Per info su attivazione luce e gas

010 848 01 61 Richiamata gratuita

Bonus energia: nel 2017 in aumento del 12% le famiglie beneficiarie

Dalla relazione annuale dell'Autorità nel 2017 sono aumentate le famiglie che usufruiscono del bonus elettrico e gas, tuttavia è ancora bassa la percentuale dei consumatori che ne beneficiano rispetto al totale degli aventi diritto.

costo caldaia

Quanto vale il bonus energia?

Il bonus energia è stato introdotto nel 2009 dal Governo ed è gestito e regolato dall'Autorità per l'energia e gas (ARERA). L'agevolazione riguarda sia le utenze di energia elettrica sia quelle di gas per motivi di disagio economico e/o fisico. Per poterne beneficiare è necessario avere dei requisiti e rientrare in una determinata soglia ISEE.
Come ogni anno l'ARERA pubblica la relazione annuale sullo stato dei servizi e l'attività svolta, con un'analisi molto dettagliata sul mercato dell'energia e del gas. Riguardo il bonus energia si evidenzia come il numero delle famiglie che ha ottenuto il bonus sia aumentato. Purtroppo sono ancora in pochi ad esserne a conoscenza e ad oggi, una persona su tre degli aventi diritto ne usufruisce.

Che cos'è il bonus energia e come funziona?

Il bonus è un'agevolazione prevista dallo Stato per coloro che hanno un disagio fisico o economico. Attualmente esistono tre tipologie diverse di bonus:

  1. Bonus elettrico per disagio economico, certificazione ISEE fino a 8.107,5 € per la generalità degli aventi diritto oppure 20.000 € per i nuclei familiari con più di tre figli a carico.
  2. Bonus elettrico per disagio fisico, a beneficio dei clienti domestici con una grave malattia che necessita l'utilizzo di apparecchiature elettromedicali.
  3. Bonus gas, per un nucleo familiare con reddito non superiore a 8.107,5 € o con più di 3 figli a carico e reddito non superiore a 20.000 € e con contatore di gas di classe non superiore a G6 (per le utenze domestiche la classe del contatore gas è pari a G4).

I bonus sono cumulabili e ogni nucleo familiare può fare la richiesta ad un solo bonus per ciascuna tipologia.

Per risparmiare sulla bolletta puoi scegliere una tariffa più conveniente rispetto all'attuale. Prendi una bolletta sottomano e contatta per un confronto gratuito lo 010 848 01 61   o utilizza il servizio di richiamata gratuita

Come fare la richiesta del bonus luce e gas?

Ad oggi è inoltre possibile richiedere entrambi i bonus con la stessa modulistica, che è stata unificata nel 2014 proprio per favorire la cumulabilità. Nel 2017, così come negli anni precedenti, il 68% di coloro che hanno usufruito del bonus elettrico, ha ottenuto anche il bonus per il gas. Per poter beneficiare del bonus bisogna essere in possesso dei requisiti previsti e fare un'apposita richiesta al Comune di residenza o presso un CAF, Centro di assistenza fiscale, presentando tutti i moduli debitamente compilati. Una volta accettata la domanda, la riduzione viene accreditata in bolletta tutti i mesi e lo sconto dipende dalla composizione del nucleo familiare.
Scopri tutti i dettagli e i moduli necessari per fare la richiesta del bonus energia.

Nel 2017 aumento del 12% per il bonus energia

A partire da gennaio 2017 è stata aumentata la soglia dell'ISEE per usufruire del bonus, che è passata da 7.500€ a 8.107,5€ come previsto dalla normativa. Sempre da gennaio 2017 era stato previsto anche un aumento per lo sconto nella bolletta elettrica, che è passato dal 20% al 30%. Per le famiglie numerose, ossia con almeno 4 figli a carico, le condizioni per l'accesso sono rimaste inalterate.
L'innalzamento della soglia ISEE ha fatto sì che, dopo due anni di sostanziale stabilità del 2015 e 2016, l'anno scorso ci sia stata questa crescita delle domande. Sul totale dei bonus erogati la variazione del 2017 è stata pari al 12% rispetto all'anno precedente.

 

Fonte : Relazione annuale ARERA 2018 volume II - Attività svolta

Il bonus elettrico per i bassi redditi e per disagio fisico aumenta

La prevalenza delle famiglie titolari del bonus elettrico per disagio economico hanno non più di quattro componenti. L'ammontare del bonus dipende dal numero delle persone del nucleo e nel 2017 è stato pari a 112€ per 1-2 componenti, 137€ per 3-4 componenti e 165€ per famiglie con più di 4 componenti.
Nel 2008 la normativa ha stabilito che il bonus sociale elettrico fosse esteso automaticamente anche ai beneficiari della Carta acquisti ed in modo analogo nel 2017 anche ai titolari di Carta REI. Queste sono carte di pagamento elettroniche introdotte per dare un sostegno alle persone meno abbienti. Per queste famiglie nel 2017 c'è stato invece un decremento, pari al 7,8%, secondo l'Autorità dovuto alle criticità della modalità automatica di accesso.

Anche il bonus per disagio fisico nel 2017 ha visto un aumento del 7,5% rispetto al 2016. Questo bonus è per le persone che impiegano apparecchiature elettriche per il mantenimento in vita. L'importo dipende dal tipo di apparecchiatura e dal consumo medio e delle ore di utilizzo al giorno, certificate dalla ASL.

Il bonus gas richiesto da 500mila famiglie

I consumatori che usufruivano del bonus gas a dicembre 2017 erano quasi 500mila, in crescita dell'11,4%. Le forniture individuali, ossia con il riscaldamento autonomo, rappresentano il 94,8%, quasi il totale delle utenze agevolate rispetto alle forniture centralizzate. L'agevolazione è per tutte le tipologie di utilizzo del gas, per cottura cibi, acqua calda e riscaldamento, anche se quest'ultima categoria mantiene una dominanza, l'83% del totale.