Le bollette luce del tutelato calano di prezzo nel primo trimestre 2024!

aggiornato il
min di lettura
confronto luce e gasconfronto luce gas

Quali sono le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi?

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

confronto luce e gasconfronto luce gas

Quali sono le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi?

Confronta ora le migliori tariffe o parla con un esperto prendendo un appuntamento telefonico gratuito.

Prezzo bollette luce primo trimestre 2024.
Le bollette della luce scendono nel primo trimestre 2024: ecco perché.

Il 2024 inizierà con una buona notizia per gli utenti luce del regime tutelato. Le bollette del primo trimestre del nuovo anno diminuiscono del 10,8%, mitigando parzialmente gli aumenti dei tre mesi precedenti. A tutto questo si aggiungono le nuove iniziative del Governo: scopriamo di cosa si tratta.

Nel primo trimestre 2024 la bolletta dell’energia elettrica si farà più leggera, con un costo finale della corrente pari a 25,24 centesimi di euro al kWh. Un'inversione di tendenza rispetto agli ultimi mesi del 2023, che fa quindi ben sperare per l’anno che sta per cominciare.

I Trimestre 2024 Luce - ARERA
Periodo di tempoPercentualeCosto bolletta
Gennaio 2024 - Marzo 2024- 10,8% rispetto al IV Tr. 202325,24 cent€ per kWh
(tasse incluse)

Dietro a questo calo ci sono motivazioni che meritano di essere approfondite. Prima di proseguire, però, ricorda che se vuoi essere sempre aggiornato sulle quotazioni di luce e gas basta iscriverti al nostro canale Telegram. Avrai a tua disposizione guide, approfondimenti e tutto il supporto della nostra community.

A cosa è dovuto il calo dei prezzi delle bollette luce?

Nel consueto comunicato stampa diffuso da ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) vengono illustrati i fattori che portano all’abbassamento delle bollette luce. Li analizziamo brevemente in questo elenco:

  1. la domanda di gas rimane contenuta, per via anche delle temperature registrate negli ultimi mesi. A una minor richiesta di metano, utilizzato per la produzione di energia elettrica, corrisponde una discesa dei prezzi;
  2. il livello degli stoccaggi di gas dei Paesi europei si attesta sul 90% della capacità: gli Stati, quindi, non hanno necessità impellente di acquistare altro metano, fattore che fa diminuire i prezzi;
  3. dopo le tensioni e le difficoltà tecniche del 2023, gli impianti nucleari francesi hanno ricominciato a funzionare a ritmo più sostenuto, favorendo l’abbassamento dei prezzi;
  4. il contributo delle fonti rinnovabili ha permesso di distanziarsi dalle classiche fonti di approvvigionamento.

Mettendo insieme tutti questi fattori si arriva a un ribasso del prezzo all’ingrosso dell’energia elettrica (il PUN, Prezzo Unico Nazionale). Secondo le stime, nel primo trimestre 2024 il suo valore è atteso intorno ai 114 €/MWh.

In termini concreti, grazie al ribasso dei prezzi la spesa per la famiglia-tipo nell'anno scorrevole (1° aprile 2023 - 31 marzo 2024) sarà di circa 684 euro, in calo del 50% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell'anno precedente (1° aprile 2022- 31 marzo 2023). Per famiglia tipo si intende l’utenza con consumi medi di energia elettrica di 2.700 kWh all'anno e una potenza impegnata di 3 kW.

Le variazioni delle componenti della bolletta luce

Il costo indicato nella bolletta luce è formato da tante componenti diverse, il cui valore cambia periodicamente. Per questo motivo, ARERA specifica quali sono le variazioni percentuali delle voci più importanti rispetto al quarto trimestre 2023:

  • componente PE (a copertura dei costi per l’acquisto di energia elettrica), +6,9%;
  • oneri di sistema, +1,1%;
  • componente PD (per la copertura dei costi di dispacciamento), +1,3%;
  • componente PPE (corrispettivo di perequazione) -22,2%;
  • spese per trasporto, distribuzione e misura, +2,1%.

Facendo un semplice calcolo si arriva quindi al -10,8% citato fin da inizio articolo. Come puoi vedere, la diminuzione è dovuta in larga parte al calo del corrispettivo di perequazione PPE. Si tratta del parametro che garantisce l'equilibrio tra i costi e quanto pagato dai clienti alle società di distribuzione e vendita per la fornitura di servizi.

Come sono i prezzi del gas?

Il prezzo gas in tutela, rispetto a quello della luce, si aggiorna ogni mese. L'ARERA, quindi, comunica il nuovo PSV (Punto di Scambio Virtuale), durante il secondo giorno lavorativo. Scopri i valori di dicembre 2023. In generale, devi sapere che le bollette gas subiranno un aumento nei prossimi mesi, a causa del ritorno dell'Iva al 22%. Ma questo non è l'unico fattore che porterà ad avere fatture del metano più alte nel 2024

L’aggiornamento delle misure del Governo contro gli aumenti

ARERA sottolinea quali saranno le iniziative introdotte dal Governo per sostenere le famiglie alle prese con il caro bollette. Viene evidenziato il termine del sistema di rafforzamento del bonus sociale in vigore nell’ultimo biennio. Da gennaio 2024, nello specifico, la soglia ISEE per accedere ai benefici sarà di 9.530 euro (e di 20.000 euro per le famiglie numerose con oltre tre figli).

In aggiunta, è confermato il meccanismo che prevede contributi crescenti al numero dei componenti familiari. Una misura applicata in automatico a chi già riceve il bonus bollette, come previsto nella Legge di Bilancio 2024 attualmente in fase di approvazione.

Per approfondire l'argomento, leggi l'articolo dedicato al nuovo Bonus Energia 2024

Un mercato in trasformazione, tra ottimismo e cautela

Nel suo comunicato stampa, ARERA trova spazio per alcune considerazioni operate dal presidente Stefano Besseghini. Le prime parole sono dedicate alla situazione generale del mercato:

Un andamento dei prezzi gas stabilmente in riduzione e l’attenuarsi delle criticità su altre fonti ci consegnano un primo trimestre in riduzione per l’elettricità. Giova però ricordare come i valori assoluti dei prezzi siano ancora circa il doppio di quelli pre-crisi e il sistema energetico europeo non sia scevro da rischi.

Stefano Besseghini - ARERA.it, comunicato stampa "Elettricità: bolletta in tutela -10,8% nel primo trimestre 2024".

Le parole del presidente Besseghini sono però rivolte soprattutto al grande cambiamento che attende i clienti del mercato tutelato luce. Il regime gestito da ARERA terminerà infatti a luglio 2024 (per il gas la scadenza è invece gennaio 2024), dopo un’ennesima proroga che ne ha posticipato la scadenza. Si tratta di un cambiamento importante, che impegna l’Autorità in iniziative dedicate a favorire una maggiore comprensione da parte degli utenti:

Con l’inizio dell’anno entriamo anche in una importante fase di cambiamento, con il superamento dei servizi di tutela. Riduzione dei consumi e attenzione ai costi rimangono le parole d’ordine. La recente crisi dei prezzi ci ha abituato ad una maggiore attenzione ai temi dell’energia e l’Autorità sta continuando a mettere a disposizione dei consumatori strumenti utili a indirizzare le scelte.

Stefano Besseghini - ARERA.it, comunicato stampa "Elettricità: bolletta in tutela -10,8% nel primo trimestre 2024".

Il mercato energetico, pertanto, si trova in un momento piuttosto complesso. Le turbolente dinamiche geopolitiche, prime tra tutte le tensioni in Medio Oriente, hanno interrotto il trend in discesa legato al costo di petrolio e gas naturale. Costo che, d’altra parte, viene comunque spinto al ribasso da fattori legati al clima e alla domanda interna dei vari Paesi. 

E in tutto questo si inserisce la peculiare situazione italiana, dove la fine del mercato tutelato (voluta fortemente dall’Unione Europea) va a cambiare equilibri e abitudini degli utenti.

Per capire meglio se al momento convenga maggiormente la tutela luce o il libero mercato, ti invitiamo a leggere questo articolo: "Tutelato contro libero: chi vince la battaglia dei prezzi?".

  • Differenze tra maggior tutela e mercato libero
  • Il regime di maggior tutela viene gestito da una singola autorità statale, ovvero ARERA, che fissa i prezzi delle offerte luce e gas. Fanno parte di questo mercato tutti i consumatori che hanno lo stesso fornitore da ancor prima della liberalizzazione del settore energetico, avvenuta nel 1999;
  • Il mercato libero è l’ambito tariffario nato dopo la privatizzazione del settore energetico. È composto da aziende in concorrenza tra loro, libere di fissare i prezzi ritenuti più opportuni. Le compagnie cercano di accaparrarsi le preferenze del pubblico attraverso offerte di luce e gas spesso arricchite da bonus e servizi aggiuntivi.

Vuoi attivare una nuova tariffa luce? Scegli tra le proposte del mercato libero!

Il modo migliore per tutelarsi dalle dinamiche turbolente del settore energetico è quello di scandagliare il mercato alla ricerca delle opportunità migliori. Si tratta di un consiglio che vale ancora di più adesso, visto che il mercato tutelato luce terminerà a luglio 2024 e dopo questo termine non sarà più possibile attivare un’offerta regolamentata. 

Un primo passo, allora, può essere quello di mettere a confronto le tariffe più interessanti del mercato libero. Le trovi qui, in questa tabella:

Offerte Luce: la classifica delle tariffe energia più convenienti di Febbraio 2024
POSIZIONENOME OFFERTAPREZZO e Spesa Mensile *
primo


Prima Posizione

Octopus Energy Fissa 12

octopus
Tariffa fissa
0,12 €/kWh
LUCE: 45,5 €/mese

06 9450 0304 Attiva online Attiva online
secondo


Seconda Posizione

NeN Special 48 Luce

a2a
Tariffa prezzo fisso
Esclusiva online
0,169 €/kWh
LUCE: 49,5 €/mese  

Attiva online Sconto 48€ Attiva online (Sconto 48€)
terzo


Terza Posizione

Sorgenia Next Energy Sunlight

logo-sorgenia
Tariffa indicizzata
PUN + 0,030 €/kWh
LUCE: 50,8 €/mese

02 8295 8095 Attiva online Sconto 40€ Attiva online (Sconto 40€)
Parla con noi

*La spesa mensile è calcolata su un consumo di 1800 kWh/anno per la luce e 800 Smc/anno per il gas ad uso riscaldamento di una famiglia di 3 persone.

Curiosità sul podio:NeN ti offre un prezzo bloccato per 1 anno e uno sconto di 48€ a utenza, mentre attivando con Sorgenia lo sconto è di 60€ a utenza se attivi tre forniture (luce, gas e fibra) o di 20€ se ne attivi solo due.

Ovviamente devi concentrarti sul prezzo, con le opzioni a costo fisso e variabile. Ma non basta: il bello del mercato libero, infatti, è che le aziende cercano di rendere più appetibili le loro offerte inserendo tutta una serie di elementi supplementari.  Può trattarsi di bonus, programmi fedeltà, servizi aggiuntivi, forniture prodotte a partire da fonti di energia rinnovabili. 

Per avere un quadro ancora più chiaro della situazione, chiamaci allo 02 8295 809702 8295 8097prenota ora un appuntamento. Gli Esperti Energia Selectra sapranno indirizzarti verso le soluzioni più adatte alle tue esigenze.

E se prima di telefonare vuoi avere una panoramica completa delle proposte dei vari fornitori, c’è sempre il nostro confronto offerte luce.

Ti potrebbe interessare anche