Stangata Bollette Servizio Elettrico Nazionale a Gennaio: cosa fare?

confronto luce e gasconfronto luce gas

Quali sono le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi?

Risparmia oltre 96 € l'anno. Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

confronto luce e gasconfronto luce gas

Quali sono le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi?

Confronta ora e Risparmia oltre 96 € all'anno o parla con un esperto prendendo un appuntamento telefonico.

Stangata Servizio Elettrico Nazionale.
Le bollette della luce della maggior tutela di gennaio sono state salatissime. Ecco come rimediare.

Pubblicato da Francesco Ursino il 16/01/2022

Le bollette luce di gennaio di Servizio Elettrico Nazionale hanno presentato un conto salatissimo a chi è ancora nella maggior tutela. Il prezzo dell’energia elettrica nell’ultimo trimestre del 2022, infatti, è schizzato a 0,5 €/kWh. Andiamo a vedere perché si è arrivati a una situazione simile, e come è possibile evitare altri salassi del genere in futuro.


Ci ritroviamo ormai a ripeterlo spesso: non è proprio il migliore dei periodi. Dopo l’aumento tanto improvviso quanto doloroso del costo della benzina, l’inflazione alta e la situazione geopolitica mondiale sempre più complessa, ci si mettono di mezzo anche le bollette.

Chi è ancora nel regime di maggior tutela, in particolare, ha subito nel giro di breve tempo due stangate. Dopo quella delle fatture del metano di dicembre, ora è il turno dell’energia elettrica. Le bollette di gennaio di Servizio Elettrico Nazionale, infatti, sono state particolarmente pesanti, come evidenziato anche dalle tante segnalazioni arrivate sulla chat Selectra. Di seguito troviamo alcuni esempi: 

Siamo col Servizio Elettrico Nazionale e abbiamo una bolletta altissima: circa 0,51/kWh. Siamo alla follia. Cosa proponete?

Buongiorno, purtroppo la bolletta sta lievitando nonostante stiamo consumando meno dell'anno precedente. Io sono ancora con il Servizio Elettrico Nazionale. Quale compagnia in questo momento sta offrendo la tariffa migliore?

Analizziamo prima il perché di questi prezzi così alti, e soprattutto vediamo come evitare (o quantomeno mitigare) questi veri e propri salassi nei prossimi mesi.

Perché le bollette di Servizio Elettrico Nazionale sono così alte a gennaio?

  • Mercato tutelato e libero: definizioni
  • Maggior Tutela: è il regime tariffario regolato da ARERA, Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente. Se non ha mai cambiato fornitore, rientri in questo scenario;
  • Mercato libero: nel mercato libero puoi scegliere il fornitore di energia elettrica e metano sulla base delle offerte delle diverse compagnie.

Dopo l’impennata delle bollette gas, ora ci si mette di mezzo anche la luce. Nel quarto trimestre 2022, infatti, il costo della materia energia (la componente che più di tutte influenza il costo che vedi nelle fatture) è arrivato a 0,501 €/kWh. Difatti, si tratta quasi di un raddoppio rispetto ai 0,277 €/kWh del periodo precedente.  Di conseguenza, le fatture che stanno arrivando adesso risultano davvero salatissime.

Puoi capire tu stesso l’entità degli aumenti andando a confrontare i dati dei vari trimestri dal 2021 a oggi:

Prezzo Energia (PE) per Trimestre nel mercato tutelato della luce dal 2021 a oggi
TRIMESTRE COSTO MATERIA ENERGIA
Quarto trimestre 2022 0,501 €/kWh
Terzo trimestre 2022 0,277 €/kWh
Secondo trimestre 2022 0,256 €/kWh
Primo trimestre 2022 0,293 €/kWh
Quarto trimestre 2021 0,192 €/kWh
Terzo trimestre 2021 0,106 €/kWh
Secondo trimestre 2021 0,065 €/kWh
Primo trimestre 2021 0,062 €/kWh

Fonte: ARERA.

Alla luce dei dati disponibili, quindi, saranno in molti a ricevere brutte sorprese quando apriranno la bolletta di Servizio Elettrico Nazionale.

Chi è Servizio Elettrico Nazionale? Servizio Elettrico Nazionale è il fornitore di luce per la maggior tutela del Gruppo Enel. Costituisce proprio quella che una volta, prima della liberalizzazione del mercato, veniva definita semplicemente “Enel”. Se non hai mai cambiato fornitore dell’energia elettrica, sei anche tu cliente SEN.

Perché si è arrivati a questa situazione? I fattori sono numerosi. Uno dei principali è costituito dal già citato aumento del gas, che nel nostro paese viene impiegato anche per la produzione di energia elettrica. Un altro elemento da considerare è il modo nel quale viene fissato il prezzo della luce nella maggior tutela. L’autorità che deve fissare questi costi, ovvero ARERA, adotta un meccanismo trimestrale, al contrario di quanto accade nel mercato libero, dove le tariffe sono indicizzate alle ultime quotazioni di energia e gas.

Tutto ciò porta a distorsioni notevoli. Il paragone tra il prezzo al kWh pagato dagli utenti della maggior tutela nel quarto trimestre 2022 con la media dei tre stessi mesi del PUN (Prezzo Unico Nazionale), ad esempio, è il seguente:

  • Prezzo energia quarto trimestre 2022 maggior tutela: 0,501 €/kWh:
  • Media PUN ottobre-novembre-dicembre 2022: 0,243 €/kWh.

Inoltre, il prezzo del PUN di gennaio è in forte discesa, il ché caratterizza questo come un buon momento per risparmiare con il mercato libero! La maggiore rigidità della maggior tutela viene dimostrata anche dal grafico del Prezzo Indice Selectra di dicembre 2022:

Il grafico del Prezzo Indice Selectra di dicembre 2022.
Il grafico del Prezzo Indice Selectra di dicembre 2022 evidenzia l'andamento del prezzo nella maggior tutela.

Concentrati sulla linea grigia, quella che indica il prezzo della luce nella maggior tutela. Come vedi, cambia ogni tre mesi, assumendo una classica forma a scalini. Le altre curve, invece, salgono e scendono, perché seguono l’andamento del mercato. Per capire perché un meccanismo trimestrale è cosi dannoso in un periodo turbolento del genere, concentrati sul dato di novembre 2022 (11.22) nel grafico:

  • A novembre 2022, il prezzo all’ingrosso della luce è sceso particolarmente, arrivando poco sopra i 100 €/MWh. Si tratta della linea marrone, quella che identifica il PUN;
  • Diverse offerte del mercato libero hanno “approfittato” di questa dinamica per abbassare i loro prezzi (lo vedi dalla linea azzurra, “Media offerte meno caro (Libero)”;
  • Con il meccanismo di fissazione trimestrale del prezzo, invece, questa diminuzione non si è avvertita, e il prezzo del mercato libero è rimasto fisso al suo livello.

In mezzo a tutte queste notizie negative, però, ce n’è una che ti dovrebbe dare un minimo di speranza. Tu stesso, infatti, puoi cercare di abbassare le bollette di luce e gas passando al mercato libero. Se non sai da dove cominciare e vuoi l’aiuto di un esperto, chiama lo 02 8295 809702 8295 8097prendi un appuntamento. Potrai approfittare di una consulenza del tutto gratuita e senza alcun impegno.

Prezzi alti: un problema che riguarda tutta la Maggior Tutela

  • PUN e PSV: definizioni
  • PSV: il prezzo del gas all'ingrosso scambiato sui mercati internazionali;
  • PUN: il prezzo della luce all'ingrosso scambiato alla borsa elettrica italiana.

Il mercato della maggior tutela riguarda evidentemente non solo la luce, ma anche il gas. E anche qui, come visto, la situazione non è che sia delle migliori. Per quanto riguarda il metano, però, c’è da dire che da ottobre 2022 il meccanismo della fissazione del prezzo nella maggior tutela è di tipo mensile, e non trimestrale. Questo significa che la flessibilità dei costi è maggiore rispetto al caso dell’energia elettrica, ma anche qui non c’è da stare poi così allegri.

A dicembre 2022 si è registrata una vera e propria impennata della bolletta gas (+23,3%) per la maggior tutela, dovuto soprattutto all’aumento dalle quotazioni a inizio dicembre, dove si è arrivati a toccare i 135 €/MWh. Il valore avrebbe potuto essere ancora maggiore, sottolinea ARERA, con il vecchio metodo di aggiornamento trimestrale (grossomodo per i motivi che abbiamo cercato di spiegare nel paragrafo precedente).

Fino a questo punto abbiamo sottolineato come le bollette di Servizio Elettrico Nazionale siano state particolarmente salate. Questa compagnia, però, non è l'unica a essere attiva nel mercato tutelato. Di seguito trovi altri fornitori che agiscono in questo stesso regime tariffario:

Anche questi operatori, pertanto, hanno fatto registrare gli aumenti di cui abbiamo parlato finora.

Cosa fare per arginare questo salasso mensile?

Per evitare che l’arrivo delle bollette di luce e gas rovini la propria giornata, la cosa migliore da fare al momento è valutare il passaggio al mercato libero. Non si tratta, infatti, solo di convenienza economica. Oltre a una maggiore scelta, chi opta per il mercato libero ha modo di:

  • Sfruttare vantaggi e bonus esclusivi associati alle varie offerte, come sconti in bolletta, programmi fedeltà, servizi di manutenzione per la casa;
  • Gestire al meglio la propria fornitura, attraverso l’area clienti dedicata e, in molti casi, apposite app per smartphone;
  • Trovare la formula commerciale più adatta, con tariffe a prezzo variabile (che cambiano ogni mese) o prezzo fisso (con importo bloccato generalmente per 12 o 24 mesi);
  • Cambiare facilmente, visto che le offerte proposte generalmente non presentano penali in caso di chiusura anticipata del contratto.

E poi, c’è da considerare che la maggior tutela cesserà il prossimo 10 gennaio 2024 (per PMI e microimprese è già terminata). Considerando che mancano ormai pochi mesi, e che i prezzi rispetto al mercato libero si stanno rivelando spesso più alti, appare ancora più conveniente effettuare il passaggio.

Che succede con la fine del tutelato? Per avere un quadro più chiaro della situazione, leggi lo speciale su cosa succederà con la fine del mercato tutelato.

Evita i rincari della maggior tutela: scegli un’offerta del mercato libero!

Iscriviti al canale Telegram di SelectraSe vuoi essere sempre aggiornato su offerte, tariffe e novità del mercato energetico, non devi fare altro che iscriverti al canale Telegram di Selectra. Clicca qui per iscriverti ora!

Come visto, contro gli aumenti spropositati del regime a maggior tutela, la soluzione più incisiva sembra essere quella di affidarsi al mercato libero. È importante allora scegliere nel migliore dei modi l’offerta che più si avvicina alle proprie necessità.

Per una panoramica generale, affidati al nostro confronto delle migliori proposte del mercato libero. Qui sotto, invece, trovi le tre offerte top del momento:

Offerte Luce e Gas: la classifica delle tariffe più convenienti di Febbraio 2023
POSIZIONE NOME OFFERTA SPESA* (€/mese)
first-place

Prima Posizione
Sorgenia Next Energy Sunlight Luce e Gas
sorgenia
Tariffa indicizzata
LUCE: 54,2€
GAS: 92,9€


02 8295 8095 Attiva online Sconto 80€Attiva online (Sconto 80€)
secondo

Seconda Posizione
A2A Smart Casa Luce e Gas

a2a
Tariffa indicizzata
Esclusiva online
LUCE: 62,6 €
GAS: 88,6 €


Attiva online Attiva online
third-place

Terza Posizione
NeN Special 48 Luce e Gas

a2a
Tariffa prezzo fisso
Esclusiva online
LUCE: 62 €
GAS: 106,3 €


Attiva online Sconto 96€ Attiva online (Sconto 96€)
Parla con noi

*La spesa mensile è stata calcolata con una stima del prezzo medio del PUN (luce) e del PSV (gas) del prossimo anno realizzata dall'Autorità e con un consumo di 1800 kWh/anno per la luce e 800 Smc/anno per il gas ad uso riscaldamento di una famiglia di 3 persone.

Curiosità sul podio delle offerteNen ti regala un bonus di 96€ mentre con Sorgenia lo sconto è di 180€ se attivi luce, gas e fibra, di 80€ attivando solo due forniture tra luce, gas e fibra. 

aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche