Sconti in bolletta che probabilmente non sai di poter sfruttare

confronto luce e gas

Risparmia sulle Bollette Luce e Gas con SicurInsieme!

Unisciti al Gruppo d'Acquisto SicurInsieme per risparmiare in bolletta e farti tutelare da Unione Nazionale Consumatori: più siamo, più risparmiamo!

confronto luce e gas

Risparmia sulle Bollette Luce e Gas con SicurInsieme!

Unisciti al Gruppo d'Acquisto SicurInsieme per risparmiare in bolletta e farti tutelare da Unione Nazionale Consumatori: più siamo, più risparmiamo!

Sei a caccia di nuovi consigli su come risparmiare in bolletta luce e gas? Forse rientri tra i consumatori italiani che hanno diritto a richiedere il bonus sociale. Vediamo insieme di cosa si tratta e quali sono i requisiti per richiederlo.

Da qualche tempo a questa parte, le associazioni di consumatori stanno investendo sulla campagna “Bonus a sapersi”, per informare i cittadini e aiutarli a conoscere quali sono i documenti da presentare per fare richiesta di bonus sociale. Attualmente solo il 34% degli aventi diritto ha chiesto un aiuto economico per le bollette della luce e solo il 27% per il bonus gas: questo dimostra che il lavoro di sensibilizzazione è ancora lungo.

Sai cos’è il bonus sociale?

Si tratta di un aiuto economico per le famiglie in situazioni di disagio economico e nuclei familiari numerosi: facendo richiesta al tuo comune, o presso un ente da esso designato, avrai uno sconto sul prezzo delle bollette di luce e gas. Il bonus è stato introdotto dal Governo con il DM 28/12/2007 e reso operativo dall’Autorità, in collaborazione coi Comuni italiani.

Per il gas esiste solamente un bonus per disagio economico, mentre per l’energia elettrica si può richiedere anche un bonus per situazioni di disagio fisico: possono fare richiesta le famiglie che hanno un membro affetto da gravi problemi di salute, che lo obbligano all’utilizzo di apparecchiature elettromedicali. In questo caso, sarà necessaria una certificazione rilasciata dall’Asl, in cui si attesta il tipo di apparecchiature in utilizzo.

Per il 2018, i requisiti per richiedere il bonus per disagio economico sono i seguenti:

  • Clienti domestici e residenti nell’abitazione per cui si fa la richiesta di bonus
  • Reddito ISEE: inferiore a 8.107,50€ per nuclei con meno di 3 figli a carico oppure inferiore a 20.000€ per famiglie con più di 3 figli a carico
  • Per l’energia elettrica: la potenza del contatore deve essere fino a 3 kW per una famiglia composta da massimo 4 membri; oppure fino a 4,5 kW per un nucleo familiare costituito da oltre 4 persone
  • Per il gas: il contatore deve essere di una classe fino a G6 (solitamente i contatori delle case sono di classe G4)

Info risparmio

I bonus sono cumulabili, quindi ogni famiglia può chiedere sia il bonus per disagio economico che per disagio fisico. Per maggiori informazioni puoi guardare il nostro video tutorial dedicato al bonus sociale:

 

Come si richiede il bonus sociale?

La richiesta di bonus sociale deve essere presentata nel comune di residenza oppure presso un ente da esso designato. Per capire se il Caf ha accettato la tua richiesta, dovrai recarti presso il comune in cui hai fatto richiesta oppure controllando lo stato della tua domanda di bonus sociale sul sito www.bonusenergia.anci.it.

Se avrai tutti i requisiti e la tua domanda verrà accettata, troverai il bonus sociale direttamente nelle bollette di luce e gas, in cui sarà dettagliato di volta in volta lo sconto di cui hai diritto. Il bonus sarà erogato dopo circa 2 mesi dalla presentazione della domanda.

Quali documenti presentare al comune? Nell'articolo con i documenti per presentare il bonus sociale trovi tutte le informazioni necessarie.

Come si rinnova il bonus sociale?

Il bonus per disagio fisico si rinnova automaticamente finché sono in utilizzo gli apparecchi elettromedicali. Nel caso in cui dovesse aumentare il numero di apparecchiature in utilizzo, si dovrebbe inoltrare una richiesta di adeguamento del bonus.

Il bonus sociale per luce e gas, per condizioni di disagio economico, invece, deve essere rinnovato ogni 12 mesi: circa un mese prima della scadenza del bonus, l’intestatario delle fatture di energia elettrica e metano, deve inoltrare una nuova richiesta di aiuto economico, se compie ancora i requisiti richiesti per avere il bonus.

Cosa succede se cambi fornitore?

Se sei interessato a cambiare fornitore per luce e gas non temere: non perderai il bonus! L’aiuto economico infatti dipende dallo Stato e non dal gestore, ragion per cui continuerai ad usufruire di questo aiuto fino al termine di validità, sempre e quando tu risponda ai requisiti per usufruirne.

Se vuoi capire qual è l’offerta di luce e gas che ti può convenire maggiormente, contattaci allo 010.848.01.61 e un nostro operatore ti aiuterà nella scelta della società di vendita più vantaggiosa per te.

aggiornato il