso: meno consumi e più risparmi. Ma entriamo nei particolari e vediamo come funziona il calcolo e quanto si risparmia!

Suddivisione bolletta in due tranche
Prima Parte Seconda Parte
Prezzo Protetto
70-80%
del consumo stimato rispetto all'anno precedente
Eccedenza
20-30% del prezzo di mercato

Come funziona il calcolo delle bollette da aprile 2023?

Il prezzo della bolletta verrà diviso in due parti, a cui corrisponderà un diverso prezzo al kWh. Da una parte quindi ci sarà un "prezzo protetto", che corrisponderà al 70 - 80% dei consumi annui stimati in base ai consumi dell'anno precedente o della media del periodo precedente. Dall'altra parte, il restante 20 - 30% del prezzo rimarrebbe in linea con i prezzi del mercato all'ingrosso

Seguendo questo meccanismo una parte della bolletta sarebbe tarata su un prezzo calmierato, solo la minima parte della bolletta sarebbe quindi soggetta alle oscillazioni e innalzamenti del mercato energetico.

Il nuovo metodo di calcolo, che dovrebbe essere attuato da aprile 2023, è già in vigore, in forme simili, in altri Stati europei, come per esempio in Germania, in cui i consumatori pagano un orezzo agevolato, pari a 0,12 €/kWh per l'80% dei consumi fatturati nella bolletta del gas sulla media dell'anno precedente. Le imprese invece versano 0,07 €/kWh per i primi 70% del consumo, sulla stima dell'anno precedente. In Germania questo calcolo sarà presente nelle bollette di cittadini e imprese da marzo 2023 al 30 aprile 2024.

Da quando sarà attivo il sistema di calcolo e perché?

Il nuovo sistema di calcolo studiato, di cui Giancarlo Giorgetti, ministro dell'Economia, si fa portavoce, scatterà da aprile. Il mese individuato per l'attivazione del nuovo metodo non è casuale, ma coincide con la fine dei sostentamenti che lo Stato ha stanziato per l'emergenza energetica e per aiutare le famiglie in difficoltà.

Dopo l'azzeramento degli oneri di sistema, il taglio dell'Iva al 5% per il gas, il rafforzamento del bonus sociale e dei crediti d'imposta per le aziende, il Governo si muove su un altro fronte, andando ad intervenire direttamente sul calcolo delle bollette. Ad annunciare il funzionamento di quest'ultimo è stato proprio Giorgetti, che dopo mesi in cui si vociferava di questo ha finalmente svelato maggiori dettagli, durante un evento organizzato dalla Lega sabato 28 gennaio. Il Ministro inoltre afferma che le misure portate avanti in continuità con il governo precedente, ossia quelle elencate pocanzi, siano state prese solo per non sconvolgere o confondere i cittadini, ma il governo Meloni intende muoversi diversamente, mediante appunto un difficile metodo di ricalcolo delle bollette.

Andamento prezzi luce e gas: come sono i prezzi a gennaio? I prezzi della luce e del gas nel mercato all'ingrosso del PUN e del PSV di gennaio stanno registrando un calo del costo. I prezzi del gas si attestano in una media di 0,642 €/Smc, in confronto ai 1,247€/Smc registrati a dicembre. Mentre il prezzo della luce 0,175 €/kWh, rispetto ai 0,294 €/kWh raggiunti a dicembre. Leggi le ultime novità sulla bolletta gas di gennaio 2023.

Benefici e problemi delle nuove misure contro il Caro bollette

I benefici principali che potrebbero essere portati da questo nuovo calcolo delle bollette sono senza dubbio il risparmio in bolletta di tutti coloro che, in modo virtuoso, riusciranno a diminuire il proprio bisogno di energia elettrica o gas. Vantaggio duplice, per i portafogli dei diretti interessati, e su scala nazionale su una minore necessità di materia prima da importare. Questo provvedimento infatti motiverebbe una larga fascia di cittadini a fare più attenzione agli sprechi ed ottimizzare i proprio consumi di energia.

Come sarebbe possibile confrontare i consumi di energia? In Italia sarebbe semplice calcolare la differenza di consumi dall'anno scorso rispetto all'anno corrente, poiché la percentuale di contatori intelligenti è molto elevata.

D'altro canto però le problematicità di questa manovra sono molteplici e potrebbero andare a discapito sia delle famiglie che del governo. In primis questa manovra necessita di costi tecnici molto elevati, come si vede anche nel caso tedesco, per cui sono stati stanziati circa 100 miliardi di euro solo per questa manovra, praticamente la metà della quota prevista per fronteggiare la crisi energetica in Germania. Proprio per questo motivo, lo stesso Giorgetti soppesa molto le parole, ribadendo che a questa complicata misura ci si sta ancora lavorando, nella speranza che si possa trovare una quadra entro marzo.

Le problematicità che potrebbero ricadere nelle tasche degli italiani, invece sono molteplici e frammentate, così come sono i casi in cui questo meccanismo potrebbe essere fallimentare. Prendiamo quindi il caso in cui i consumi dell'anno precedente del contatore preso in esame siano riferiti ad un numero di abitanti differente rispetto all'anno corrente. Questa discrepanza, così come le tante altre che si possono immaginare, sia nel bene, che nel male non potrebbero essere prese in considerazione.

Ti potrebbe interessare anche