Fine Maggior Tutela, accesso all'elenco dei venditori abilitati

confronto luce e gasconfronto luce gas

Confronta le offerte e risparmia 150€ all'anno!

Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 20 e il sabato dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18.

La legge sulla concorrenza prevede un elenco delle società abilitate alla vendita di energia elettrica.
Ecco le modalità proposte dall'Autorità per garantire una certa affidabilità delle aziende sulla loro attività nei confronti dei clienti finali.

La Legge Concorrenza prevede la fine del mercato tutelato e che venga creato un elenco delle società abilitate alla vendita di energia elettrica ai clienti finali, in maniera analoga a quanto già avviene per i venditori di gas naturale.

L'Autorità per l'energia elettrica ed il gas ha proposto le modalità ed i requisiti per l'accesso all'elenco dei venditori. Ecco i punti salienti del documento dell'Autorità in consultazione: requisiti di onorabilità, finanziari e tecnici con 4 classi di affidabilità, aggiornamenti periodici e dati accessibili anche ai clienti finali.


Che cos'è la legge sulla concorrenza?

La legge sulla concorrenza comporterà cambiamenti significativi in molti settori, tra cui quello del mercato dell'energia elettrica e del gas. In particolare viene stabilita la fine del servizio di maggior tutela a partire dal primo luglio 2019. Questa riforma impatta su milioni di utenze domestiche che attualmente sono nel mercato tutelato.
L'impegno di tutti i soggetti coinvolti, dai fornitori alle Autorità alle associazioni di consumatori, è necessario per creare le condizioni ideali per i consumatori.

La grande svolta riguardo il passaggio dei clienti al mercato libero deve avvenire con appositi accorgimenti regolatori e con una maggiore vigilanza in merito al prezzo e alle società di vendita.
La completa liberalizzazione è stata chiesta dall'Europa e avverrà in maniera graduale, accompagnata anche da una serie di strumenti per i cittadini come la Tutela Simile.

Cosa significa la fine della maggior tutela ed il passaggio a libero mercato?

Il risparmio è possibile nella libera concorrenza

Tutti i clienti che ora hanno diritto al mercato tutelato dovranno obbligatoriamente scegliere un proprio fornitore nel mercato libero.
Finora sembra che ci sia ancora un'avversione al mercato, per difficoltà dovute all'informazione, alla fiducia e alla paura di andare incontro a problemi.
Gli operatori dovranno offrire almeno una proposta di fornitura di luce o gas a prezzo variabile ed una a prezzo fisso e le offerte saranno pubblicate in un portale dedicato. In questo portale online saranno raccolte tutte le offerte del mercato della vendita al dettaglio, per favorire una piena confrontabilità delle opzioni a disposizione per poter scegliere in maniera consapevole.
Per non arrivare impreparato al passaggio definitivo, puoi iniziare a confrontare le offerte del mercato, chiama lo 010.848.01.61 (lun-ven dalle 8:30 alle 20 e sab dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18) o fatti richiamare gratuitamente per una consulenza.

Perché la legge ha previsto l'elenco dei venditori e di cosa si tratta?

La legge prevede inoltre la creazione di un elenco dei soggetti abilitati alla vendita di energia elettrica ai clienti finali, così come avviene per il gas. L'Autorità ha pubblicato a settembre 2017 il documento con le modalità per l'accesso a tale elenco.

L'introduzione di determinati requisiti è necessaria per evitare anche i casi di insolvenza aziendale, come ad esempio il recente caso che ha coinvolto Gala.


Sarà il Ministero per lo sviluppo economico che adotterà un decreto specifico partendo dal documento. All'interno del sito internet del Mise, sarà reso visibile l'elenco con la lista degli operatori.
La proposta dell'Autorità individua tre categorie di requisiti:

  • requisiti di onorabilità
    da parte degli amministratori, dei legali rappresentanti delle società che devono dimostrare adeguata solvibilità aziendale
  • requisiti di natura finanziaria
    con indicatori che controllano le voci di bilancio e verificano l'effettiva solvibilità verso gli attori del mercato (puntualità dei pagamenti ecc) per evitare il rischio di default
  • requisiti tecnici
    per gestire in modo corretto la relazione dei propri clienti, tra cui reclami e contestazioni

Per cambiare venditore

010.848.01.61

Le 4 aree per entrare nell'elenco: condotta commerciale e gestione contrattuale, qualità commerciale, fatturazione e morosità

Gli indicatori per garantire la capacità delle imprese di assicurare il rispetto delle regole vigenti a tutela dei clienti finali riguardano diverse aree.
L'Autorità ha individuato in queste 4 aree tematiche le questioni più rilevanti:

  1. condotta commerciale e gestione contrattuale
  2. qualità commerciale
  3. fatturazione
  4. morosità

Alcuni requisiti saranno imprescindibili per rientrare nell'elenco e ciascun fornitore avrà una classe di affidabilità. Aggiornamenti periodici sulle società saranno effettuati con delle verifiche, per garantire la massima tutela dei consumatori.

aggiornato il

Ti potrebbe interessare anche