Caro Energia, Crisi del Gas Russo e Aiuti Statali: tutte le Novità!

confronto luce e gasconfronto luce gas

Quali sono le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi?

Risparmia oltre 96 € l'anno. Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

confronto luce e gasconfronto luce gas

Quali sono le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi?

Confronta ora e Risparmia oltre 96 € all'anno o parla con un esperto prendendo un appuntamento telefonico.

Decreto Caro Energia 2022.
Il Decreto Caro Energia giugno 2022 prevede tagli agli oneri di sistema e altre iniziative per imprese e cittadini.

Il Governo Draghi approva un nuovo decreto per fronteggiare il caro energia. Tra gli interventi introdotti si segnala più liquidità per riempire gli stoccaggi del gas, tasse per gli importatori e la proroga dei tagli agli oneri di sistema. Il tutto sullo sfondo delle tensioni geopolitiche internazionali, del possibile stop all’arrivo del gas russo e agli altri provvedimenti dell’esecutivo, come il bonus 200 euro.


Il Consiglio dei Ministri numero 84 nel giugno 2022 segna l’arrivo di nuovi interventi destinati a mitigare gli effetti del caro energia. Secondo le prime stime, i provvedimenti dovrebbero ammontare a circa 3,27 miliardi di euro. Vediamo subito i punti più importanti:

Decreto Caro Energia giugno 2022: i provvedimenti
Provvedimento Descrizione
Prelievo sugli extraprofitti Le imprese che importano gas in Italia con contratti superiori a un anno dovranno versare un contributo.
Taglio IVA e  oneri di sistema Per il terzo trimestre 2022 (luglio-settembre) l'IVA sulle bollette gas è ridotta e gli oneri di sistema vengono azzerati (sia sulle fatture del metano che della luce).
Liquidità per gli stoccaggi Vengono introdotte garanzie pubbliche per dare liquidità alle imprese che devono effettuare gli stoccaggi di gas.
Bonus benzina 200 euro Richiesta dai datori di lavoro per tutti i dipendenti pubblici e privati

Nel comunicato di presentazione del Decreto, segnalato sul sito del Governo Italiano, le misure citate vengono sintetizzate come segue:

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Mario Draghi, del Ministro dell’economia e delle finanze Daniele Franco e del Ministro della transizione ecologica Roberto Cingolani, ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti per il contenimento dei costi dell’energia elettrica e del gas naturale per il terzo trimestre 2022 e per garantire la liquidità delle imprese che effettuano stoccaggio di gas naturale.

Governo.it, Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 84

Dopo questa breve presentazione, andiamo ad analizzare nel dettaglio i vari provvedimenti destinati a imprese e cittadini.

Piano d'Emergenza Asterity? Scopri quali azioni ha programmato il governo italiano per fronteggiare la scarsità di risorse energetiche: "Piano d'emergenza energia Austerity"

Il prelievo sugli extraprofitti previsto dal Decreto Caro Energia

Una delle aree sulle quali il nuovo Decreto Caro Energia è andato a intervenire è la tassazione sugli extra profitti delle imprese importatrici. In particolare, il provvedimento interessa le società che importano gas in Italia con contratti di durata maggiore di un anno. Queste dovranno versare un contributo che andrà alla Cassa per i servizi energetici e ambientali (Csea).

Cosa sono gli extraprofitti delle imprese energetiche? Leggi il nostro speciale sugli extraprofitti delle imprese energetiche. Trovi dettagli su come vengono calcolati, in che modo finanziano i provvedimenti del Governo e tante altre info utili.

Il provvedimento andrà avanti per otto mesi, dal 1 luglio 2022 al 31 marzo 2023. Una volta raccolti i contributi, ARERA trasferirà i fondi ai clienti finali in bolletta tramite una specifica voce della componente della Spesa per trasporto del gas, gestione contatore e oneri di sistema.

Non è ancora chiaro l’ammontare di questo contributo, ma nella bozza del provvedimento vengono già chiarite le modalità di calcolo della base imponibile. L’importo, allora, sarà pari alla differenza positiva tra il costo medio efficiente (la componente Cmem) e il prezzo medio di importazione nel mese in questione. In caso di perdite delle imprese coinvolte, inoltre, il contributo potrà essere restituito.

Italia vuole diventare indipendente dal gas russo entro il 2024: come? L'acquisto di nuovi rigassificatori potrà rendere l'Italia indipendente dalla stretta russa entro l'autunno del 2024. Scopri tutti i dettagli nel nostro approfondimento di attualità "Nuovi Rigassificatori: Italia indipendente dalla Russia nel 2024?"

Il rincaro dei prezzi mette in difficoltà anche i fornitori, come Tate che ha bloccato le attivazioni dei contratti in vista dell'autunno 2022.

Un nuovo taglio degli oneri di sistema nel terzo trimestre 2022

Viene confermato il taglio degli oneri di sistema, già previsto nel precedente Decreto Salva Bollette Luce e Gas con durata fino a giugno 2022. Anche il terzo trimestre dell’anno in corso, quello che va da luglio a settembre, azzera pertanto questa voce di spesa dalle bollette del metano e dell’energia elettrica.

Viene rinnovata pure la riduzione dell’IVA delle bollette del gas, che così come nei mesi precedenti continua a essere del 5%. Dire.it, a questo proposito, riporta un passaggio della bozza del decreto dove si legge:

Le fatture emesse per i consumi stimati o effettivi dei mesi di luglio, agosto e settembre 2022, sono assoggettate all’aliquota Iva del 5 per cento.

Dire.it, articolo “Dl Energia, il Governo azzera gli oneri di sistema sulla luce. Iva al 5% sul gas”

Il Decreto contro il Caro Energia opera quindi una nuova sforbiciata che punta a mitigare l’effetto dei prezzi in aumento, in favore delle famiglie alle prese con bollette sempre più salate. Ma a prolungare l'effetto del Caro Energia, arriva il Decreto Aiuti Bis, chiamato anche Bonus Bollette Aziendale, che prolunga questo provvedimento, e molti altri anche per il quarto trimestre 2022. Per saperne di più leggi la guida su come ottenere il bonus dipendenti da 600€.

D'altra parte, il taglio degli oneri rappresenta solo uno dei modi per alleggerire le fatture. Per un risparmio ancora superiore è necessario accaparrarsi un'offerta luce e gas a prezzo fisso. Chiamaci allo 02 8295 809302 8295 8093Prendi un appuntamento per ottenere una consulenza gratuita e senza impegno.

Liquidità per riempire gli stoccaggi: tutte le novità del decreto

Il Decreto Legge Energia III riserva alcuni provvedimenti anche alle imprese che, per svolgere la propria attività, devono effettuare lo stoccaggio di gas naturale. In particolare, la bozza del decreto stabilisce che la misura viene introdotta per venire incontro alle esigenze di liquidità causate dall’incremento dei prezzi della materia prima, oltre che del mancato approvvigionamento.

Nel concreto, il contributo proposto è quello già previsto dall’articolo 15 del dl 17 maggio n. 50, il cosiddetto “Decreto Aiuti”. La liquidità, pertanto, verrà trasferita grazie alle garanzie prestate da Sace.

Chi è Sace? Sace è una società per azioni che fa riferimento Ministero dell'economia e delle finanze. Sono tante le attività svolte da questa compagnia, dall'assicurazione dei crediti alla protezione degli investimenti, passando per le garanzie finanziarie, come nel caso della liquidità prevista per gli stoccaggi gas.

Il bonus bolletta 200 euro e i provvedimenti a favore dei cittadini

Oltre al Decreto contro il Caro Energia, il Governo nei giorni scorsi ha introdotto altre misure che dovrebbero cercare di limitare gli effetti degli aumenti dei prezzi. Tra questi c’è sicuramente il bonus 200 euro, destinato a dipendenti, pensionati, disoccupati e autonomi (per questi ultimi, però, le modalità sono ancora da stabilire).

Se vuoi avere più dettagli su questa iniziativa, ti consigliamo di leggere l’articolo sulle 10 cose da sapere sul Bonus Bollette 200 euro. Qui di seguito ti proponiamo invece un breve riepilogo del provvedimento:

Bonus bolletta 200 Euro: come richiederlo?
A chi spetta Come richiederlo Quando viene erogato
  • Lavoratori dipendenti con un reddito non superiore a 35.000€/annui
Tramite la compilazione di un modulo
A partire da luglio 2022 (a meno di eccezioni legate a specifiche categorie).
  • Impiegati pubblici, Pensionati e percettori di Reddito di cittadinanza
Verrà accreditato in automatico
  • Lavoratori autonomi e professionisti con reddito non superiore a 35.000€/annui
Non è ancora stato stabilito
Per Info e Confronto Offerte 02 8295 8097Per Info e Confronto Offerte 02 8295 8097 Per Maggiori Info Prendi Appuntamento

Queste iniziative fermano la paura dello stop del gas dalla Russia?

I provvedimenti introdotti dal Governo negli ultimi mesi vanno a cercare di mettere ordine in una situazione molto complicata. Situazione che, se possibile, potrebbe farsi addirittura più incerta. Così come riporta Repubblica.it, infatti, l'Agenzia internazionale dell'energia ha chiarito che durante il prossimo inverno la Russia potrebbe decidere di interrompere completamente la fornitura di gas.

Faith Birol, a capo dell’agenzia, ha sottolineato che i tagli operati da Mosca nei giorni scorsi (si è arrivati al 50% delle forniture richieste) potrebbero rappresentare l’inizio di una strategia di lungo termine:

Più ci avviciniamo all'inverno, più capiamo gli obiettivi della Russia. I tagli sono orientati a evitare che l'Europa riempia gli stoccaggi, aumentando la pressione di Mosca in vista dei mesi invernali. L'Europa dovrebbe essere pronta nel caso in cui il flusso di gas dalla Russia fosse interrotto del tutto.

Fatih BirolRepubblica.it, articolo “L'Agenzia internazionale dell'energia allerta l'Europa: "Prepararsi a stop totale del gas russo"”
Leggi tutti i provvedimenti presi dagli stati europei per fronteggiare il rischio.

In tutto questo, l’Italia sembra si stia muovendo su due fronti. Da una parte, come visto, con i decreti e i vari provvedimenti dedicati a famiglie e imprese. Dall’altro, con iniziative dal carattere strutturale, come l’acquisto di maggiori quantità di carbone e gli accordi con altri paesi (Algeria, Egitto e Qatar) per diversificare i fornitori gas.

Al momento, la capacità degli stoccaggi italiani è al 55%, nonostante il taglio delle forniture del 15% dalla Russia. Il Ministero della Transizione Ecologica stima che si potrebbe arrivare al 90% per fine anno. Sempre che lo scenario internazionale non cambi ancora, vorrebbe da dire.

Questa paura porta però Nomisma Energia (ente di ricerca energetica e ambientale) ha prevedere un'ulteriore rialzata dei prezzi di luce e gas sulle bollette degli itagliani, per approfondire puoi leggere l'articolo "Stangata in bolletta da luglio 2022".

Alleggerisci ancora di più la bolletta scegliendo l’offerta giusta

Iscriviti al canale Telegram di Selectra Con il nostro canale Telegram puoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie del mercato luce e gas. Clicca qui per unirti al canale. Avrai bisogno dell’app di Telegram per iOS o Android.

Come visto, i nuovi provvedimenti del governo puntano a limitare gli effetti del caro energia anche nel terzo trimestre dell’anno in corso. Oltre ad attendere nuovi decreti, però, esiste un altro modo per cercare di alleggerire la bolletta. Si tratta di scegliere la tariffa luce e gas più corretta per le proprie esigenze.

Puoi farlo grazie a Selectra, che seleziona per te le migliori offerte del mercato libero. Di seguito, allora, trovi le proposte top di Dicembre 2022:

Offerte Luce e Gas: la classifica delle tariffe più convenienti di Dicembre 2022
POSIZIONE NOME OFFERTA SPESA* (€/mese)
first-place

Prima Posizione
Sorgenia Next Energy Sunlight Luce e Gas
sorgenia
Tariffa indicizzata
LUCE: 66€
GAS: 116€


02 8295 8095 Attiva online Sconto 150€Attiva online (Sconto 150€)
secondo

Seconda Posizione
Eni Trend Casa Luce e Gas

eni
Tariffa indicizzata
LUCE: 74,9 €
GAS: 116,9 €


02 8295 8093 Attiva online sconto 12€ Attiva online (Sconto 12€)
Parla con noi
third-place

Terza Posizione
NeN Special 48 Luce e Gas

a2a
Tariffa prezzo fisso
LUCE: 76,5 €
GAS: 135 €


Attiva online Sconto 96€ Attiva online (Sconto 96€)

*La spesa mensile è stata calcolata con una stima del prezzo medio del PUN (luce) e del PSV (gas) del prossimo anno realizzata dall'Autorità e con un consumo di 1800 kWh/anno per la luce e 800 Smc/anno per il gas ad uso riscaldamento di una famiglia di 3 persone.

Curiosità sul podio delle offerteNen ti regala un bonus di 96€, con Eni hai uno sconto di 12€ se scegli la domiciliazione, mentre con Sorgenia lo sconto è di 50€ ad utenza attivata (150€ se attivi luce, gas e fibra)

aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche