Bollette luce e gas: la fine del mercato tutelato è vicina

confronto luce e gasconfronto luce gas

Confronta le offerte e risparmia 150€ all'anno!

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 20 e il sabato dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18.

confronto luce e gasconfronto luce gas

Confronta e risparmia 150€ su Luce e Gas, è Gratis!

Esistono tanti modi per risparmiare in bolletta, confronta le migliori offerte del mercato o, se preferisci, parla con un esperto prendendo un appuntamento telefonico.


...

Addio al mercato tutelato

La fine del Servizio di Maggior Tutela è una voce che circola da tempo, ed ora si fa sempre più reale.

La bozza della legge sulla concorrenza prevede l'eliminazione del mercato tutelato:

  • per il gas, dal 30 giugno 2015
  • per l'energia eletrica, dal 30 giugno 2016

Cosa prevede la chiusura del Servizio di Maggior Tutela

Le famiglie che finora non si sono affacciate al mercato libero saranno obbligate ad entrarvi scegliendo un proprio operatore commerciale, nel breve termine per il gas e con un pò più di tempo per l'elettricità.

Anche i professionisti e le piccole imprese (con meno di 50 dipendenti e un fatturato annuo inferiore ai 10 milioni di euro) che ora hanno diritto all'accesso al mercato tutelato, non potranno più farne parte già dal giugno del 2015 per entrambi i settori.

Con la chiusura di questa fase transitoria di coesistenza tra mercato libero e mercato tutelato, il mercato dovrebbe diventare più dinamico e portare i benefici di una vera e propria liberalizzazione, sia in termini di prezzi sia in termini di qualità del servizio per l'utente (modalità di fatturazione, servizi aggiuntivi).

Lo scopo della misura è quello di creare maggiore concorrenza tra i fornitori per far diminuire i prezzi delle tariffe e migliorare la qualità del servizio fornito.

Come saranno tutelati i consumatori

Molti italiani non hanno molta fiducia nel mercato libero a causa di comportamenti scorretti da parte di agenti commerciali che pur di sottoscrivere contratti agiscono con l'inganno. Per evitare questo la stessa Autorità, insieme all'Antitrust, metterà in piedi un sistema di vigilanza, che andrà a monitorare la variazione dei prezzi offerti per tutelare i cittadini.

L'Autorità garantirà inoltre che ci sia un'adeguata informazione e consulenza in merito. Il passaggio dovrà avvenire in maniera graduale e verrà ridefinito il ruolo dell'Aquirente Unico, l'ente oggi incaricato di comprare l'energia per i clienti del mercato tutelato.

I cittadini pagheranno di più o di meno?

I pareri su questa risposta sono contrastanti. Alcune associazioni di consumatori hanno paventato la possibilità di un aumento in bolletta per i piccoli clienti, per la disparità di potere contrattuale fra gli operatori e piccoli consumatori.
La completa liberalizzazione è invece pienamente appoggiata da uno studio di Lorenzo Castellani dell'Istituto Bruno Leoni il quale afferma che i prezzi dell'energia subiranno una riduzione.
A sostegno della sua tesi c'è un'analisi sulla liberalizzazione dei mercati del gas nell'Unione Europea.

Ad esempio in paesi come Regno Unito e Estonia che hanno completamente liberalizzato il settore, il prezzo per kWh equivalente di gas, tasse incluse, è il più basso di tutti (inferiore a 6 centesimi di euro contro gli 11 cent in Danimarca, 9 in Italia e 8 in Grecia). In questi paesi anche il tasso di switching, ossia il cambio di fornitore, è tra i più elevati.

Il professore "Eventus docet"

Lo studio mostra anche il risparmio medio mensile che si potrebbe ottenere in ogni paese con un'offerta di energia conveniente. Per l'Italia questo risparmio è stimato a 12 € al mese.

Ti consigliamo quindi di arrivare preparato e di iniziare ad affacciarti alle proposte commerciali del mercato libero fin da oggi.

aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche