Per info su attivazione luce e gas

010 848 01 61 Richiamata gratuita

Nucleare francese in crisi: possibile aumento dei prezzi della luce in Italia?

Alcune centrali nucleari in Francia sono sotto controllo, uno stop alla produzione di elettricità potrebbe far aumentare il prezzo della luce, ecco come correre ai ripari.

centrale nucleare

Centrale nucleare

La stagione fredda è alle porte e si prevede la possibilità che in Italia il prezzo dell'energia elettrica aumenti.
Ma non per colpa del prezzo delle fonti primarie, ossia il petrolio e il gas naturale, come si tende sempre ad immaginare, bensì per questioni d'oltralpe.
Il paradosso accade per via del mercato europeo dell'energia, sempre più connesso tra i paesi che ne fanno parte. Quello che è già accaduto l'anno scorso, potrebbe ripetersi quest'anno.
Una diminuzione della produzione elettrica francese rischia di far aumentare il prezzo delle bollette in Italia. 


Perché il nucleare francese aumenta il prezzo della luce in Italia?

Il fenomeno a cui abbiamo assistito l'anno scorso per la prima volta potrebbe accadere di nuovo.
Dopo l'estate 2016 alcune centrali nucleari in Francia sono state chiuse per la normale manuntenzione ed altre per controlli sulla sicurezza. Questo ha portato ad un deficit della produzione di elettricità che ha portato ad un aumento del prezzo alla borsa elettrica italiana.

L'aumento del prezzo è dovuto al fatto che l'Italia importa dalla Francia circa il 10-12% dell'energia che viene consumata.

Il motivo di ciò è che l'elettricità prodotta dal nucleare è in genere meno cara di quella proveniente da gas e carbone.

Quest'anno in seguito ad una serie di controlli, 15 centrali nucleari su un totale di 54, sono sotto osservazione. Un impianto è già stato fermato e altri 9 potrebbero esserlo a breve per lavori che forse dureranno per alcuni mesi. Inoltre il riavvio di alcune centrali nucleari, chiuse temporaneamente per lavori, è stato posticipato rispetto alla data prevista.
Si corre il rischio che la quota di energia destinata all'esportazione diminuisca, anche per via del fatto che in Francia sono molto diffusi gli impianti di riscaldamento elettrici e quindi i loro consumi durante l'inverno aumentano.
Se così fosse in Italia dovremmo far ricorso all'utilizzo delle centrali a gas per sopperire alla diminuzione, la cui elettricità è mediamente più costosa.
Come correre ai ripari per non far lievitare la bolletta della luce?

Offerte luce a prezzo fisso

010.848.01.61

Come risparmiare sulla bolletta luce?

Ricordiamo che per coloro che hanno un disagio economico e/o disagio fisico è previsto un bonus sociale. Chi ne ha diritto riceve uno sconto nella bolletta della luce o del gas, in base al numero di componenti del nucleo familiare.

luce

Le offerte del mercato a prezzo bloccato

Ogni cliente ha la possibilità di scegliere il proprio gestore al prezzo della luce stabilito. Nel mercato i fornitori decidono il prezzo dell'energia elettrica da applicare ai clienti in maniera libera. Il prezzo delle tariffe può essere bloccato per un certo periodo di tempo oppure variabile.
Nel primo caso la tariffa viene stabilita per un determinato periodo, che può essere in genere di uno, due o tre anni. In questo caso saremo al sicuro da eventuali aumenti improvvisi del costo della luce.
Con una tariffa variabile invece, ad esempio così come è quella del mercato tutelato, il prezzo può cambiare perché segue l'andamento del prezzo all'ingrosso del mercato.
Per informazioni sulle offerte a prezzo fisso chiama lo 010.848.01.61   o fatti richiamare gratuitamente.

Diminuire il consumo di elettricità

Un'altra opzione per abbassare la bolletta della luce è quello di cercare di diminuire il consumo di elettricità. Con qualche semplice accorgimento è possibile ridurre il consumo solo modificando le nostre abitudini: spegnere le luci, regolare lo scaldabagno elettrico alla giusta temperatura, impostare il condizionatore, avviare lavatrice e lavastoviglie a pieno carico ecc.

In alternativa se hai la possibiltà di un investimento economico puoi pensare di installare una pompa di calore ad alta efficienza o un impianto fotovoltaico.
Le detrazioni fiscali previste dallo Stato prevedono diverse agevolazioni per l'installazione di apparecchi che migliorano l'efficienza energetica della casa.